Paul Pullman: “Serve la comunità imprenditoriale per dare più coraggio alla politica”

Pullman ha già un modo di parlare intenso e divertente, ma è ancora più eccitato quando si parla del triangolo tra governo, affari e classe media. La quota delle PMI nell’economia dei Paesi Bassi è stimata tra il 65 e il 70%. Continua, dicendo che potrebbe potenzialmente diventare di più “perché non vogliono le multinazionali qui nei Paesi Bassi”, riferendosi alla partenza di Unilever e del quartier generale di Shell dall’Olanda per l’Inghilterra. Le PMI rappresentano il 95% nella maggior parte dei paesi e sono “il pilastro dell’economia!” Dice con entusiasmo, seguito da un afflusso improvviso: “Non abbiamo parlato abbastanza delle PMI nel libro. La scorsa settimana abbiamo parlato con Andrew (co-autore Andrew Winston): pubblicheremo un numero speciale sulle PMI? In qualità di presidente della Camera di Commercio Internazionale (ICC), di cui 48 milioni di aziende sono affiliate, abbiamo creato un programma climatico per le piccole e medie imprese in tutto il mondo. La gente ha detto che è impossibile per l’ICC renderlo una priorità, ma si fuori è possibile.

Come si presenta una relazione multinazionale con le PMI?

Unilever è una multinazionale, ma in ogni Paese sei un’azienda media, grande oa volte piccola. C’erano migliaia di PMI nelle nostre catene del valore, che facevano andare avanti l’economia. È un peccato che l’intera storia di Unilever nei Paesi Bassi sia stata politicizzata nella discussione sulla tassa sui dividendi, che non è spiegata adeguatamente.

L’hai considerata una sconfitta?

I politici credono di aver vinto la battaglia, ma di aver perso la guerra. È un peccato per i Paesi Bassi aver perso l’imposta sugli utili e società come Shell e Unilever. Ma la combinazione di tasse e multinazionali è sempre registrata sui giornali. Il punto era che non avresti avuto un azionista straniero qui se avesse dovuto pagare di più. Se lo stesso prodotto è più economico a Lidl che ad Albert Heijn, non andare da Albert Heijn per pagare di più lì. L’azionista la pensa allo stesso modo. È stata introdotta anche come tassa per Unilever, cosa che non avviene. Unilever non ha mai detto di voler pagare meno tasse, ma dovremmo avere un sistema con le tasse giuste. Ovviamente non ho problemi con Unilever che paga le tasse. L’imposta sulle società è stata ridotta nei Paesi Bassi. Abbiamo suggerito di non farlo. Vediamo anche che molte società si sono successivamente stabilite in Irlanda e nei Paesi Bassi utilizzando una casella postale. Non fanno nulla per l’economia. Questo è ciò su cui dobbiamo concentrarci.

READ  La strada per il successo aziendale e la dolce vita

Quando parli con Paul Pullman, la guida non è mai lontana, usa spesso la parola. Non stupisce chi è stato amministratore delegato di Unilever dal 2009 al 2019, multinazionale con un fatturato di oltre 50 miliardi di euro e 150.000 dipendenti. Qualunque cosa tu stia parlando, dice, si tratta sempre di leadership. Che per lui significa: fare la cosa giusta, non fare ciò che è nel tuo interesse. E nel fare ciò, devi tenere a mente le ragioni alla base della crisi che vuoi risolvere.

Di cosa si tratta in questo momento?

Questa non è una crisi di cambiamento climatico, disuguaglianza o sicurezza alimentare, ma di avidità, indifferenza ed egoismo. Per riassumere il libro, nella sua essenza, si tratta di rimettere in azione l’umanità. Il Covid ha in qualche modo ripristinato l’umanità perché vediamo che ci siamo dentro tutti insieme. Se ci lavoriamo insieme, possiamo anche risolverlo insieme. È la consapevolezza di “ri-umanizzare”.

Come è stata strappata via quell’umanità?

“I mercati finanziari si sono allontanati sempre di più dal business. È diventato ‘day trading’ o ‘index fund’. La ‘proprietà’ è cambiata”. . Il lato umano è stato tolto al lavoro. Ma Friedman viveva 50 anni fa, in un mondo completamente diverso. Se scrivesse i suoi pensieri oggi, scriverebbe che incoraggiava comportamenti sbagliati. Infatti, lo difendo sempre dicendo che ha penserebbe diversamente oggi.

Come hai espresso la tua umanità da CEO?

