Perché gli astronauti soffrono di anemia quando tornano dallo spazio?

Trudel e il suo team lo hanno dimostrato misurando direttamente i segni di distruzione dei globuli rossi su 14 astronauti durante le loro missioni di 6 mesi.

Sulla Terra, i nostri corpi distruggono e producono due milioni di globuli rossi al secondo. I ricercatori hanno scoperto che durante i sei mesi trascorsi nello spazio, gli astronauti hanno distrutto il 54% dei globuli rossi al secondo, ovvero circa 3 milioni. Questi risultati erano gli stessi per gli astronauti maschi e femmine.

Il team ha scoperto che grazie alle tecniche e ai metodi sviluppati per misurare con precisione la distruzione dei globuli rossi. Hanno quindi adattato questi metodi per poter raccogliere campioni a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Ogni volta che una molecola di eme – eme è il pigmento rosso intenso dell’emoglobina nei globuli rossi – viene distrutta, viene prodotta una molecola di monossido di carbonio. Nel laboratorio di Trudel, sono stati in grado di misurare con precisione minuscole quantità di monossido di carbonio nei campioni di respiro degli astronauti.

Sebbene il team non abbia misurato direttamente la produzione di globuli rossi, si ritiene che gli astronauti abbiano prodotto globuli rossi extra per compensare quelli che hanno distrutto. In caso contrario, gli astronauti alla fine avrebbero sviluppato una grave anemia e seri problemi di salute nello spazio.

“Fortunatamente, avere meno globuli rossi nello spazio non è un problema quando il tuo corpo è senza peso”, ha detto Trudel. “Ma se atterri sulla Terra o forse su altri pianeti o lune, l’effetto dell’anemia sulla tua energia, resistenza e forza può minacciare gli obiettivi della missione. Senti gli effetti dell’anemia non appena atterri di nuovo. Devi affrontare gravità.”

READ  Nuovi tipi di virus Corona sono apparsi ad Amsterdam

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24