Pillole rubate portate nel Bosforo: la Russia vuole sapere se può farla franca

L’Ucraina dice da mesi che la Russia sta spostando grano dai territori occupati. Ci sono prove crescenti per questo, come dimostrano anche le conversazioni di BBC Con gli agricoltori ucraini nei territori occupati.

La nave, Zjibek Zguli, proviene dal porto di Berdyansk, nel sud-est dell’Ucraina. Il porto è fuori servizio da mesi a causa della guerra, ma questa settimana si è scoperto che una nave che trasportava 7.000 tonnellate di grano era salpata dal porto.

La Russia nega di aver rubato il grano. Secondo le autorità, è stato legalmente acquistato da agricoltori nei territori occupati.

Export dai territori occupati per qualche tempo

York Isik, un esperto turco della geopolitica che circonda il Bosforo, spiega che la Russia esporta da tempo grano dalle terre ucraine occupate.

“Lo fa dal 2014, quando la Crimea è stata annessa. Ora esporta anche grano rubato dai territori appena occupati. Negli ultimi mesi, navi con documenti falsi sono passate attraverso il Bosforo. Quei documenti, ad esempio, hanno menzionato: Che il grano provenisse dalla Crimea o dalla Russia continentale, ma la nave Zhibek Zguli salpa ufficialmente dal porto di Berdyansk.

Esportazione di grano ucraino

L’agricoltura ucraina svolge un ruolo importante nell’approvvigionamento alimentare globale. Il paese è conosciuto come il “cestino del pane d’Europa” per il suo suolo fertile.

In genere, circa il 12% delle esportazioni mondiali di grano, il 16% delle esportazioni di mais e il 18% delle esportazioni di orzo provengono dall’Ucraina.

A causa della guerra, il raccolto divenne più difficile del solito. Inoltre, gli agricoltori non possono perdere il raccolto. Di gran lunga, la maggior parte delle esportazioni passa attraverso il Mar Nero. Ma la Russia chiude i porti ucraini e ci sono molte miniere offshore nel Mar Nero. Di conseguenza, circa 25 milioni di tonnellate di grano sono a rischio di deterioramento.

READ  I Paesi Bassi sono uno dei più grandi paesi dell'Unione europea responsabili della deforestazione proprio adesso

Il fatto che questa nave salpi ufficialmente dal porto di Berdyansk è scomodo per la Turchia.

“La Turchia ha sempre sostenuto l’Ucraina, probabilmente più di altri paesi europei”, afferma Isik. “Ma ha anche un interesse in questo commercio, soprattutto ora. Il paese sta affrontando problemi economici e, cooperando all’esportazione di grano dalle terre occupate, può acquistare grano a buon mercato”. La maggior parte del grano andrà probabilmente in Turchia, Siria e, infine, in Iraq e Iran.

La Russia nega, la Turchia tace

L’Ucraina vuole sequestrare la nave perché trasporta grano rubato. Vuole anche indagare su altre tre navi russe che potrebbero trasportare grano rubato dalla Crimea attraverso il Bosforo. Ma non è certo se la Turchia stia cooperando anche con l’Ucraina.

Un portavoce del ministero degli Esteri russo ha affermato che la nave era solo “soggetta a procedure standard”. Il governo turco al momento tace. La Turchia deve fare un compromesso: realizzare un profitto consentendo il passaggio di tali navi, o supportare l’Ucraina fermando la nave.

“Forse la Russia sta solo guardando cosa succede quando salpano ufficialmente dai territori occupati”, dice Isik. “Vogliono sapere se possono farla franca”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24