PP24: Calvin Harris risulta essere una comparsa senza volto nel suo show di successo che non gli piace

Sapperedosio, come Calvin Harris ha aperto il suo spettacolo da headliner del sabato al Pinkpop con un trio di successi. Nei primi dieci minuti si attraversa “This Is What You Came For”, “One Kiss” e “I Need Your Love”. È un movimento piuttosto potente, ma sai che ha un sacco di jingle che anche il visitatore Pinkpop più ignorante potrebbe canticchiare accidentalmente. Poi, nel mezzo, esegue anche diverse canzoni di successo di altri: “Satisfaction”, “(It's Like) Nanana” e Fist Wave.Sii il primo',sciocco'CalabriaIl successo degli anni '90 “I've Got Love”.

Naturalmente non ne ha bisogno, perché il quarantenne scozzese è attualmente il 17esimo artista più ascoltato in streaming al mondo – due posti sopra Ed Sheeran! -, ma allo stesso tempo anche l'artista con più stream e meno fan veri. Ciò risulta evidente anche dalle deludenti vendite dei biglietti di oggi e dalle interviste condotte in precedenza dal team Pinkpop. Calvin non era un titolo da sogno, era un piano B o C (o anche D).

Dopo le incredibili performance di Martin Garrix e Armin van Buuren negli ultimi anni, non è stata necessariamente un'idea folle mettere qui Calvin Harris. Tuttavia, pur dando agli olandesi la sensazione che siano venuti qui per fare qualcosa di speciale, Harris non sembra avvicinarsi al Pinkpop in modo diverso dal mondo in cui è abituato a passeggiare: il mondo dei club di Ibiza con tavoli VIP e festival di musica dance elettronica.

Possiamo mettere anche DJ Spotify qui? No, neanche quello. A ogni canzone di successo è stata data una nuova modifica e introduzioni e outro eccentriche con così tanta forza che puoi ballarla per un po' prima che arrivi un altro ritornello.

READ  Annuncio di 12 nuove composizioni musicali per l'incoronazione dell'abbazia di Westminster - Wel.nl

Ma Harris non sembra aver portato un solo camion dalla produzione interna. Niente, nada, niubbi. Vediamo un enorme muro a LED davanti alla cabina del DJ, da cui spunta a malapena la testa, e vediamo alcuni fuochi d'artificio, stelle filanti e laser, ma niente che sembri progettato specificamente per quegli enormi jingle sulla sua chiavetta USB. Anche le immagini sono così intercambiabili che non puoi immaginare che sia stato realizzato appositamente per questo: meduse al neon che svolazzano nel vasto vuoto, mani che fluttuano attorno a una palla durante la canzone “How Deep Is Your Love” e alcune linee sbiadite. Anche il suo volto si vede solo poche volte nel corso di un'ora e mezza, e più di “Pinkpop posso vedere le tue mani?” Nemmeno lui l'avrebbe capito in un'ora e mezza. cos'è rimasto? Una comparsa non identificata schiaccia Landgraaf con un'esibizione senza amore. La maggior parte delle persone che lo hanno osservato per 90 minuti probabilmente non lo avrebbero nemmeno riconosciuto se avesse salutato tutti mentre usciva.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24