Pronostici lungometraggi internazionali

L’International Feature Film Academy non ha nulla a che fare con la selezione di candidature presentate in una lingua straniera da più di 90 paesi in tutto il mondo. Sta a ciascun paese capire quale film ha più probabilità di creare un seguito tra i quasi 1.000 partecipanti alla World Academy (principalmente a Los Angeles) che guardano più di una dozzina di film in festival, spettacoli e teatri. Oppure nel portale online dell’Accademia e classificali come una rosa di 15 film (annunciati il ​​21 dicembre 2021) che l’Accademia del college può guardare. Se vedi l’intero elenco, puoi scegliere i cinque finalisti.

Sebbene questo metodo di selezione dei candidati agli Oscar internazionali sia stato criticato da molti a Hollywood, la portata e la logistica della domanda e del processo di voto hanno ostacolato qualsiasi riforma significativa. Più paesi partecipano ogni anno. L’anno scorso sono stati proiettati un record di 93 film. Alcuni membri vorrebbero vedere 10 candidati, data la vasta gamma di film di alta qualità.

Per la 94a edizione degli Academy Awards, i film presentati devono essere distribuiti nelle sale del loro paese tra il 1 gennaio 2021 e il 31 dicembre 2021 e presentati all’Academy entro il 1 novembre 2021. Questo lascia poco tempo ai membri partecipanti per vedere il film. Film. La rosa dei candidati sarà annunciata il 21 dicembre 2021.

I cinque finalisti saranno annunciati l’8 febbraio 2022. Storicamente, i paesi con un’industria cinematografica ben consolidata (in ordine di maggior numero di Oscar: Italia, Francia, Spagna, Giappone, Danimarca, Svezia, Unione Sovietica, Paesi Bassi, Germania, Ungheria, Argentina, Cecoslovacchia), Svizzera, Austria, Iran) più nomination e vittorie nel corso degli anni. Ma la Mauritania ha presentato il suo primo candidato “Timbuktu”, mentre il primo candidato e vincitore internazionale della Corea del Sud, “Parasite” di Bong Joon-ho, ha vinto quattro Oscar, incluso quello per il miglior film, il primo film internazionale a farlo.

Non importa quale lingua si parli da quale paese, purché non ci sia molto inglese. I film americani non sono ammessi. La prima voce di quest’anno è arrivata dall’Ecuador, il primo sottomarino di Alfredo Leon León, un sottomarino della droga artigianale con oggetti di valore a bordo ea rischio di affondamento. L’Ecuador non ha ricevuto una nomination dopo 10 domande.

“titanio”

Carol Bethwell

I vincitori dei festival cinematografici hanno un vantaggio, così come i film con un forte distributore nordamericano disposto a spendere soldi e campagne. Prendi l’attuale battaglia su quale film sarà la selezione finale del Centro nazionale del cinema e del cinema francese, che annuncerà la sua presentazione il 12 ottobre. Film, il vincitore del pubblico “Petite Maman” di Celine Siyama, un dramma familiare leggermente surreale, Palma d’oro di Julia Docornau e Palma d’oro e il TIFF Midnight Madness vincitore del Titane, oltre al Leone d’oro di Venezia del vincitore Audrey Dewan, un set drammatico negli anni ’60 (IFC Films), che apre un nuovo terreno come uno sguardo avvincente sull’esperienza straziante di uno studente di liceo solitario che cerca di abortire, e potrebbe essere buono per l’accademia come argomento politico attuale. “Happening” si interromperà entro la fine dell’anno, dopo che l’hype che circonda Titan si è placato.

READ  James Galdolfini non era per niente carino sul set de I Soprano

Gli ultimi due sono stati tagliati, insieme alla proiezione a sorpresa di Back Nord, Slum Cop diretto da Cedric Jimenez, un film francese di basso profilo al botteghino che è stato mostrato negli Stati Uniti e co-scritto dalla stella nascente Dewan. La Francia sarebbe ben rappresentata da tutti tranne Titano. Varie recensioni Ad esempio, Cannes e il botteghino medio su 525 schermi possono avere un impatto, anche se i francesi considerano il film un successo maggiore negli Stati Uniti che in Francia. Conoscendo Neon, il distributore farà campagna per “Titane” in altre categorie se non risponde, come ha fatto il CEO Tom Quinn con “Portrait of a Lady on Fire” di Sciamma. Sappiamo che un voto della giuria va a “Titane”, con il regista di Cannes Thierry Fremaux che ha dato la preferenza al vincitore della Palma d’Oro.

