Peter Omtzigt è un precursore degli atteggiamenti italiani?


Ultimo aggiornamento 22:32


La stragrande maggioranza degli elettori vota per un partito non per convinzione, ma per bisogno di meglio

Copia su foto: Michele Costigliola

Molti sondaggisti promettono a Peter Umetzjet un futuro d’oro se fonda il proprio partito. Allora diventerai il più grande dei Paesi Bassi in un colpo solo. Questo non è nemmeno il più importante. Con questa vittoria, il salvatore di Enschede vincerà tutti i principali partiti Immergiti in una profonda crisi. Quasi tutti perderanno dal venti al quaranta percento dei loro seguaci. Solo VVD rimane in qualche modo immune alla tentazione omtzigtiana.

Questo fa presagire un crollo permanente del sistema dei partiti che si è cristallizzato nei primi anni dopo la liberazione. Quindi emerse uno stato a tre livelli dalle sette, socialdemocratici e liberali, con frange alla periferia come i comunisti o il partito contadino a destra. Le sette sono sempre state al governo e determinano chi possono essere i loro partner.

In generale, questo sistema si è dimostrato intoccabile fino alla fine del secolo. In pratica, la Purple Alliance senza CDA si è rivelata una continuazione del vecchio sistema con una composizione leggermente diversa. Nel 2002, Pim Fortuyn ha inferto un duro colpo a questo per la prima volta. Per niente commentato. Dopo che lo straordinario nuovo arrivato viene ucciso e il suo movimento fallisce, inizia una restaurazione. Il primo ministro cristiano-democratico Jan Peter Balkenende e il suo successore Mark Rutte, membro del partito VVD, sono riusciti a mantenere l’ordine esistente di Torentje. Si sono già sviluppati movimenti populisti di destra, che insieme rappresentano un quarto dei voti. Tuttavia, l’hobby e il narcisismo impediscono loro di sfruttare il loro potere elettorale.

È possibile che un altro anno sia iniziato adesso. Se siamo fortunati, siamo al crepuscolo del più grande attacco al nostro modo di vivere dalla seconda guerra mondiale, non da un nemico esterno ma da un virus. Adesso vogliamo tornare in massa al vecchio e sognare estate d’amore Ma allo stesso tempo, sai che qualcosa di fondamentale è cambiato. Nonostante il nostro desiderio per i piaceri passati, ci troviamo sulla cuspide di una nuova era. Lo sentiamo. Non possiamo negarlo.

READ  I rendimenti obbligazionari dell'Eurozona aumentano con l'avvicinarsi della riunione della Banca centrale europea

Allo stesso tempo, la fiducia nello Stato ha raggiunto un livello senza precedenti a causa della molteplicità delle cose. Fino a poco tempo, la maggior parte degli olandesi credeva che il governo e la politica volessero il meglio per i propri cittadini. Potrebbero aver avuto una politica che non si addiceva al tuo alleato ideologico, ma avevano buone intenzioni. Questa convinzione è ormai scomparsa: molti olandesi considerano lo stato e la politica come forze del male che vogliono arricchirsi a loro spese. Ad esempio, la maggioranza degli elettori permanenti del PvdA ha voltato definitivamente le spalle al proprio partito dopo il tradimento di Diederik Samsom nel 2012. Il CDA deve affrontare un processo simile. La massiccia divisione dell’elettorato tra almeno 18 partiti indica anche una mancanza di fiducia nella politica.

La stragrande maggioranza degli elettori vota per un partito non per convinzione, ma per bisogno di meglio. Ciò è dimostrato dal grande desiderio di passare al movimento Omtzigt, se si presenta l’opportunità.
Tuttavia, il secondo verso è se ciò che segue rimarrà. Per gli stessi soldi, la fiducia di Omtzigt si rivela una meraviglia di una volta e presto cade nell’oblio alla fine del quale è probabile che gli trovino un lavoro altrove. Dopotutto, si è fatto molto male abbandonando lui stesso il CDA.

Supponiamo, tuttavia, che io mi sbagli e che Omtzigt mantenga la sua carica elettiva. Allora la situazione diventa completamente diversa. In questo caso, otteniamo termini italiani.

