Preoccupazioni economiche in Italia: ‘Chi posso chiamare dopo Mario Tragi?’

“Lagarde è un forte avvocato, ma non sa nulla di economia”. Alla radio italiana Radio Radicale, Mario Baldassarri, ex viceministro dell’Economia e delle Finanze e autorevole economista italiano, ha lasciato lunedì scorso Kristin Lagarde. Il capo della Banca centrale europea (Bce), avvocato, non economista, è diventato capo dello Jut in Italia dopo aver annunciato diversi aumenti tariffari nel tentativo di frenare l’inflazione. Baldasri ha incoraggiato il piano della Bce: “E’ come chiedere a un brillante ingegnere di eseguire un intervento chirurgico a cuore aperto”.

Francesco Kiavasi, consigliere del presidente del Consiglio Mario Tracy, ha definito l’aumento delle tariffe un “falso strumento”, così come il ministro dell’Interno Renato Brunetta, che è il più vicino alla troika. In Italia, il rialzo dei tassi di interesse annunciato dall’ECP è stato pesantemente colpito, poiché non sono state immediatamente fatte promesse definitive di protezione aggiuntiva a paesi come l’Italia, che è fortemente indebitata. Quelle promesse arrivarono pochi giorni dopo, il che potrebbe calmare un po’ l’umore di Roma.

Il governo italiano dice casualmente che il 2011-2012 – gli anni in cui l’euro era in pericolo – non è più nostro, e che ora non si tratta solo del debito italiano, ma di una crisi che colpisce tutti i paesi. Ma, naturalmente, l’Italia sa che può essere molto vulnerabile con l’aumento dei tassi di interesse in Europa.

La differenza nel tasso di interesse al quale la Germania economicamente forte paga i suoi debiti, lo “spread”, è penetrata subito dopo l’annuncio di Lagarde. Non è ancora drammatico. Ma la differenza di tasso di interesse tra Germania e Italia non è passata inosservata, ed è bastata la decisione della Bce per prendere di mira il debito italiano e di altri paesi dell’Europa meridionale.

leggi di più: Una giornata turbolenta che controlla l’inflazione

Problemi di configurazione

L’inflazione globale in Italia si aggiunge ai problemi strutturali che la prossima generazione ha promesso di affrontare nell’ambito dell’ambizioso piano di ripresa dell’Europa per la ripresa post-epidemia. Nei prossimi anni l’Italia si concentrerà sulla semplificazione e digitalizzazione amministrativa, sullo sviluppo delle infrastrutture – tanto necessarie, soprattutto nel sud Italia – e sulla transizione verso una green economy. Ma quelle riforme sono ancora in pieno svolgimento, e la guerra in Ucraina sta soffiando una chiave inglese nei lavori da febbraio. Le regioni italiane lamentano che oltre ai prezzi dell’energia, i prezzi delle materie prime sono in forte aumento, con grandi conseguenze per la prossima generazione di infrastrutture dell’UE. Ora ci sono richieste per una riforma radicale dell’UE di prossima generazione e un sostegno specifico per le aziende che sono ostacolate dalle sanzioni occidentali contro la Russia.

READ  Giorgio Armani riceve il più alto riconoscimento italiano

Anche le tariffe energetiche sono aumentate notevolmente prima dell’invasione russa, ma ora aumentano anche i prezzi del cibo e dei mutui per la casa. L’italiano medio sente il costo di questa guerra. La strada italiana non aveva idea immediata di cosa fosse quel famigerato ‘diffusione’. Ma l’anno del disastro è riconosciuto da tutti come uno dei giorni del giudizio più assoluti dal 2011, e preoccupa ancora di più cittadini e aziende.

In Italia quell’anno il centrodestra era guidato dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Le turbolenze nella terza economia più grande dell’eurozona erano all’epoca preoccupanti poiché gli investitori buttavano via il debito sovrano italiano. Ma Berlusconi era particolarmente impegnato con il suo scandalo sessuale punga-punga. La sfiducia nei confronti dei mercati finanziari internazionali lo ha costretto a dimettersi alla fine del 2011. La situazione si è finalmente calmata nel 2012 quando la Banca Centrale Europea, guidata da Mario Draghi, ha promesso di “fare tutto il necessario” (A ogni costoÈ stato come per magia, ha davvero messo l’euro in acque calme.

“Super Mario”

Oggi l’Italia è al suo meglio politicamente. Drake è primo ministro italiano dal febbraio 2021, ma anche “Super Mario” non è magico. Guida un Paese economicamente, politicamente e socialmente vulnerabile. Franco Pavoncello, politologo alla John Cabot University di Roma, afferma che la situazione finanziaria ed economica potrebbe essere peggiore rispetto al 2011. Il debito pubblico italiano supera ora il 150 per cento del PIL [bruto binnenlands product]L’Italia non ha mai avuto un debito così profondo prima d’ora.