Anche la Spagna ha dovuto scegliere tra concorrenti forti, che sono andati con “The Good Boss” di Fernando Leon de Arano su Pedro Almodovar. lodato e lodato Parallel Mothers, che ha aperto Venezia e chiuso il New York Film Festival. La stessa cosa è successa 19 anni fa quando il paese ha scelto “Monday in the Sun” di Leon de Arano a “Parla con lei” di Almodovar, che ha vinto l’Oscar per la migliore sceneggiatura originale. La Spagna ha scelto l’autore sette volte. Sony Pictures Classics promuoverà “Parallel Mothers” per il miglior film, regista, attrice (Penélope Cruz) e sceneggiatura originale, tra gli altri. Ironia della sorte, The Good Boss è interpretato dal premio Oscar Javier Bardem (“Non è un paese per vecchi”) e dal marito premio Oscar Cruz (“Vicky Cristina Barcelona”). “Lo stigma nei film stranieri è svanito con il trionfo di Parasite”, ha scritto in una e-mail Tom Bernard, co-presidente di SPC. “Quindi saremo presenti in tutte le grandi categorie”.

“maneggiare”

Un altro scrittore degno di nota è Asghar Farhadi, che ha vinto due Oscar in lingua straniera, per A Separation, che è stato anche nominato per la migliore sceneggiatura originale, e The Salesman, che ha vinto il suo terzo Grand Prix a Cannes. Hero, un violento dramma familiare su un uomo indifeso che cerca di liberarsi dalla prigione di un debitore per sposare la donna che ama. Amazon sta spingendo forte buona recensione Dramma.

La Germania è stata selezionata buona ricezione I Am Your Man (Bleaker Street), nell’attuale versione statunitense, diretto da Maria Schrader e interpretato da Dan Stevens, oratore tedesco-britannico, nei panni di un amante che vive in persone osteggiate dal Professor (Marine Eggert) ed è un uomo di servizio che è squisitamente in sintonia con i desideri più profondi di una donna. La resistenza non ha senso.

READ  Sylvie Mays è sposata da anni: "Grazie per essere al mio fianco"

Presenta anche il film vincitore della giuria a Cannes “Memoria” (26 dicembre, Nyon), di lingua inglese, dalla Thailandia Apichatpong Weerasethakul, che lavora in Colombia in spagnolo con la star britannica Tilda Swinton. NEON supporta l’ingresso ufficiale in Colombia con un piano di lancio eccezionale e di alto profilo.

memoria

“memoria”

neon-

Netflix supporta alcuni contendenti in lingua straniera. Vincitore del Magnifico Leone d’argento a Venezia, “La mano di Dio” (15 dicembre) segna l’addio alle opere più prospere dell’autore italiano Paolo Sorrentino, come il premio Oscar “La grande bellezza”. La “Roma” di Cuaron è più della “Roma” di Fellini, questa è la storia di un personaggio ambientato nella sua infanzia cinematografica nella sua nativa Napoli.

Netflix supporta anche l’ingresso a Venezia in “7 Prisoners” del regista brasiliano Alexandre Morato, che si è unito al co-sceneggiatore Thayná Mantesso e al protagonista Christian Malheiros per il suo primo “Socrates”. Anche Rodrigo Santoro è protagonista di questa indagine contemporanea sulla schiavitù nei bassifondi di San Paolo. Netflix sta anche riflettendo su Cannes, il debutto in Messico, il racconto per adulti in tempo di guerra di Tatiana Huys “Pray for the Loot”, che si concentra su tre ragazze pre-adolescenti che competono con il thriller limite di Fernanda Valades “Identification”. Kino Lorber, vincitore di Gotham e vincitore del Premio Ariel messicano. Il Perù non ha presentato “Fever Dream” di Claudia Llosa come candidato, ma la coproduzione internazionale è stata selezionata dal Cile.

“Guidando con la mia macchina”

Il Giappone dovrebbe collaborare con il prolifico Ryosuke Hamaguchi per produrre “Drive My Car” di Cannes, vincitore di tre ore per la migliore sceneggiatura, con l’incomparabile Hidetoshi Nishijima nei panni di un attore e regista in lutto durante le prove per un spettacolo teatrale multinazionale “Uncle Vanya”, che ha fatto una grande impressione al New York Film Festival, insieme al vincitore dell’Orso d’argento a Berlino “Wheel of Fortune and Fantasy”. D’altra parte, il Giappone non segue sempre l’ovvio.

Uno dei pochi film selezionati da tutti i principali festival cinematografici, dal Sundance 2021 al NYFF, è l’attuale documentario sull’immigrazione in Afghanistan “Flee” (Neon) di Jonas Bohr Rasmussen, che potrebbe beneficiare di più nomination come “Honeyland” e “Collective” If La Danimarca lo introduce. Potresti anche partecipare alla corsa ai lungometraggi di animazione? Non è successo in “Walt with Bashir” di Ari Vollmann e probabilmente non succederà quest’anno. Ma è possibile. Molti fan del film faranno già del loro meglio per migliorarlo profilo forteWarwinder Alfonso Cuaron.