Anche l’Italia ha un sistema politico stabile dal 1945: due partiti si dividono tra loro la maggioranza dell’elettorato: i democristiani ei comunisti, che costituiscono rispettivamente l’eterno partito di governo e l’eterna opposizione. Democracia Christiana non poteva governare da sola, ma aveva una scelta di partner di coalizione, piccoli partiti dai neofascisti ai liberali e socialisti. I governi in Italia raramente duravano a lungo, ma i telespettatori continuavano a vedere le stesse teste di uomini facoltosi sulle soglie del palazzo presidenziale. La maggior parte di loro, ovviamente, appartiene alla Democrazia Cristiana dominante.

READ  Il presidente dell'Università Mogherini ha criticato gli studenti per "festeggiare" a Br ... (Bruges)

Negli anni ’80 sempre più italiani cominciarono a perdere fiducia nel sistema politico. I comunisti non erano capaci di altro che di un’opposizione inutile, prevedibile e prevedibile. La Democrazia Cristiana li ha messi in un cordone sanitario che non riusciva a penetrare i mezzi elettorali.

I democristiani si sono tormentati con uno scandalo politico dopo l’altro. La corruzione e il nepotismo si diffusero in tutte le ali del partito. Alla fine, anche Bettino Craxi ha perso credibilità. Si trattava di un alleato dell’illustre Partito Socialista Italiano, al quale negli anni Ottanta fu concesso di essere Presidente del Consiglio per alcuni anni perché conveniva per i dirigenti democristiani lasciar passare per un po’ questo trofeo.

La coalizione rumena e rossa, arricchita con ogni sorta di altri fronzoli politici, era rimasta al potere per anni, dando con noncuranza a gruppi di pressione di ogni tipo a modo loro. Forse includendo la mafia e le organizzazioni collegate. Ciò ha portato al leggendario debito pubblico italiano. Allo stesso tempo, è apparso ogni sorta di cose sui mecenati che non sono stati vani per i partiti politici con capitale circolante (!). Tutto questo ricorda molto i creatori di soldi all’interno del VVD e ciò che è ora visibile nel CDA, dove lo stesso capo della raccolta fondi Hans van der Wind ha inventato un milione e mezzo di euro, e Hugo de Jonge non è stato nominato in Dyke come leader del partito.

Nel 1993, il coraggioso procuratore Antonio Di Pietro è intervenuto dopo che un funzionario socialista è apparso nel suo ufficio, chiedendo piazza pulita. Ciò ha scatenato una raffica di confessioni e metà della politica è andata in sordina in una massiccia indagine sulla corruzione chiamata proiettile di soldiMani Pulite.
I comunisti non potevano approfittarne. Sono stati ampiamente screditati dalla caduta del muro.

READ  Wall Street inizia più in alto

È emerso un nuovo leader politico, il magnate dei media e del calcio Silvio Berlusconi, che assume la posizione di guida della Democrazia Cristiana con il suo partito Forza Italia. Divenne il fulcro di un’alleanza di destra in cui i neofascisti – che indossavano abiti alla moda e non indossavano più scarpe – presero parte attiva. Inoltre, sono stati formati partiti completamente nuovi, di solito di carattere liberale di sinistra. Lottano per resistere alla spavalderia populista del Kaiser Berlusconi.

Potrebbe succedere qualcosa del genere anche in Olanda? Che il sistema politico sta crollando perché gli elettori gli hanno voltato le spalle collettivamente e non lo votano più? Che tutti i partiti tradizionali possono essere sciolti solo perché hanno perso definitivamente ogni appello all’elettorato? Dopotutto, questo è quello che è successo in Italia. Non è stato fino a quando l’intero sistema è crollato in una sola elezione che la gente ha capito come era sempre stato un castello di carte.

In ogni caso, ci sono delle somiglianze tra l’Olanda di oggi e l’Italia di trent’anni fa. Allora siamo ancora lisci. Dopotutto, Heine non ha detto niente: alla fine del mondo andrò in Olanda perché lì succederà di tutto tra cinquant’anni. Possiamo solo ora scoprire che Groningen è Messina sull’Hunze, Amsterdam, Napoli sull’Amstel e Goeree Overflakkee in Sicilia sull’Haringvliet.

Se fenomeni politici come Berlusconi o il peculiare nichilismo di Beppe Grillo abbiano fatto progressi così terribili in Italia è una questione completamente diversa. Chissà, le loro forme potrebbero già essere con noi.

Qui potrete ascoltare l’inno nazionale di Sicilia con il coro e l’orchestra.

Per il resto, credo che la questione delle sovrattasse non debba scomparire dall’attenzione del pubblico, e non debba scomparire la questione del gas naturale di Groningen

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24