Peng Shuai è tornato, ma la WTA non è ancora finita con la Cina

C’è Bing Shuai. Mentre un piccolo esercito di bambini cinesi arriva con strumenti musicali in mano pronti a suonare, arriva la star del tennis cinese di 35 anni. Camminare sulla strada giusta. Sembrava sana e giocosa, ha autografato alcuni bambini e poi ha posato per una foto di gruppo con indosso la sua giacca Fila blu.

Il marchio italiano di abbigliamento è lo sponsor principale del torneo junior di tennis di Pechino, quando il numero uno al mondo di doppio è apparso all’improvviso questo fine settimana. Quando Peng viene presentato dall’altoparlante dello stadio, saluta brevemente gli spalti appena pieni, sorridendo e inchinandosi leggermente.

La domanda su dove si trovi la star del tennis cinese, e in quali circostanze, ha occupato per giorni il mondo del tennis e sempre più la comunità internazionale. hashtag # racconto È stato condiviso decine di migliaia di volte online.

Si è saputo poco di lei da quando Peng ha scritto sulla piattaforma di social media cinese Weibo all’inizio di questo mese di essere stata aggredita sessualmente da Zhang Gaoli, l’ex vice primo ministro della Repubblica popolare cinese. Il suo post è stato cancellato entro 20 minuti, le sue ricerche per nome e il tennis sono stati censurati in Cina e Bing non è più stato visto in pubblico. I suoi account sui social media sono stati sospesi.

Leggi anche: La star del tennis Peng è scomparsa dopo le accuse di #MeToo

Fino a questo fine settimana, quando all’improvviso le sue foto Peng casa In primo piano su WeChat. Poi su Twitter sono apparse le foto di Peng die cenando In un ristorante di Pechino. Domenica sono seguite le foto della sua visita al campo da tennis della capitale cinese.

Le Nazioni Unite e la Casa Bianca

Le foto sono emerse dopo una settimana in cui le richieste di segnali di vita da parte di Bing sono rapidamente aumentate. Le Nazioni Unite e la Casa Bianca, tra gli altri, volevano vedere prove della sua sicurezza. Prima di allora, grandi nomi del tennis, tra cui Serena Williams, Novak Djokovic e Naomi Osaka, avevano chiesto chiarimenti.

Tuttavia, sembra che sia stata la WTA, l’organizzazione mondiale dei tennisti professionisti, a muovere principalmente la questione. Dopo che i media statali cinesi hanno rilasciato una dichiarazione presumibilmente scritta da Ping la scorsa settimana dicendo che stava bene, il CEO di WTA Steve Simon ha parlato in modo inequivocabile. “Trovo difficile credere che Beng Shuai abbia effettivamente scritto questa e-mail”, ha detto mercoledì. Ho provato vari modi per raggiungerlo, ma senza successo. Questa affermazione aumenta le mie preoccupazioni per la sua sicurezza”.

READ  Stipendi dei piloti Alitalia, i più economici d'Europa, dimezzati

Quando i suoi commenti di venerdì non hanno avuto successo, Simon ha fatto un ulteriore passo avanti. vs La CNN ha detto Considerando seriamente la possibilità di ritirare i tornei WTA in Cina: “Siamo a un bivio nel nostro rapporto con la Cina. Troppo spesso in questi giorni permettiamo agli interessi commerciali, alla politica e al denaro di determinare il bene e il male. Questo è più grande del fare affari, le donne devono essere rispettate e non vegliare su di esso.” A nome della WTA, ha affermato di volere un contatto diretto con Peng e chiamato a un’indagine indipendente sulle sue accuse contro Zhang.

La WTA traccia una linea

Mentre la FIFA e il Comitato Olimpico Internazionale designano tornei importanti per paesi come Qatar, Russia e Cina, dove i diritti umani sono chiaramente violati, la WTA traccia una linea chiara nel caso Peng Shuai. Non è senza rischi: la Tennis Association ha programmato dieci tornei in Cina per il 2022, comprese le WTA Finals a Shenzhen. Nel 2015, l’associazione ha firmato un contratto decennale con la cinese iQiyi per i diritti di trasmissione digitale in Cina, del valore di oltre 100 milioni di euro.

La WTA ha spinto forte per l’espansione in Cina sin dalle Olimpiadi di Pechino 2008. Sulla scia del successo della star del tennis Na Li, che ha vinto il torneo Roland Garros 2011, il numero di tornei è aumentato ogni anno. Nell’ultima stagione tennistica senza Corona, 2019, si sono svolti nove tornei con premi complessivi di circa 27 milioni di euro. Ciò include anche quasi 12,5 milioni di euro in palio nelle WTA Finals, il torneo di fine anno per il quale si qualificano i primi otto classificati, un montepremi di oltre 4 milioni di euro per le WTA Finals maschili.

