Qual è la probabilità che un mutante possa sfuggire ai vaccini esistenti? ‘lui sta arrivando. Posso dare questa certezza”

I virus sono in continua evoluzione, così come il coronavirus. Domanda: Qual è la velocità? Qual è la possibilità di un’alternativa pericolosa?

L’alfabeto greco effettuato da lettere. Più di un mese dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha deciso di non definire le varianti del coronavirus in base al paese di origine, ma con alfa o beta neutri, è già stata data quasi la metà dell’alfabeto. Oltre alle quattro varianti infettive note, l’OMS monitora anche altre mutazioni. Ora sei arrivato all’undicesima lettera, lambda. L’alfabeto greco si ferma al numero 24, Omega. Eric Snyder dice: Siamo solo all’inizio del processo evolutivo. Il professore di virologia al Centro medico dell’Università di Leiden fa i calcoli. Il genoma del coronavirus è costituito da circa 30.000 nucleotidi, una “lettera”. Tutte e tre le lettere rappresentano un amminoacido. Sono 10.000 amminoacidi. Poiché in natura ci sono 20 diversi amminoacidi, per una mutazione puntiforme, un cambio di singola lettera, hai 19 scelte per ogni amminoacido. Sono 190.000 opzioni. Con poche mutazioni, il numero di potenziali varianti è incommensurabilmente grande”.

Trova alquanto strana l’attenzione che ora viene data a tutte queste mutazioni puntiformi. Non abbiamo mai messo un virus sotto una lente d’ingrandimento come questo prima d’ora. Tieni presente che puoi mappare tutte queste mutazioni, ma ci vogliono alcune settimane e poi il virus ha già attraversato alcuni cicli di infezione”.

Con ogni infezione, nel corpo compare tutta una serie di mutazioni. “La maggior parte di loro ha poca o nessuna importanza per il funzionamento del virus. Nel frattempo, tre quarti del lavoro si concentra sulle mutazioni nella proteina spike, la chiave con cui il virus è in grado di raggiungere la cellula. Ma questo è solo una delle 26 proteine ​​virali. Conosciamo a malapena le funzioni della maggior parte delle altre. Per non parlare del fatto che comprendiamo le conseguenze di ogni mutazione. ”

Cosa sappiamo già del virus? Finora il virus ha sviluppato mutazioni che lo hanno reso più contagioso. Alfa, beta, gamma e delta contengono tutti cambiamenti nella proteina spike che fa sembrare che si leghi meglio ai recettori sulle cellule delle vie aeree. o facilitare la fusione dell’involucro del virus con la membrana cellulare, consentendo al virus di portare il suo contenuto e il suo codice genetico nella cellula. Le mutazioni spesso significano anche che gli anticorpi che le persone hanno imparato a produrre dopo una precedente infezione o vaccinazione hanno meno controllo sul virus variante.

Ma cos’altro ha in serbo il virus? Esiste ormai da più di un anno e mezzo. La scienza ha avuto il tempo di conoscerla. Sappiamo se ci sono mutazioni potenzialmente pericolose? Quanto velocemente muta il virus? E qual è la possibilità che emerga una variante in grado di aggirare i vaccini esistenti?

READ  Gli asini che scavano per l'acqua aumentano la biodiversità

Se qualcuno conosce le risposte, è Eric Snyder. Da trent’anni fa ricerche sui coronavirus. Ma non si sa ancora molto al riguardo. È chiaro solo sull’ultima domanda: “Questo mutante arriverà prima o poi. Posso darti questa certezza, i virus mutano all’infinito. Se vuoi evitarlo, dovresti metterli nel congelatore. La domanda è: quando succederà appare una variante? Il virus ha bisogno o può fare una grande differenza con un cambiamento? E possiamo adattare i nostri vaccini di conseguenza? ”

Una lezione sulla scienza del coronavirus in cinque capitoli.

Bangkok, Tailandia.Foto Reuters

1. Non così lento come sembra

Il coronavirus ha un solo scopo nella vita, per quanto si possa parlare di “vita” con i virus: vuole riprodursi. Una volta che penetra nella cellula del corpo, spinge il macchinario della cellula a fare copie di se stesso. Le nuove particelle virali quindi cercano altre cellule da infettare.

