Puigdemont torna a Bruxelles ma testimonia in Sardegna

© istock

Il leader del movimento indipendentista ha ricevuto una standing ovation nel centro della città di Alghero (Al Lime in catalano).

Il movimento per l’indipendenza considera Alghero come una delle ultime frontiere culturali della Catalogna, un’enclave catalana dove l’ex capo generale, Carles Puigdemont, è riuscito a sbarcare da quando è fuggito dalla Spagna nel 2017.

Ancora come un magnete

Puigdemont riuscì a richiamare di nuovo l’attenzione su di sé e cercò di dimostrare di avere ancora il fascino magnetizzante di parte del movimento indipendentista. L’attuale capo del generale, Pierre d’Aragon, arrivato in Sardegna nel pomeriggio dopo un lungo viaggio in barca, ha incontrato Puigdemont. Secondo l’ex presidente catalano, l’incontro è stato “caldo, appassionato ed emozionante” e non si è discusso di questioni politiche in corso.

Passeggiata in città

Puigdemont ha avuto un’intera giornata per passeggiare per la città e incontrare le autorità sarde (il presidente della regione, Christian Solinas, e il sindaco Mario Konossi). Fu accolto da un gruppo di circa 800 partigiani catalani che si erano recati ad Alghero. Puigdemont ha accusato il governo spagnolo di Pedro Sanchez di essere dietro il suo arresto. ‘Non era il nostro equilibrio. Abbiamo ricevuto molto aiuto dallo Stato spagnolo e li incoraggiamo a continuare a farlo”.

Puigdemont è apparso in compagnia del suo avvocato, Gonzalo Boye, del suo capo di gabinetto, Josep Lluís Alay, e di alcuni rappresentanti dei Junts per Catalunya, come il segretario generale, Jordi Sànchez.

Un ruolo nel referendum

L’ex capo della Generalitat, che ha perso l’immunità come deputato europeo lo scorso luglio ed è stato arrestato giovedì in Sardegna, è in attesa di una sentenza della magistratura italiana sulla validità del mandato di cattura europeo emesso nei suoi confronti per il suo coinvolgimento . Nel referendum vietato sull’indipendenza nel 2017. A partire dal 2019, Puigdemont ha goduto dell’immunità parlamentare, essendo stato privato di tale status all’inizio di quest’anno.

READ  L'euro promesso dall'Arabia Saudita non è imminente e il piano B sembra necessario

Ritorno in Belgio

Lunedì Puigdemont è tornato in Belgio, dove è in attesa dell’esito della giustizia italiana su una possibile estradizione in Spagna. Conferma che tornerà in Sardegna il 4 ottobre per comparire davanti al tribunale di Sassari. Quel giorno si terrà una sessione per analizzare la sua richiesta di resa alla Spagna.

“La strategia giudiziaria è la stessa di sempre”, ha detto Gonzalo Bui, avvocato di Puigdemont. Ci ha sempre rappresentato, e davanti ai tribunali di tutte le nazioni democratiche, quando siamo stati chiamati. Continueremo a farlo. Tuttavia, fonti legali italiane ritengono che se non è presente, il giudice può archiviare il caso.

Collegamento con ERC

L’arresto ha anche evidenziato la rottura con il partner governativo ERC sul dialogo con il governo spagnolo. Il processo all’ex presidente catalano ha cercato ieri di smascherare la sua falsità. Il mondo ha visto oggi che c’è una parte del movimento per l’indipendenza che non si siede al tavolo perché non è accettabile. Sembra che il governo spagnolo voglia parlare solo con coloro che danno il suo sostegno parlamentare. Ecco perché il governo aveva intenzione di arrestarmi. “Non siamo seduti a questo tavolo perché non vogliono”, ha detto Puigdemont, osservando che il suo partito non ha partecipato alla prima riunione del tavolo perché si è rifiutato di nominare i consiglieri come suoi rappresentanti. Né ha spiegato come pensava che fosse avvenuto l’intervento della Spagna. Tutto ciò che ha indicato è che “Sanchez mi ha promesso di consegnarmi alla corte”.

Le relazioni tra ERC e Junts sono al peggio. Ma Berry d’Aragon ha deciso di recarsi in Sardegna venerdì per sostenere Puigdemont. L’Alghero è arrivato solo sabato alle 16. In barca, la luce è stata mantenuta su Puigdemont, che aveva già incontrato le autorità sarde, fino al suo arrivo. I due leader si sono parlati per diversi minuti e sono apparsi separatamente davanti alla stampa.

READ  AFM: più tabù che obbligatorio

Puigdemont ruba la scena

Mentre Puigdemont ha fatto scalpore ad ogni passo che ha fatto in città, l’interesse per l’aspetto giornalistico di Aragon era minimo. In una piccola arena, non ha approfondito le conseguenze che l’arresto di Puigdemont avrebbe avuto sul dialogo con il governo e ha cercato di schivare la questione. Né ha detto se fosse stato in contatto con il governo di Sanchez nelle ultime ore. Si è limitato a chiedere “amnistia e referendum” in tre lingue.

Totalmente gratuito

Durante la sua visita, il capo del governo dello stato catalano ha assicurato che Puigdemont non sarebbe stato completamente libero fino a quando non fosse tornato in Spagna come “cittadino libero” e tutti i mandati di arresto sono stati ritirati. “Germania, Italia e Belgio hanno già dimostrato che nessun crimine è stato commesso”, ha detto, riferendosi al rifiuto dei primi due Paesi di estradarlo. Dopo un breve giro della città con Puigdemont, il capo della Generalitat ha terminato la sua visita e poi è tornato a casa in aereo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24