Presidente dell’Associazione Tennis Femminile Steve Simon Traccia una linea chiara nel caso di Peng Shuai.
Foto di Henry Romero/Reuters

Minacciando di lasciare la Cina, la WTA sta mettendo a rischio non solo il modello di guadagno per i suoi migliori giocatori. “Sarebbe un enorme onere finanziario”, afferma l’ex giocatore Marcela Mosker. “Ma devi anche fare i conti con un’immagine.”

READ  La prima gara a Estoril preda di Reading, Van der Mark VII

Mesker afferma che il fatto che la WTA stia prendendo una posizione così chiara potrebbe aiutare a favorire una potenziale uscita dalla Cina. “Sono rimasti molti altri mercati e questa immagine aiuterà a capitalizzare su di esso. Guarda Guadalajara in Messico, che ha ospitato le finali WTA di quest’anno con grande successo. Questa è la prova che ci sono alternative alla Cina. “

originale 9

L’ex giocatore Kristi Bogert afferma che la posizione della WTA non è sorprendente data la storia dell’associazione. Il WTA nasce dai Virginia Slims, tour fondato nel 1970 da nove tennisti, tra cui l’americana Billie Jean King, a causa dell’insoddisfazione per la disparità di trattamento che ricevevano dagli uomini. “Il originale 9Come venivano chiamati questi giocatori, hanno sempre lottato per l’uguaglianza. Questi sono i loro valori fondamentali”, afferma Bogert. “In questo senso, la WTA non aveva scelta”.


Billie Jean King: la doppia vita di un’icona del tennis attivista

Questo spiega perché il CEO Simon ha ricevuto immediatamente il supporto di ex giocatori influenti come King e dei connazionali Chris Evert e Martina Navratilova. Sono viste in egual misura come leggende del tennis e dichiarate paladine dei diritti delle donne.

Anche il CEO di WTA, Simon stesso, ha parlato in precedenza della parità di trattamento dei giocatori di tennis. Il 65enne americano è stato per molti anni il direttore del torneo di tennis americano Indian Wells, che sotto la sua guida è diventato il “Grand Tournament” ed è molto popolare tra i giocatori grazie alla buona organizzazione. Nel 2015 gli è stato chiesto di guidare la WTA.

Sei mesi dopo, è stato messo in una posizione imbarazzante quando il suo successore a Indian Wells, Raymond Moore, ha detto che i giocatori di tennis dovrebbero mettersi in ginocchio ogni giorno e ringraziare Dio per Roger Federer e Rafael Nadal perché possono costruire sul loro successo. Simon ha descritto i commenti di un ex collega che ha lavorato con lui per anni come “estremamente deludenti e inquietanti”. un altro giorno mor . asceso.

Simon è visto come un ragazzo gentile e amichevole, un leader che preferisce rimanere in disparte ma può essere “difficile con le parole morbide” quando necessario, afferma Marcela Mesker. Lo elogia per la sua capacità di comunicare l’importanza del WTA in modo chiaro e disciplinato. Kristi Bogert afferma che anche il fatto di essere stato il direttore del torneo è un vantaggio. “Era già tra i tennisti, quindi sa cosa sta succedendo”.

READ  La famiglia Ross ha creato i pantaloncini (sportivi) perfetti: "Pascal Bocellus è un fan"

Anche Simon è schietto e non sempre riceve la stessa risposta positiva come nel caso di Peng Shuai. Sono state criticate le sue idee di accorciare le partite femminili – ad esempio sostituendo il terzo set con un super tiebreak – o i piani di fondersi con la Federazione ATP maschile, così come la decisione di creare una propria piattaforma di broadcasting per trasmettere le partite.

Questa volta Simon ha l’opinione pubblica dalla sua parte. Rinomati atleti e organizzazioni di tutto il mondo, tra cui la federazione olandese di tennis KNLTB e l’organizzazione sportiva ombrello NOC-NSF, hanno approvato le sue dichiarazioni. Anche le Nazioni Unite e la Casa Bianca sono intervenute dopo le domande sulle sue dichiarazioni.

Per Simon e la WTA, il caso non è ancora finito, con i video di Peng di questo fine settimana. In una dichiarazione di sabato È stato messo online L’amministratore delegato si è detto “felice” di vedere Peng in un ristorante. Ma ha detto che il video da solo non basta. Non è chiaro se siano liberi di prendere le proprie decisioni senza coercizione o interferenze esterne. Rimango preoccupato per la sua salute e sicurezza e per il fatto che le sue accuse di aggressione sessuale vengano censurate e insabbiate”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24