Perché i ricercatori sanno ancora così poco del coronavirus di lunga data





© Fornito da NU.nl


Sebbene il COVID-19 di lunga data sia una nuova malattia, i ricercatori non sanno ancora più di quanto non sappiano sulla condizione. Cosa rende il COVID-19 di lunga data una malattia così difficile da definire? E perché è solo prevaricazione scoprire di più su di lei? Ho chiesto ai ricercatori di NU.nl.

In effetti, il coronavirus prolungato non è una singola malattia, ma un gruppo di denunce. La stanchezza è il disturbo più comune, ma sono comuni anche mal di testa, dolori muscolari, mancanza di respiro, smemoratezza e problemi di concentrazione. Inoltre, i pazienti menzionano molte altre lamentele.

È impossibile dire quante persone abbiano una malattia COVID-19 a lungo termine nei Paesi Bassi, soprattutto perché non è sempre chiaro se i reclami appartengano al coronavirus a lungo termine o possano avere un’altra causa. “Non conosco quasi nessuno che non abbia mai mal di testa o si stanchi. Non deve essere un Covid a lungo termine”, afferma Anke-Hilse Maitland-van der Zee, professore di medicina di precisione per pneumologia all’UMC Amsterdam.

Questo certamente non significa che non prenda sul serio i reclami, ma dimostrare che alcuni sintomi sono causati dal virus Corona è molto difficile, dice. Ad esempio, è impossibile sapere se le persone sperimenterebbero gli stessi reclami se non avessero il COVID-19, in altre parole: “Non sapremo mai con certezza se alcuni dei reclami sono stati causati dal COVID-19”, Maitland van der dice costume.

in profondità nelle cellule

Ci sono sintomi che possono rivelarsi causati dal virus. Ciò riguarda, ad esempio, danni ai polmoni, problemi al cuore e ai vasi sanguigni e coagulazione del sangue. Questi reclami si verificano principalmente negli ex pazienti COVID-19 che sono stati in ospedale, mentre la stragrande maggioranza dei pazienti Covid-19 a lungo termine ha avuto una lieve infezione da COVID-19 a casa.

READ  Omikron non sembra meno disgustoso

Gli scienziati non sanno perché alcune persone continuano a lamentarsi per così tanto tempo e altre no. Tuttavia, ci sono alcune teorie. Uno è che il corpo non ha ancora completamente eliminato il virus e le particelle virali rimangono a lungo nelle profondità delle cellule degli organi. Questo processo può far sì che le persone continuino ad avere sintomi per diversi mesi dopo che l’infezione è già passata. Gli scienziati lo suggeriscono in una pre-pubblicazione di uno studio apparso all’inizio di quest’anno temperare la natura.

In questo caso, queste particelle virali dovrebbero essere trovate in pazienti olandesi con virus Covid a lungo termine, ritiene Mino de Jong, professore di virologia clinica e ricercatore Covid a lungo termine presso l’UMC di Amsterdam. Ma nel naso, nella gola o nelle feci – “dove ti aspetteresti tracce del virus” – non ha trovato nulla nelle sue indagini. Ciò non esclude la teoria, poiché non è stato in grado di esaminare l’istologia. “Ma questo rende meno probabile che questo avrà un ruolo importante”, dice.

Il corpo che continua a combattere

La seconda teoria è che il corpo dia una risposta immunitaria eccessiva e prolungata al virus. “Il corpo continua a combattere, per così dire, anche dopo che il virus è già scomparso. Ne sono molto stanco e pensiamo che alcune persone abbiano ancora dei disturbi di conseguenza”, afferma Maitland van der Zee.

Quel che è certo, secondo De Jong, è che il coronavirus a lungo termine non ha un’unica causa generale. “Ci sarà sicuramente una causa in parte biologica, ma il COVID-19 a lungo termine può avere una causa mentale in alcune persone”, afferma. Ad esempio, potrebbe essere possibile che alcune persone sviluppino un disturbo da stress post-traumatico (PTSD) dopo una grave infezione da corona. La depressione è anche un disturbo comune con la malattia COVID-19 a lungo termine. Per altri, i problemi possono essere sia fisici che psicologici.

READ  La prole del 18,5 per cento è "migliore" dei genitori. L'evoluzione si sta muovendo molto più velocemente di quanto pensassimo

Tuttavia, affermano i ricercatori, il COVID-19 a lungo termine non è un’infezione cronica come un mal di freddo. Ciò significa che le persone con COVID-19 a lungo termine hanno già contratto il coronavirus da sole.

Distinguere i gruppi l’uno dall’altro

Poiché il Covid di vecchia data è un misto di lamentele e può anche causare, secondo i ricercatori, è necessario distinguere i sottogruppi l’uno dall’altro. Cause diverse richiedono anche trattamenti diversi. Ad esempio, le persone che hanno difficoltà a salire le scale possono ricevere terapia occupazionale o fisica, mentre altre traggono maggiori benefici dai farmaci o dall’aiuto psicologico. Tuttavia, al momento non esiste un trattamento mirato a lungo termine specifico per il coronavirus.

“La buona notizia è che molti pazienti Covid a lungo termine sono di nuovo in salute”, afferma Maitland van der Zee. dall’olandese Ricerca De Jong, tra gli altri, pubblicato nel maggio dello scorso anno, ha mostrato che quasi il 30% delle persone che avevano una lieve infezione da corona a casa avevano ancora uno o più reclami tre mesi dopo. Nel tempo, la maggior parte delle persone si è ripresa. Ad esempio, dopo nove mesi, il 20% continuava a lamentarsi. Dopo un anno questo è sceso al 10 percento.

Non è chiaro se il vaccino contro il COVID-19, compreso il vaccino di richiamo, possa garantire una guarigione più rapida per le persone infette dal virus COVID-19 a lungo termine. I vari studi sono in conflitto tra loro, secondo de Jong. “All’interno di un grande gruppo di pazienti ad Amsterdam che seguiamo da molto tempo, non sembra esserci un effetto benefico della vaccinazione”, afferma. Al contrario, la vaccinazione riduce il rischio di infezione a lungo termine con il Corona virus, perché la possibilità di infezioni gravi diminuisce con il vaccino.

READ  Pericolo invisibile missile ipersonico | sapere

Cosa fa Omicron con il Covid a lungo termine?

Infine, resta da vedere cosa farà nel lungo periodo la variante omikron con il covid. Al momento non c’è una parola significativa da dire su questo, perché sono passati meno di tre mesi dalla comparsa del metamorfosato nell’Europa occidentale.

“Poiché l’omicron sembra essere meno pericoloso, il rischio a lungo termine di infezione da Covid-19 dovrebbe essere inferiore. Ma dato il gran numero di infezioni, i piccoli rischi possono ancora tradursi in molte più persone con disturbi a lungo termine”, ha affermato. dice de Jong. Secondo Maitland-van der Zee, è anche possibile che la nuova variante possa capovolgere nuovamente le conoscenze sul covid a lungo termine. “Sapevamo di questa malattia solo un anno fa e sta ancora cambiando”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24