Quello che c’è da sapere sulla variante delta del coronavirus

La variante Delta del coronavirus, a quanto pare, non ha riguardato qualcos’altro ultimamente. Ciò non sorprende in un modo o nell’altro, perché questo tipo di coronavirus più contagioso è diventato “dominante” nel nostro paese. Ciò significa che questa variante è responsabile della maggior parte delle infezioni. Ma cos’è esattamente una variabile delta? Ecco cosa devi sapere.

Cominciamo dal nome. Di recente abbiamo sentito molto parlare della variante delta, ma non molto tempo fa era ancora conosciuta come variante indiana. Qui è dove è stata trovata per la prima volta la mutazione. C’erano più mutazioni, come quelle britanniche, sudafricane e brasiliane. Poiché questi nomi sarebbero stati troppo vergognosi, all’inizio di giugno è stato dato loro un titolo diverso. Rispettivamente, le varianti ora sono chiamate Alpha, Beta e Gamma e quindi delta. Questo nuovo sistema di nomi è appropriato per i paesi in cui si trovano mutazioni.

Variante delta del virus corona

Quindi il nome è ovvio, ma cos’è una variabile delta? In realtà solo un coronavirus, ma con una mutazione. Le mutazioni si verificano in quasi tutti i virus. Il virus si copia molto rapidamente e talvolta questa copia va male. Quegli errori, quelle sono mutazioni. Molte mutazioni sono inutili, o addirittura hanno un effetto negativo sul virus. Poiché le particelle virali infettate da queste mutazioni non sono “le migliori”, scompaiono di nuovo. Ma a volte, come con la variante delta, la mutazione rende il virus più contagioso. è gentile la sopravvivenza del più forte, questa mutazione diventa dominante e sopprime la variante “normale”.

Il tipo delta di coronavirus, noto anche come B.1.617.2, è stato scoperto per la prima volta in India. Da qui il nome della variante indiana. A causa della storia coloniale tra India e Regno Unito, ci sono molti voli di andata e ritorno tra i due paesi, quindi il modello Delta è atterrato facilmente in Europa. Dal Regno Unito, dove circolava anche la variante Alpha (britannica), il boom si è diffuso anche nel nostro Paese.

dominante, dominante

Poiché il virus di tipo delta è più contagioso, provoca un aumento del tasso di infezione nel nostro Paese (e all’estero). Dove in precedenza prevaleva la variante originale del coronavirus, le proporzioni si stanno spostando sempre più. Lo scorso fine settimana, Zhou ha avvertito l’Istituto nazionale per la salute pubblica e l’ambiente (RIVM) dell'”avanzare” del boom.

READ  Danni cerebrali che possono portare a demenza precoce visibile | 1 Limburgo

Circa tre settimane fa, il 17% degli infortuni era causato dal tipo delta. La settimana prima era solo del 9%, e la settimana prima era del 4%. venerdì scorso menzionato Il RIVM afferma che metà degli infortuni ora sono dovuti alla variante delta.

Ma i Paesi Bassi non sono affatto l’unico paese in cui la variante delta è di casa. Il boom è ora prevalente in Belgio, come in Germania, Portogallo e Regno Unito, tra gli altri paesi. In quest’ultimo, i processi di rilassamento tanto attesi hanno dovuto essere posticipati a causa della variabile delta.

I vaccini proteggono dalla variante delta?

I vaccini che sono stati vaccinati (o sono in corso di vaccinazione) sono stati sviluppati per molte persone nei Paesi Bassi utilizzando la variante originale come modello. Resta da vedere se i vaccini fermano anche una mutazione, o se l’efficacia, ad esempio, è inferiore. Quest’ultimo è certamente il caso del prodotto Pfizer/BioNTech. Il vaccino protegge più del 90 percento della variante originale, che è circa il 60 percento con la variante delta. Ciò è diventato evidente in Israele, dove gran parte della popolazione è stata colpita da un proiettile rapido.

Ad esempio, notano che il farmaco è meno efficace, ma impedisce comunque l’accesso a molti ospedali. Secondo il ministero della salute del paese, l’efficacia del vaccino è scesa al 64 percento dal 95 percento di febbraio. a partire dal Indagine Tuttavia, una rivista medica mostra che la protezione diminuisce leggermente, ma solo al 79%.

Secondo Moderna, il loro vaccino offre una “protezione efficace” contro la variante delta. Questo avrebbe potuto essere dimostrato attraverso campioni di sangue. Johnson & Johnson, la società madre della società farmaceutica Janssen, ha affermato che il suo vaccino probabilmente offre una buona protezione contro la variante infettiva. AstraZeneca offre una protezione del 60% contro la variante Delta.

Nuova ondata e chiusura?

Secondo Diederik Gommers, medico di terapia intensiva, la progressione della variabile delta sarà will Non portare alla chiusura. “In questo momento, non ci aspettiamo che gli ospedali trabocchino e che dovremo chiudere di nuovo. Pensiamo di poterlo controllare”, ha detto nel podcast. Chiedi a Gummers a partire dal BNR.

Ernst Kuipers, presidente della Rete nazionale per le cure acute, ha parlato bene linguaggio chiaro A Humberto, la scorsa settimana: “Arriva la variante delta”. Ieri confermato in Humberto L’importanza delle vaccinazioni frequenti. “Potresti essere contrario alla ripetizione della vaccinazione. Perché l’efficacia sta diminuendo o perché vengono introdotte varianti”.

Maxim Hartmann chiede a Ernst Kuipers: “Sterilità vaccinale?”

Hai visto un errore? Mandaci una email. Ti siamo grati.

READ  Quante regine possono stare in una torta di scacchi?

Risposta all’articolo:

Quello che c’è da sapere sulla variante delta del coronavirus

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24