"sciogliere il pugno" Regista Kira Kovalenko fotografo Pavel Fomintsev

Il regista di “Annulla il pugno” Kira Kovalenko e il direttore della fotografia Pavel Fomensev

Sabina Sabanova

Tra gli eventi del festival c’è “Costa Brava”, il primo film dello scrittore e regista libanese Mounia Akl, dramma locale su una coppia sposata (Nadine Labaki e Saleh Bakri) le cui vite vengono distrutte da una discarica. La Russia può andare d’accordo con “Unclenching the Fists” di Kira Kovalenko (Mubi), che ha vinto il concorso Un Certain Regard a Cannes. E a Cannes, ha vinto il premio come migliore attrice per Rinat Rensvi, il dramma sentimentale Joachim Trier “The Worst Person in the World”, una forte competizione per la Norvegia. Kahn ha anche recitato in un possibile film islandese, Lamp (A24), diretto da Valdemar Johansson e interpretato da Nomi Rapas. Preso di mira anche il concorso abortista “Lingui” del Ciad.

READ  Weinstein estradato in California per un nuovo caso di abuso, potrebbero avere altri 140 anni | all'estero

Hani Abu-Assad (“Paradise Now”), nominato all’Oscar, è un thriller politico palestinese, “Huda Salon”, su una donna reclutata dall’intelligence israeliana. E politicamente carico è “Let There Be Morning”, il vincitore israeliano di Ophir (e sempre l’Oscar). I produttori e il regista Eran Coleraine sono israeliani. Il film è tratto da un romanzo di uno scrittore palestinese. I rappresentanti palestinesi hanno protestato che il film si chiamava israeliano e si sono allontanati dalla sua prima a Cannes. Coleraine non è estraneo alle polemiche: “The Band’s Visit” è stato introdotto da Israele, ma non era altrettanto inglese.

L’Ungheria si è unita a “Post Mortem” di Peter Bergendy dopo la prima guerra mondiale su un fotografo e una giovane ragazza che incontrano i fantasmi in una città fantasma, che è stato presentato in anteprima al Festival del cinema di Varsavia e ha vinto la migliore fotografia, il miglior montaggio e la migliore scenografia. Miglior trucco agli Hungarian Motion Picture Awards 2021 (Black Mandala uscirà in Nord America e Canada.)

I partecipanti sono elencati in ordine alfabetico. Nessun film sarà considerato un preferito se non lo guardo.

Migliori candidati finalisti (*Non ancora formalmente presentato)
“Driving My Car” (Ryûsuke Hamaguchi, Giappone) *
“Fuga” (Jonas Boeher Rasmussen, Danimarca) *
“La mano di Dio” (Paolo Sorrentino, Italia) *
“Eroe” (Asghar Farhadi, Iran) *
“Io sono il tuo uomo” (Maria Schrader, Germania)
“L” (Valdemar Johansson, Islanda) *
“La persona peggiore del mondo” (Joachim Trier, Norvegia) *

contendenti
“The Digger” (Georgis Grigorakis, Grecia)
“Fuga da Mogadiscio” (Ryoo Seung-wan, Corea del Sud)
“The Good Boss” (Spagna, Fernando Leon de Aranoa)
Bejenkorf (Blerta Patcholi, Kosovo)
“Non lasciare traccia” (Jan P. Matuszyński, Polonia)
“Let the Morning Be” (Eran Coleraine, Israele)
“Memoria” (Apichatpong Weerasethakul, Colombia)
“Post Mortem” (Peter Bergendy, Ungheria)

tiri lunghi
“Cattive strade” (Natalia Vorospet, Ucraina)
“Casablanca Victory” (Nabil Ayouch, Marco)
“Non esitare” (Sceriffo Korver, Paesi Bassi)
“Uccelli ubriachi” (Ivan Gerbovich, Canada)
“Le cascate” (Chung Mong-hong, Taiwan)
“Rifugio” (Seán Breathnach, Irlanda)
“Oasi” (Ivan Ikic, Serbia)
“Olga” (Elie Grab, Svizzera)
“Il leader forte” (Henri Vallejo, Perù)
Sanremo (Miroslav Mandic, Slovenia)
“Shambala” (Artykpai Suyundukov, Kirgizi)
“Il vento deve calare” (Nora Martirosyan, Armenia)
“Il sommergibile” (Alfredo Leon Leon, Ecuador)
“La moglie del becchino” (Khader Edros Ahmed, Somalia)
“Due leoni in viaggio verso Venezia” (Gunid Georgi, Albania)
“L’edificio bianco” (Kavich Niang, Cambogia)

condividere: Rimani aggiornato con le ultime notizie di film e TV! Iscriviti alla nostra newsletter via email qui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24