(Parte di) Gli eurodeputati si incontrano di nuovo contro la loro volontà a Strasburgo

Per la prima volta in 15 mesi, il Parlamento europeo si riunisce di nuovo a Strasburgo. La pandemia di corona lo ha reso impossibile per qualche tempo. La Francia sta cercando da tempo di riportare gli eurodeputati nel Paese.

“E’ un buon giorno per la democrazia”, ​​ha detto Fabian Keeler, ex sindaco di Strasburgo. Ora è membro del Parlamento europeo. “Sono entusiasta che il Parlamento torni a casa”. A differenza di molti altri eurodeputati, preferisce tenere riunioni in città.

I francesi hanno lanciato una vera e propria campagna di vaccinazione per riportare i deputati e il loro personale a Strasburgo. Con inviti alle vaccinazioni Pfizer per chi vuole.

Un giovane impiegato bulgaro del Parlamento europeo è felice di accettare questa offerta. “Sì, sono venuto qui perché posso vaccinarmi. Non è ancora il mio turno in Bulgaria”. Preferisco non essere nominato. “Può ancora essere visto come se stessi curiosando tra un cazzo qui, o come una tangente. E in effetti potrebbe essere vero.”

‘gratuito’

Il deputato polacco Rysard Czarnicki sta avendo meno problemi a uscire per vaccinarsi. “Ho pensato che fosse un’ottima idea da parte dei francesi – dice – Nei prossimi giorni potrò riprendermi con calma da eventuali effetti collaterali della pugnalata”. “In Polonia non ho avuto quattro giorni di ferie consecutivi”. gratuito? Ma non dovrebbe lavorare qui? “Sì, ma la plenaria dura quattro giorni. E poi posso calmarmi.”

Nonostante una generosa esibizione di vaccinazioni, rimane abbastanza tranquillo nei corridoi del Parlamento europeo. Meno della metà dei membri del Parlamento europeo è venuto in Francia. Molto meno della metà dei membri olandesi.

READ  Vuoi una vacanza estiva? Questi paesi non sono aperti ad esso

Di solito qui c’è un alveare

La maggior parte dei gruppi politici invia una o due persone al massimo, che non restano a Strasburgo tutta la settimana. Gli altri votano da qualche altra parte in digitale. Ho frequentato Sophie in ‘t Veld di D66. “Qui di solito è un alveare – dice -. Sono contro la mia volontà perché sono contro Strasburgo come sede del Parlamento europeo”.

È ancora possibile votare e parlare in Parlamento a distanza. Non devi essere a Strasburgo per questo. Non è chiaro se ciò sarà ancora possibile dopo la pandemia. Questa opzione ibrida potrebbe essere un modo valido e permanente per incontrarsi in modo che tutti non debbano fare il pendolare tra Bruxelles e Strasburgo ogni mese? In ‘t Veld non la pensi così. “Non puoi fare politica a distanza. Se vuoi negoziare, lo fai faccia a faccia, non attraverso uno schermo. La democrazia e il controllo parlamentare sono più importanti che mai, per questo sono qui”.

circo in movimento

Secondo i trattati, i membri del Parlamento europeo devono riunirsi in Francia dodici volte l’anno. La grande maggioranza dei deputati vuole sbarazzarsi del circo mobile mensile.

Ma non si tratta di questo. Ciò non è possibile senza un emendamento al trattato e un emendamento al trattato richiederebbe il sostegno di tutti gli Stati membri, compresa la Francia. E questo è soddisfatto ora che finalmente ricominciano gli incontri. Fabian Keeler, eurodeputato del Parlamento europeo, è entusiasta: “Senti la campanella? Stiamo per iniziare la prossima discussione, che bel suono sentire di nuovo!”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24