Questa non è più un'eccezione: anche gli ebrei ultraortodossi devono arruolarsi nell'esercito israeliano RTL News

coscrizione militare

Scritto da Chris Kunis··Una media:

© Agenzia Nazionale dei Porti

da destra a sinistra

L’esercito israeliano inizierà il reclutamento degli ebrei ultraortodossi il mese prossimo. Ciò pone fine al loro status eccezionale dopo decenni. La coscrizione forzata delle persone religiose è un dibattito delicato e di lunga data nel paese.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha annunciato questa mattina davanti al parlamento israeliano che i primi tremila ebrei ultraortodossi potranno essere richiamati alle armi in agosto. Per ora questo riguarda solo i maschi ortodossi.

“Il nostro obiettivo è chiamare tutti coloro che possono essere arruolati secondo la legge”, ha detto Gallant. Ha aggiunto: “Il processo sarà graduale, cosa che non accadeva da 76 anni”.

Esenzione dal 1948

Si riferisce alla situazione esistente dalla fondazione dello Stato di Israele nel 1948. Gli ebrei ultraortodossi, o cosiddetti Haredim, sono praticamente esentati dal servizio militare. Ciò è in contrasto con gli israeliani non ortodossi, per i quali le donne (due anni) e gli uomini (tre anni) devono prestare il servizio militare obbligatorio.

Alcuni ebrei ultraortodossi preferiscono andare in prigione piuttosto che arruolarsi nell'esercito.©Getty
Alcuni ebrei ultraortodossi preferiscono andare in prigione piuttosto che arruolarsi nell'esercito.

Molti israeliani considerano ingiusta questa posizione eccezionale. Il dibattito è scoppiato dopo che l’esercito israeliano ha richiamato più di 300.000 soldati di riserva in ottobre. Si tratta di cittadini israeliani che hanno completato il servizio militare e devono poi essere disponibili per anni per essere schierati (temporaneamente) quando si presenta una situazione speciale.

La Corte Suprema israeliana ha deciso il 25 giugno che gli ebrei ultraortodossi non sono più esentati dal servizio militare. La corte ha dichiarato nel 1998 che questa esenzione doveva essere eliminata, ma da allora vari governi hanno trovato il modo di aggirare questa sentenza. Finora.

READ  Le proteste dei camionisti soffiano dal Canada all'Europa: così è a Parigi e L'Aia

“Israele dice a se stesso di essere impegnato in un conflitto esistenziale con Hamas, Hezbollah e l’Iran”, afferma Peter Malcontent, specialista del conflitto israelo-palestinese e docente e ricercatore all’Università di Utrecht. “La guerra continua e la stanchezza comincia a diffondersi tra le forze esistenti. Pertanto, è necessario disporre di forti riserve”.

Studio della Torah

Il fatto che la maggioranza degli haredim non voglia prestare servizio nell'esercito è dovuto al proprio credo religioso. La comunità vive in gran parte isolata dalla società ed evita il contatto con il mondo esterno. Non hanno Internet né televisione e trascorrono quasi tutto il loro tempo a studiare la Torah, gli antichi libri di legge ebraici. Molti di loro indossano cappelli neri, cappotti lunghi e anelli.

Alla fine di giugno un gruppo di ebrei ultraortodossi ha protestato contro il servizio militare obbligatorio.©Getty
Alla fine di giugno un gruppo di ebrei ultraortodossi ha protestato contro il servizio militare obbligatorio.

Anche se non è vero che nessuno di questi ultraortodossi non voglia servire. Coloro che vogliono farlo vengono riuniti il ​​più possibile in unità speciali che non includono le donne. Hanno anche tempo per studiare e pregare.

La Brigata Netzah Yehuda, un'unità militare che serve principalmente ebrei ultra-ortodossi e coloni di estrema destra, è stata accusata ad aprile di aver commesso violazioni dei diritti umani in Cisgiordania.

Segnalato anche a fine ottobre Circa duemila Volontari ultraortodossi per prestare servizio nell'esercito. Per loro è stata preparata una formazione di base speciale affinché possano aiutare come autisti, programmatori o cuochi.

Una differenza importante rispetto al 1948 è che gli Haredim costituivano solo una piccola parte della popolazione israeliana. Ed è durato a lungo Diverse centinaia Ultra ortodossi che hanno ricevuto un'esenzione per poter studiare testi religiosi a tempo pieno nelle scuole yeshivah private.

Poiché gli ebrei ultraortodossi hanno un numero relativamente elevato di figli, la loro percentuale è rapidamente salita a circa il 13% della popolazione, ovvero a circa 1,3 milioni di persone.

READ  Villa è ufficialmente nominato nuovo Primo Ministro della Repubblica Ceca

La divisione è fantastica

“Man mano che questo gruppo cresce e acquisisce maggiore influenza sul sistema politico, i genitori di ebrei non ortodossi vedono i loro figli e figlie dover combattere la battaglia”, afferma Malcontent. “Alcuni di loro sono arrabbiati con gli haredim e pensano che vivano di denaro perché ricevono solo benefici e pregano, mentre lo Stato garantisce la loro sicurezza. Ci sono anche sospetti che gli haredim stiano abusando della regola di esclusione andando all'università solo per per evitare il servizio militare.”

Secondo lui tutta questa questione mostra ancora una volta quanto sia divisa attualmente la società israeliana. “Non solo tra sostenitori e oppositori della guerra, o tra persone che sostengono o non sostengono il primo ministro Netanyahu, ma anche tra ebrei ultraortodossi e il resto della società”.

Decine di persone sono state uccise e ferite ieri in un attacco aereo israeliano su una tendopoli nella città di Khan Yunis a Gaza.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24