Priscilla soffre di anemia falciforme: può essere fatale | Rivista femminile

Anemia falciforme…

Una malattia ereditaria in cui i globuli rossi si deformano in una specie di falce dopo aver erogato ossigeno. A causa di questa forma pazza, rimangono bloccati nei vasi sanguigni e l’uno nell’altro, il che può causare un blocco (crisi), causando un forte dolore. È stato come pugnalarmi con un coltello dall’interno. La prima volta che è successo avevo 11 mesi. Anche se non ero affatto un ragazzo duro, mia madre non riuscì a fermarmi e vide che stavo soffrendo. Dopo una serie di test, i medici hanno diagnosticato l’anemia falciforme. Nessuno dei miei genitori sapeva di essere incinta”.

Come si chiama…

“E’ diverso per tutti. Lo stress e il freddo sono i più grandi motivatori per me. Quindi cerco di vivere il più consapevolmente possibile e di essere sempre al caldo. In inverno indosso indumenti termici sotto ogni cosa, dormo con una borsa dell’acqua calda e il riscaldamento funziona sempre in casa – non bello Con i prezzi attuali. Ma funziona, perché ho sofferto così spesso. Ho piccole crisi, che durano circa quattro giorni, ogni tre o quattro mesi. Crisi maggiori, dove devo andare in ospedale una o due volte l’anno”.

Di solito sento dolore…

“In tutto il mio corpo, ma la crisi sta accadendo nello stesso posto. Anche questo può cambiare nel corso degli anni. Se la congestione si verifica nel cervello, nel cuore o nei polmoni, può essere fatale. Ne parlo con il mio amico ora e poi. Diciamo che abbiamo dei figli “Sono lì per vederli crescere? Vedrò dei nipoti? E ​​la gravidanza come sta andando? Poi dovrò smettere di prendere le medicine e tenerla d’occhio. Cerco di no pensarci troppo perché mi fa arrabbiare e spaventare, ma è la realtà”.

READ  La missione Starliner sulla ISS è stata rinviata fino a nuovo avviso dopo il problema della propulsione - IT Pro - Notizie

Ho sempre detto…

“Se avessi una partner incinta o affetta da anemia falciforme, non vorrei figli. Non vorrei fare questo a mio figlio o mia figlia. Di solito facevo fatica ad accettare la mia malattia. Volevo essere come tutti gli altri ragazzi, ma non ho potuto partecipare a molte attività e sono stato ricoverato molto. Inoltre non auguro questo dolore a nessuno. Ma fortunatamente il mio amico è in buona salute. Purtroppo molto è non è ancora chiaro l’anemia falciforme. Spero che la mia storia aiuti a rivelarlo”.

Vuoi partecipare anche tu a questa sezione? Invia un’e-mail con la tua storia e una foto a [email protected] dicendo “Questo sono io!”.

Questo articolo compare sulla nuova rivista VROUW (ogni sabato su De Telegraaf). Come membro premium, puoi anche leggerli online (a volte prima).

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24