Per rimborsare il prestito, è necessaria un’economia forte, aziende che producono ed esportano e consumatori che hanno potere d’acquisto sufficiente per gestire l’economia. La crescita del PIL italiano è rimasta indietro per molti anni rispetto alla media europea, l’epidemia ha colpito duramente e la guerra russa in Ucraina sta ostacolando la ripresa dell’Italia.

READ  Zoet (31), votato da Paynur, può restare anche in Italia

La guerra in Italia ha avuto un impatto così enorme a causa dell’enorme dipendenza dell’Italia dal petrolio e dal gas russi. L’Italia non produce energia nucleare da decenni e ha fatto progressi molto lenti nello sviluppo delle fonti di energia rinnovabile a causa della famigerata burocrazia italiana.

Il governo di riforma di Drake è stato veloce e ha avuto un buon inizio. Ma mentre alcune riforme sono state bloccate o ritardate, non è tutta colpa di Putin. L’azione legale in Italia è in circolazione da molto tempo, incidendo sulla legittimità e scoraggiando gli imprenditori. “Questo è un problema italiano”, ha detto Baldassari, economista che non ha evitato l’autocritica durante il suo intervento radiofonico. “L’Italia dovrebbe essere l’arma più potente contro la proliferazione nell’attuare le necessarie riforme strutturali da molti anni ormai. Ma il processo di riforma è lento, incerto e confuso mentre gli investitori tornano nel Paese più vulnerabile dell’eurozona.

Le elezioni stanno arrivando

Non solo Draghi non potrà cambiare l’Italia tra un anno e mezzo, ma il suo strato politico sarà breve. Anche sotto la sua guida centralizzata e determinata – nota per avere ‘sherpa’ o suoi stessi lealisti in ogni grande ministero che Draghi gli riferisce – l’Italia rimane un paese politicamente instabile. Il Parlamento deve approvare le riforme di Draki. Ma le alleanze stanno cambiando rapidamente e dagli anni ’90 i partiti politici sono stati in gran parte basi di fan di singoli politici, nel sentimento popolare e spesso in modalità campagna. L’Italia terrà nuove elezioni parlamentari nella primavera del 2023 e la campagna elettorale esploderà nei prossimi mesi. La domanda da un milione di dollari è chi sarà il primo ministro italiano dopo la Troika e quale politica seguirà quella persona.

READ  Il presidente del Consiglio italiano fa appello agli stranieri: registrate una vacanza in Italia

Al referendum un partito con forti radici fasciste, guidato dai fratelli italiani Georgia Meloni, seguito dal Partito Democratico di centrosinistra. I Fratelli d’Italia sono attualmente all’opposizione in Italia. Tutte le altre parti si sono radunate dietro la pista. Maloney diventerà Primo Ministro e manterrà Tracy come una sorta di “super ministro” per le riforme e l’economia, e gli piacerà? O Meloni governerà con il leader della Lega di estrema destra Matteo Salvini, e poi l’Italia seguirà il corso populista di estrema destra?

Con una vittoria elettorale (di estrema) destra all’orizzonte, Pavoncello teme una situazione di potenziale giorno catastrofico nel 2023: “L’Italia ha bisogno di razioni di energia, mentre il debito pubblico è alle stelle e alcune aziende non vogliono produrre elettricità. È il costo troppo alto?”

Ma di fronte a una situazione apocalittica completa, gli italiani spesso mostrano determinazione. Se stanno davvero con le spalle al muro, si stanno rinnovando. C’è voluto sudore e lacrime, ma nel 2002 l’euro è entrato in circolazione in Italia. Dopo le dimissioni di Berlusconi nel 2011, è subentrato il talentuoso ex commissario europeo Mario Monty. Durante le epidemie del 2020 che hanno colpito l’Italia con profonde morti nell’anima, la maggior parte degli italiani ha seguito con attenzione le rigide regole anti-corona. E ad eccezione del partito di Meloni, tutti gli altri partiti aderirono al governo della Ricostruzione di Tracy.

Gli italiani, invece, sono alle prese con una sorta di crisi permanente. Si sente un sacco di mormorii che un altro tecnico non selezionato dovrebbe venire a salvare la situazione. Quando Draghi è entrato in carica, il famoso comico Louisiana Litcetto ha detto scherzosamente: “Non abbiamo democrazia parlamentare, abbiamo una caldaia. Di tanto in tanto chiamiamo un tecnico. Resta da vedere se le riforme continueranno e se i politici riusciranno a formare un governo funzionante il prossimo anno. Pavancello vede una piccola alternativa: “Chi possiamo chiamare dopo Drake?”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24