Placenta rotta a causa della corona: il mio bambino era come un sacchetto di sale nel mio stomaco

Pauline era incinta di più di 32 settimane quando ha contratto il COVID-19. “Era ad aprile quando avevo l’influenza e la febbre. Ci eravamo appena trasferiti alle Bahamas a causa del lavoro di mio marito”.

Pauline pensava di aver avuto diversi test corona a causa del viaggio, quindi non deve essere corona. Ma era. “Anche paura perché ero incinta.”

In discesa con il bambino

Da quel momento in poi, le cose sono andate rapidamente in discesa per il bambino, dice Pauline. “Mi sembrava che il bambino si muovesse meno dopo pochi giorni, mentre prima era molto impegnato. Un giorno non si è mosso affatto. Ero sicuro: non stava proprio bene e sono andato in ospedale”.

Lì, dopo diverse indagini, ha ricevuto un messaggio inquietante. “Il dottore ha detto: ‘Il tuo bambino non riceve più ossigeno, lo prenderemo ora.'”

Un sacchetto di sale nello stomaco

Baby Pink giaceva come un sacchetto di sale nella pancia di Pauline. Il bambino è nato con taglio cesareo d’urgenza a 33 settimane ed è nato sano. Si è rivelata una procedura salvavita. “Sono molto grato ai medici. Altrimenti le cose non sarebbero andate bene per Bank”.

La placenta di Pauline era grigia e calcificata. “I dottori non sapevano cosa vedevano. La mia placenta si è rotta e ha quasi smesso di funzionare. Di conseguenza, Pink non riceveva abbastanza ossigeno e sostanze nutritive”. Pauline pensava sempre: dev’essere a causa dell’aura.

Ricerca pionieristica

I suoi sospetti sono confermati da una nuova ricerca rivoluzionaria condotta da Erasmus MC e LUMC a Leiden che è uscito ieri.

L’ostetrico e ginecologo Sam Schoenmakers ha condotto una ricerca sull’impatto del COVID-19 sulle donne in gravidanza. “Abbiamo scoperto che il coronavirus può attraversare la placenta nelle donne in gravidanza e quindi distruggere completamente il lato materno della placenta”, afferma Schoenmakers. “La storia di Paulin è appropriata qui.”

READ  Nessuna visita alle case di cura: è ancora necessaria?

Schoenmaker ha avuto 36 placente dalle donne le cui areole sono state esaminate dai patologi. “Sono state trovate 36 placente rotte. In tutte e quattro queste placente, il coronavirus è entrato nella placenta”.

corioamnionite

Il patologo Lotte van der Meeren del LUMC Leiden ha esaminato la placenta. “Con queste quattro placente, la coronaria è penetrata nel corpo della donna e nella placenta. E i bambini non sono stati infettati”, afferma van der Meeren.

“Abbiamo visto infiammazione e ispessimento ovunque nella placenta dove è penetrato il coronavirus. Di conseguenza, la placenta si è rotta e non funziona più. Sappiamo che ciò è dovuto al coronavirus perché abbiamo trovato anticorpi in tutti i casi e la stessa identica anomalia. nella placenta».

pericoloso >> aggettivo

La placenta trasporta sostanze nutritive e ossigeno al bambino. Se questo sintomo cessa, minaccia la vita del bambino, afferma Schoenmakers. “Questo può portare a ipossia, grave disagio o addirittura alla morte. Eseguendo un taglio cesareo di emergenza, possiamo salvare i bambini”.

Ciò che lo rende così difficile è che la donna non si sente quando la placenta è infetta. “Abbiamo visto una madre che era a malapena infastidita dalla corona e tuttavia aveva una placenta infetta e gravemente malata. Non è stato possibile vedere nulla nemmeno dall’ecografia, quindi non sappiamo in anticipo quali donne sono a rischio”.

impollinare

I ricercatori dicono che sono necessari ulteriori studi. “Da quando la nostra indagine è diventata pubblica, ho ricevuto telefonate da ospedali di tutto il paese che hanno visto donne con distacco di placenta. È importante sapere quanto spesso è successo”.

Gli Schoenmakers credono che le madri dovrebbero essere vaccinate. La vaccinazione aiuta a prevenire l’infezione da corona e protegge te stesso e il tuo bambino non ancora nato.

READ  L'ebola a volte dorme nelle persone per anni

ragazzo sano

Madre Pauline non è stata vaccinata quando è nata Pink. “Era anche in quel periodo ad aprile e non è ancora chiaro se le donne incinte possano ricevere il vaccino. Ora sappiamo molto. Chiedo a tutte le donne incinte di farsi vaccinare”.

Il rosa va bene. “Ora ha quattro mesi ed è in buona salute. Dopo un cesareo d’urgenza, ha trascorso una settimana e mezza in un’incubatrice ospedaliera alle Bahamas. È stato molto intenso anche perché non mi è stato permesso di visitare il mio bambino a causa del Corona”. Ma ora ci stiamo godendo ogni giorno del nostro piccolo uomo. Siamo così grati che sia venuto così bene. “

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24