Presidente Biden: non è nell’interesse degli Stati Uniti restare in Afghanistan

Il presidente Biden ha difeso vigorosamente la sua decisione di lasciare l’Afghanistan in un discorso alla nazione. Ha detto che non era nell’interesse degli americani rimanere lì. “Non ripeterò gli errori del passato”, ha detto.

Biden ha sottolineato che “non può permettere alle sue forze di combattere all’infinito nella guerra civile di un altro paese. Questo non è ciò che il popolo americano vuole e merita”.

Ha ammesso che la caduta del governo afghano e la presa del potere da parte dei talebani sono avvenute più velocemente del previsto. Ma ha completamente incolpato il governo afghano e l’esercito afghano, a cui mancava la volontà di combattere. Non c’era niente da fare contro la riluttanza a difendere la patria, ha detto. Ecco perché Biden è rimasto determinato a porre fine alla guerra più lunga d’America.

Trump ha iniziato a parlare con i talebani

Ha sottolineato che il suo predecessore, il presidente Trump, ha avviato negoziati con i talebani e ha deciso di lasciare gli americani entro maggio di quest’anno.

Quindi Biden si è trovato di fronte a una scelta: continuare su questa strada e ritirare le truppe, o intensificare di nuovo la guerra contro i talebani e inviare più soldati americani quando i talebani erano più forti che in qualsiasi momento dal 2001”.

Gli Stati Uniti hanno dato agli afgani ogni opportunità per plasmare il loro futuro, ha detto, “ma non siamo stati in grado di dare loro la volontà di combattere”.

NOS op 3 ha fornito una spiegazione dell’attuale situazione in Afghanistan e di come il paese ci è arrivato:

READ  11 morti e circa 100 feriti in un deragliamento in Egitto | proprio adesso

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24