Perché allora i dinosauri sono sopravvissuti?

Quando si parla di dinosauri, la loro rapida scomparsa è menzionata dall’impatto del meteorite. Non si parla mai del periodo in cui sono riusciti a sopravvivere, mentre quasi tutte le altre specie sono morte.

Molte persone sanno come i dinosauri si estinsero 66 milioni di anni fa: un gigantesco meteorite lungo 12 chilometri si schiantò in quello che oggi è il Messico. L’onda d’urto devastante ha distrutto tutto sul suo cammino. Il mondo intero era in fiamme e l’aria era piena di polvere e fuliggine. A causa della mancanza di luce solare, il pianeta era avvolto nell’oscurità. Un periodo lungo, freddo e buio durante il quale molte specie vegetali e animali si sono estinte. Anche i dinosauri hanno trovato la loro Waterloo in questo modo.

l’estinzione del triassico giurassico
Ma c’è stata un’estinzione di massa di specie sulla Terra molto prima. Molte ricerche sono state fatte su questa misteriosa estinzione del Triassico-Giurassico 202 milioni di anni fa, quando il Triassico passò al periodo Giurassico. Sappiamo che sia il Triassico che il Giurassico erano generalmente molto caldi e umidi. Ma non era così ovunque: i fossili nel bacino di Junggar, nel nord-ovest della Cina, mostrano che i dinosauri erano regolarmente esposti a temperature sotto lo zero durante il Triassico. A quel tempo, quest’area era a 71 gradi di latitudine nord.

Specie animale senza importanza
I dinosauri sono stati trovati solo al di sopra del Circolo Polare Artico in quel momento ed erano solo un piccolo gruppo sulla Terra. Coccodrilli giganti e altri rettili dominavano il posatoio. Sappiamo che i dinosauri artici esistevano perché sono state trovate impronte in frammenti di roccia che devono essersi formati da depositi di ghiaccio. I ricercatori ritengono che durante l’estinzione di massa ci siano stati periodi glaciali sempre più lunghi, prima solo ai poli, ma poi anche intorno all’equatore. Di conseguenza, i rettili a sangue freddo si estinsero, mentre i dinosauri si erano già adattati al freddo nelle regioni artiche. Dopo l’estinzione di massa, riuscirono a diffondersi ulteriormente sulla Terra e l’età dei dinosauri iniziò a essere di 135 milioni di anni.

READ  I primi olandesi a ricevere oggi un vaccino contro il vaiolo delle scimmie

sotto il radar
“Durante il periodo Triassico, i dinosauri si muovevano costantemente sotto il radar”, afferma il geologo Paul Olsen Van. Università della Columbia† “La chiave del loro successo nel Giurassico era molto semplice. Erano ben preparati per le basse temperature. Quando ha iniziato a gelare ovunque, erano tutti a posto. Gli altri animali sono rimasti sorpresi”, spiega l’autore principale, Il suo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista professionale progresso della scienza capito.

L’idea è che i dinosauri abbiano camminato per la prima volta sulla Terra circa 231 milioni di anni fa, da qualche parte nell’emisfero australe. C’era un solo continente a quel tempo: Pangea. I dinosauri raggiunsero l’estremo nord dopo circa 17 milioni di anni, dove si adattarono al clima più fresco. Fino a 202 milioni di anni fa, il resto del mondo ospitava coccodrilli, rettili e altri animali preistorici.

caldo e UMIDO
Nel Triassico e in gran parte del Giurassico, le concentrazioni di anidride carbonica erano cinque volte superiori a quelle attuali. Faceva molto caldo e umido e probabilmente non c’erano calotte polari. Gli scavi mostrano che ci sono fitte foreste sopra il Circolo Polare Artico. Tuttavia, i modelli climatici mostrano anche che a volte faceva molto freddo nelle regioni polari. Alla fine del Triassico segue un “breve” periodo di non più di un milione di anni, durante il quale più di tre quarti di tutti gli animali terrestri e marini si estinsero. Alcune specie di tartarughe vivono con alcuni mammiferi. e dinosauri.

Non è chiaro cosa sia successo esattamente. Molti scienziati attribuiscono l’estinzione a periodi vulcanici altamente attivi, che possono durare fino a cento anni. Il continente della Pangea Primordiale è stato diviso in pezzi e i nostri attuali continenti si sono lentamente allontanati. Tutte queste eruzioni vulcaniche hanno aumentato la concentrazione di anidride carbonica nell’aria. Le temperature sulla Terra hanno continuato a salire e l’acidità dell’oceano è diventata eccessiva per molte piante e animali marini.

READ  La Vallonia vuole mantenerla asciutta con Bouwmeester

gas di zolfo
Ma Olsen e il suo team hanno escogitato una nuova teoria: nella fase più violenta dell’eruzione, così tanto gas solforoso potrebbe essere stato spruzzato nell’aria che nessuna luce solare potrebbe raggiungere la superficie terrestre. Ciò ha causato inverni vulcanici ghiacciati che possono durare dieci anni o più.

Ornitholestes, un piccolo teropode piumato. Immagine: Aunt_Spray da Getty Images (tramite Canva.com)

Potrebbe anche congelare ai tropici. Un disastro per i rettili a sangue freddo, ma una manna per i dinosauri a sangue caldo. Secondo gli scienziati, erano già preparati al freddo grazie alla loro calda pelliccia e piume. La prova di questa teoria dell’ascesa dei dinosauri è stata trovata negli scavi cinesi sopra menzionati. La formazione di formazioni rocciose nel bacino, risalenti a 206 milioni di anni fa, può essere spiegata solo dal ghiaccio alla deriva. Inoltre, sulla spiaggia sono state trovate impronte di dinosauri dello stesso periodo. “Si può dedurre da ciò che quest’area gela regolarmente. I dinosauri hanno affrontato bene questo problema”, afferma il coautore e geologo Dennis Kent.

amiche piume
I rigidi inverni che hanno seguito le massicce eruzioni vulcaniche potrebbero aver raffreddato i tropici per diversi anni consecutivi. Questo ha distrutto molte specie grandi, nude e senza piume. “D’altra parte, i nostri amici pennuti erano già abituati alle condizioni invernali a causa del loro passato nelle regioni polari. Sono sopravvissuti al freddo pungente”.

Randall Ermes, curatore di paleontologia ed esperto di primi dinosauri, è d’accordo. “Questa è la prima prova chiara che i dinosauri esistessero sopra il Circolo Polare Artico in condizioni ghiacciate durante l’ultimo periodo del Triassico. La gente ha sempre pensato che il mondo intero fosse umido e caldo in quel momento, ma questo dimostra che questo non era il Astuccio.”

READ  L'invecchiamento è una bufala a sangue freddo? La scienza non è fuori

difficile da trovare
Il leader del progetto Olsen spera che sarà prestata maggiore attenzione ai fossili nelle ex regioni polari, come il bacino di Jonggar. “La documentazione sui fossili è scarsa e nessuno sta guardando”, spiega. Le rocce lì sono grigie e nere, è molto difficile trovare fossili in queste condizioni. La maggior parte dei paleontologi si concentra sul tardo periodo giurassico. È molto più facile trovare un grande scheletro di quel periodo. Quasi nessuno si preoccupava dell’Artico preistorico.

Mentre sono proprio queste scoperte che potrebbero capovolgere la nostra intera immagine dei dinosauri e dei loro meccanismi di sopravvivenza.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24