Dal punto di vista del virus, è importante che vengano effettuate molte copie il più rapidamente possibile prima che il sistema immunitario dell’ospite invasore lo rilevi e tenti di eliminarlo. Quindi la maggior parte dei virus non si concede il tempo di verificare la presenza di errori nel processo di trascrizione genica. Mentre in organismi complessi come gli esseri umani, viene esaminata brevemente una nuova sequenza di DNA, il virus si precipita attraverso il processo di riproduzione.

Il virus Corona è un’eccezione a questa regola. RNA (Genoma, costituito da nucleotidi a catena lunga, editore) “È così lungo”, dice Snijder, “che senza controllo, presto si accumuleranno troppi errori, rendendo il risultato impraticabile. Il coronavirus ha un meccanismo di correzione, presumibilmente raccolto da un ospite. Il virus sembra mutare più lentamente, ma questo è a causa del filtraggio goof. Infatti “.

Il virus sembra anche mutare più gradualmente rispetto, ad esempio, al virus dell’influenza. Ha un genoma composto da otto parti. Quando due diversi tipi di virus influenzali si incontrano in un ospite – un pollo, un maiale o un essere umano – questi segmenti possono mescolarsi e creare centinaia di possibilità (256, per l’esattezza) per un virus completamente nuovo. Potrebbe scatenare un’epidemia.

Città di Gaza, Gaza.  Agenzia Anadolu tramite Getty Images
Città di Gaza, Gaza.Agenzia Beeld Anadolu tramite Getty Images

Questo è chiamato uno spostamento antigenico sconosciuto del coronavirus. Ma un trucco simile, dice Snyder. Se ci sono due diversi tipi di coronavirus in una singola cellula, l’enzima che copia l’RNA può saltare da un genoma all’altro a metà. Il nuovo genoma del virus è quindi costituito da due parti di diverse varianti. Questo processo di ricombinazione è meno pericoloso di quanto non fosse con il virus dell’influenza, ma lo è ancora».

2. Verso un nuovo virus del raffreddore?

È saggezza agricola dalla virologia. Se il virus si è diffuso da molto tempo e deve adattarsi costantemente per sfuggire all’immunità accumulata, ciò va a scapito della sua forza. Basta guardare i quattro coronavirus che causano il comune raffreddore ogni inverno. Potrebbero anche essere iniziati come un virus pandemico.

Non lo sappiamo, dice Snyder. “Questi altri coronavirus sono saltati sugli umani secoli fa. Non sappiamo quanto fossero disgustosi all’inizio”.

E pensa che ci sia qualcosa a favore di questa saggezza. “Si potrebbe dire che Sars-Cov-2 (virus Covid-19, editore) Ho subito raggiunto una condizione davvero perfetta. Il virus mortale non può diffondersi molto bene. Questo coronavirus sembra una macchina perfettamente sintonizzata. Con la sua diffusione asintomatica, può diffondersi sotto il radar. Quindi si potrebbe dire che presto una mutazione minaccia di interrompere quel meccanismo”.

Non sappiamo davvero cosa abbia causato questa malattia da coronavirus. O meglio: di conseguenza una persona finisce in terapia intensiva e muore, senza accorgersi quasi della ferita. “Ancora una volta: il nostro obiettivo principale è questa proteina spinosa. Ma questa è solo la chiave. Una volta nel virus, si avvia bene. È un complesso processo di replicazione del virus, nonché interazioni con le difese dell’ospite e altri sistemi. Questa cascata è la base della patogenesi. Una mutazione è là fuori per ingannare il sistema immunitario, o renderlo selvaggio. Non lo capiamo ancora del tutto. ”

Questo non è tutto. Molti esperti ritengono che, se emerge un nuovo virus e ci sono mutazioni puntiformi che lo rendono più efficiente, dovremmo vedere quelle mutazioni apparire all’inizio dell’epidemia. Ma ora siamo dopo un anno e mezzo e qualche miliardo di infortuni. E il virus riceve ancora ogni tanto una mutazione che sembra migliorarlo”.

Bombay, India.  Hindustan Times Bild tramite Getty Images
Bombay, India.Hindustan Times Bild tramite Getty Images

3. La variante delta è davvero contagiosa?

Secondo gli ultimi calcoli, la variante delta è una volta e mezza più contagiosa della variante alfa. Era ancora il 30% più contagioso della variante originale di Wuhan.

