Perché bisogna parlare di cambiamento climatico: ‘Mostraci cosa sai fare’ | Attualmente

Il cambiamento climatico “è un problema per tutti e per tutto”, afferma Kathryn Hayhoe, nota scienziata del clima presso la Texas Tech University. Per chiarire, dobbiamo comunicare in modo diverso su fatti e soluzioni. “Non si tratta della testa, ma del cuore”.

Come climatologo nel conservatore Texas occidentale, Hayhoe si ritrovò nella fossa dei leoni. Ma attraverso la sua chiesa, le associazioni di quartiere e i social media, è effettivamente entrata in una conversazione con persone che non si preoccupano della crisi climatica o che negano la scienza.

nel suo libro Speranza sulla Terra Hayhoe scrive che il divario tra gli scettici del clima e gli attivisti del clima – e tutto il resto – può essere colmato solo parlando tra loro.

Dobbiamo parlare non solo di come il cambiamento climatico sta effettivamente influenzando e incidendo sulle nostre vite, ma anche delle soluzioni che esistono per prevenire le peggiori conseguenze del riscaldamento globale.

Scrivi che non aiuta continuare a divulgare fatti scientifici sul cambiamento climatico su persone che non ci credono. Deve essere stata un’idea dolorosa per il mondo.

“Molto doloroso. Noi scienziati crediamo che i fatti ci renderanno liberi. Le persone fanno i passi giusti in base ai fatti. Ma 50 anni fa abbiamo raccontato alla gente i fatti e in quei 50 anni abbiamo prodotto il 70 percento delle nostre emissioni di anidride carbonica “Quindi dobbiamo comunicare in modo diverso. Dobbiamo capire che non si tratta di testa, ma di cuore. “

Hayhoe scrive nel suo libro che dobbiamo parlare soprattutto delle conseguenze del cambiamento climatico sulle nostre vite. Non si tratta tanto dello scioglimento delle calotte polari o del destino delle persone dall’altra parte del mondo, ma di come influisce sui nostri hobby, sul lavoro o sull’ambiente di vita immediato. Sulle conseguenze di una siccità sempre più grave per gli agricoltori o sulle conseguenze di inverni più caldi per gli sciatori entusiasti.

READ  Un'ondata di infezione da virus RS tra i bambini e i reparti pediatrici degli ospedali di Amsterdam sono pieni

“Il cambiamento climatico influisce sulla nostra salute, sulla sicurezza del nostro ambiente di vita, sull’aria che respiriamo e sull’acqua che beviamo. Influisce su ogni aspetto della nostra vita”.

In che modo le conversazioni individuali possono portare ai grandi cambiamenti necessari per combattere il cambiamento climatico?

“Spesso sento dalle persone che il tempo per parlare è finito: è tempo di agire. La mia risposta è: come possono le persone agire insieme senza comunicare? Mostrami esempi di grandi cambiamenti avvenuti senza che le persone comunicassero tra loro. Nessuno di loro”.

“Guarda come è cambiata la nostra società in passato. Fino alla fine dell’apartheid, come hanno fatto le donne a ottenere il diritto di voto, nel movimento per i diritti civili negli Stati Uniti. Come sono avvenuti questi cambiamenti?”

“Non perché il primo ministro o il presidente o il re o l’amministratore delegato di una grande società abbiano deciso che l’apartheid doveva finire. Sono venuti perché persone comuni che non avevano molto potere o fama, ma con il coraggio di seguire la propria coscienza hanno chiesto modificare.”

Nell’era dei social media, spesso si tratta di bolle: le persone intorno a noi in realtà sono d’accordo con noi. Come raggiungi le persone che pensano in modo diverso al cambiamento climatico?

Lo sento spesso: “Tutti intorno a me sono davvero preoccupati”. Sì, naturalmente! Anche negli Stati Uniti, il 70% delle persone è preoccupato per il cambiamento climatico, l’86% dei giovani a livello globale è preoccupato e la differenza è che raramente qualcuno è attivamente coinvolto nel cambiamento climatico, negli Stati Uniti è solo l’8%. Se continua così, non risolveremo mai il problema”.

READ  Un nuovo studio mette in discussione il crollo della civiltà Maya a causa delle cattive pratiche agricole e del cambiamento climatico

“Allora perché dobbiamo parlare? Di solito è per mostrare cosa possiamo fare al riguardo. Facciamo tutti parte di qualcosa di più grande: una scuola o un’università, un circolo velico o un gruppo di persone che portano a spasso il cane insieme. Ma anche per un intero Paese. E se usiamo la nostra voce per sostenere il cambiamento, possiamo fare la differenza”.

“Diciamo che inizi una conversazione sullo spreco di energia sul lavoro e riusciamo a ridurre il consumo di energia del 15 percento. Oppure parli alla mensa sulla riduzione degli sprechi alimentari o sull’introduzione di prodotti rispettosi del clima. Quindi fai un grande cambiamento”.

Il tuo libro si chiama Speranza sulla Terra E lei sottolinea l’importanza del messaggio di speranza. Ma se controlli gli ultimi rapporti sul clima, ti imbatterai in molte cattive notizie. Come fai a rimanere ottimista?

“Quando tutto va bene, non c’è bisogno di sperare. È importante rendersi conto che la speranza significa che le cose stanno peggiorando ora e rischiano di peggiorare. Ma la speranza riguarda la possibilità di un futuro migliore, per quanto piccolo e incerto può essere.”

“E questo è possibile. Perché se smettiamo di usare i combustibili fossili, finiamo anche con dieci milioni di morti all’anno a causa dell’inquinamento atmosferico. Quindi forniamo energia a prezzi più accessibili a tutto il mondo, non solo ai paesi ricchi. Riduciamo gli sprechi alimentari e produciamo certo che ce n’è abbastanza per tutti”. Possiamo affrontare molti dei problemi del mondo con soluzioni climatiche”.

“La speranza allora è quella piccola possibilità di un futuro migliore, una piccola luce alla fine del tunnel oscuro in cui ci troviamo in questo momento. Dobbiamo combattere il più duramente possibile perché sappiamo che qualcosa di meglio ci aspetta”.

READ  Molte stelle cadenti da guardare la prossima settimana

“Ecco perché abbiamo bisogno di speranza, ma di speranza realistica e razionale. Inizia con il dire che il cambiamento climatico è reale. È pericoloso. Ci sta già colpendo oggi. Ma possiamo ancora prevenire le conseguenze peggiori. Lo so, perché so che la conoscenza .” su scenari futuri. So che dipende da noi in quale dei diversi scenari finiamo. Le nostre scelte determinano il futuro”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24