Questi sono gli oligarchi russi

Gli oligarchi sono un pilastro importante del potere di Putin: russi che si sono arricchiti nei decenni successivi alla caduta dell’Unione Sovietica, spesso acquistando mezzi di produzione quando non avevano ancora un prezzo ragionevole. Avevano bisogno del sostegno (corrotto) dei politici. In cambio, hanno fornito assistenza al regime: la costruzione di un ponte per la Crimea, il pompaggio di petrolio e la costruzione finanziaria.

Le potenze occidentali sperano di minare questo pilastro imponendo sanzioni all’oligarchia. Nella maggior parte dei casi, ciò significa che i loro beni e proprietà in Occidente sono congelati e rimangono in loro possesso, ma non hanno più accesso ad essi. Inoltre, non possono più occuparsene e non possono più ottenere visti per i paesi occidentali. L’idea alla base: se l’analisi costi-benefici cambia, anche il loro atteggiamento nei confronti di Putin potrebbe cambiare.

Ma non tutti gli oligarchi hanno necessariamente Putin. Nella panoramica qui sotto, distinguiamo tre cerchi attorno a Putin. Nel primo cerchio ci sono i vecchi amici di Putin, e nel secondo ci sono i classici governanti che sono tra i suoi stretti collaboratori. Il terzo episodio è composto da oligarchi che hanno i rapporti meno diretti con il Cremlino, che, soprattutto, cercano di non sbagliare.

READ  La Russia si rifiuta di restituire più di 400 aerei occidentali rubati ai loro proprietari

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24