Cutter prende questi numeri con le pinze. Molte persone qui sono state vaccinate o hanno acquisito un’immunità naturale al virus attraverso l’infezione. Contro questa variante di Wuhan, cioè. Ora arriva una nuova specie che in qualche modo sfugge a questa immunità. Gli anticorpi sembrano avere un po’ meno controllo su di loro, piuttosto che la nuova variante che diventa dominante. È meno influenzato dall’immunità accumulata. Ma è anche più contagioso? ”

In effetti, puoi confrontare correttamente le infezioni solo in grandi gruppi di persone che non sono mai entrate in contatto con alcun coronavirus. Quindi scopri quale virus si sta diffondendo più velocemente, il virus Wuhan o la variante delta. Ma ora la popolazione è molto diversificata. Uno di loro è stato vaccinato e l’altro è stato infettato da questo o quel tipo. A volte entrambi. “Penso che sarà molto difficile per gli epidemiologi svelare questo complesso”.

Ma quanto è importante sapere che una nuova variante è doppiamente contagiosa? “Puoi anche dire: abbiamo già avuto un grosso problema. E finalmente dobbiamo combattere questa nuova variante con gli stessi mezzi. Gli sviluppi delle ultime settimane mostrano quanto influisca il comportamento dell’ospite, perché la variante delta è sempre la stessa virus che era due mesi fa. Si può tranquillamente presumere che avremo un serio problema con il virus Wuhan originale con noi, anche se con un corso leggermente diverso. ”

4. Si tratta di scelta, idiota

La vaccinazione nella nostra regione è una corsa contro la variante delta. Sono state vaccinate abbastanza persone in tempo per limitare la diffusione della malattia? A livello globale c’è un pericolo maggiore. Mentre i tassi di vaccinazione sono in costante aumento nei paesi ricchi, il virus è ancora scatenato altrove. Questo è un cocktail rischioso. Una grande quantità di virus di tanto in tanto si scontra con la parete immunitaria. Dopotutto, l’evoluzione del virus non riguarda solo le possibili mutazioni, la pressione selettiva gioca un ruolo altrettanto importante. In altre parole, un cambiamento genetico accidentale ha davvero una possibilità se fornisce un vantaggio. Ad esempio, la mutazione in cui il virus evita i vaccini apparirà prima se la variante originale viene ripetutamente bloccata dagli anticorpi.

Anche senza la pressione della scelta, dice Snyder, prima o poi dovrai fare i conti con un tale boom. “Abbiamo ancora poca esperienza con i coronavirus nell’uomo per stimare correttamente come la pressione selettiva dell’immunità che prende di mira la proteina spinosa determinerà l’evoluzione del virus”.

Città di Gaza, Gaza.  Altezza foto olandese / AFP
Città di Gaza, Gaza.Altezza foto olandese / AFP

5. Dove va a finire?

Dopo un sacco di se e ma, è ora di puntarti la pistola al petto. Qual è la probabilità che Snijder consideri l’accesso variabile che rende inutili tutti i vaccini? “Quindi dobbiamo ricominciare da zero? Non credo. Ogni pochi anni potremmo dover adattare i vaccini alle variabili prevalenti in quel momento, fino a quando il virus non cambia in modo che non rappresenti un serio rischio per la salute. In nel frattempo, la popolazione potrebbe essere regolarmente in contatto con il virus”. ogni tre o cinque anni. Forse a seconda dell’età o della debolezza».

Ha una certezza: non ci libereremo mai più di questo virus. Disegna il suo piano e segue il suo programma. Non devi pensare in settimane o mesi ma in anni o decenni. “Puoi eliminarlo, ma durerà finché ci sono persone che non sono adeguatamente protette. I neonati, per esempio”.

Subito dopo la conversazione, ha inviato un altro messaggio: “Mi viene ancora in mente che oltre a riprodursi nell’uomo, deve esserci ovviamente anche un serbatoio per gli animali. Questo non è stato ancora trovato e il virus si evolverà senza dubbio ulteriormente in varianti che potrebbero avere conseguenze sconosciute per gli esseri umani.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24