È nel tuo DNA. Mi interessa la sofferenza dei poveri. Quando vedo che stiamo causando la morte di più poveri, posso essere apertamente commosso dalle lacrime. Penso che dovresti dimostrarlo come leader. Con il covid, vedi anche che i leader che hanno più empatia, sono “guidati agli obiettivi” e pensano tra generazioni e in partnership, fanno bene. Hanno più fiducia nei loro sostenitori e le loro aziende fanno meglio in una crisi. Adesso c’è una tremenda pressione su tutti: lavorare da casa, pressione psicologica. Poi la nuova leadership aiuta, la leadership umana.

READ  Ha girato il protagonista in NK Tame

Stai parlando di leadership negli affari. Dove lo lasciano i politici?

I politici combattono i sintomi e non guardano a cosa c’è dietro il problema per risolverlo. Non c’è ossigeno per quello, non c’è tempo. Spesso le aziende devono fare i conti anche con questo. Le persone sono intrappolate in “limiti” che definiscono il loro comportamento. Rimuovere quelle restrizioni.

Ad esempio cancellare i numeri trimestrali?

Quando premi le persone di Unilever per il numero di fatture che scrivono, si comporteranno in modo diverso rispetto a quando le premi per la creazione di relazioni con i clienti. Tutti gridano sempre quanto sia importante cancellare i guadagni trimestrali, ma era un modo per cambiare comportamento. Ecco di cosa si trattava. L’amministratore delegato dovrebbe lavorare nei boschi, non nei boschi. Anche molti CEO lo vorrebbero, e anche loro vogliono questi cambiamenti, ma i mercati finanziari li stanno appesantendo. La maggior parte dei dipinti proviene dal mondo antico. Non capiscono il nuovo mondo. Penso che l’arrivo degli International Sustainability Standards Board, che delineano il modo in cui le aziende riferiscono sulla sostenibilità, sia uno sviluppo positivo. Crea responsabilità, anche per i consigli di amministrazione.

Il cambiamento comportamentale è più importante della tecnologia?

“Molto più importante, il mille per cento. Puoi risolvere il 90% dei problemi con comportamenti diversi. Siamo esperti di tecnologia, sappiamo costruire case, ma sempre più persone sono senzatetto. Sappiamo produrre cibo, ma più e più persone stanno morendo di fame Abbiamo soluzioni alla maggior parte dei problemi che affrontiamo La maggior parte dei problemi può essere risolta con la tecnologia che già abbiamo Tuttavia non funziona Il che aiuta anche: Annullare il supporto difettoso Risolvere i problemi in tutto il mondo Lavorare insieme invece di guardare al proprio interesse Questo è tutto Le soluzioni di cui avete bisogno Apprezzo il libro di Bill Gates “La tecnologia salva il mondo”. Con l’aumento della povertà e un crescente problema climatico, anche questo ha a che fare con la leadership.

READ  Contratto preliminare di acquisto, a cosa prestare attenzione

Leadership aziendale coraggiosa come sottotitolo del tuo libro letto in inglese?

Avremmo dovuto chiamarli leader coraggiosi. I leader si impegnano a cambiare il comportamento. Posso essere stato ingenuo nella mia vita e a volte ho detto cose che avrei dovuto pensare di più, ma due cose le ho sempre fatte: ho sempre detto quello che ritenevo necessario. E non ho negato i miei valori.

Puoi fornire esempi di ciò?

“In Unilever non abbiamo mai fissato obiettivi minimi a cui saremmo sempre sfuggiti, ma sono obiettivi di cui il mondo ha bisogno. Niente più emissioni di CO2 entro il 2030, diritti umani lungo tutta la catena del valore, parità di genere, approvvigionamento sostenibile, e così via. cosa lo farai. Allora ti verrà detto: ‘Sei pazzo! Tu esageri! È PR!” Oppure ti attaccano. Tuttavia, ho detto: se pensiamo che sia necessario, allora questo è il punto. Un altro esempio: abbiamo esaminato la nostra azienda Oxfam in Vietnam e pubblicato i nostri risultati. Molte delle questioni che abbiamo discusso insieme sono emerse per creare un fondamento.”

Accetta le critiche dei media?

“Non mi interessa molto quello che scrivono di me sui giornali. Non si tratta di me. In questo modo puoi continuare a seguire la tua strada. In Unilever, sapevano che mi ero fissato degli standard elevati e non l’ho fatto da solo . Riguarda gli alti obiettivi che persegui. Le persone che hanno capito di voler lavorare con noi per questo motivo. Cammineranno nel fuoco per te. Abbiamo avuto un alto livello di coinvolgimento dei dipendenti per un motivo e nella maggior parte dei paesi eravamo i azienda più attraente per cui lavorare.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24