Questo è il modo in cui i ricercatori intendono produrre ferro su Marte

Gli scienziati dell’Università australiana di Swinburne hanno a La tecnologia ha capito Che può essere utilizzato per produrre minerali su Marte e altri pianeti. Questo potrebbe essere cruciale per le future colonie nello spazio.

In tal modo, utilizzeranno il carbonio ottenuto dal gas CO2 raffreddato, che è esso stesso un sottoprodotto di un processo esistente che è stato utilizzato per la prima volta l’anno scorso. Generazione di ossigeno Sul pianeta rosso per estrarre ferro dalle rocce. I loro calcoli hanno mostrato che se si utilizzassero calore e carbonio, il metallo potrebbe essere separato dalla roccia, lasciando dietro di sé ferro liquido con una purezza del 99,9%.

Inoltre, la capacità di produrre ossigeno è essenziale per i futuri coloni su Marte, quindi i generatori di ossigeno devono comunque essere costruiti. Usandolo per produrre ferro, gli scienziati sperano di prendere due piccioni con una fava.

caro

Dopotutto, la produzione di metallo in loco sarà uno dei maggiori problemi futuri coloni Risolto. Dopotutto, il rilascio di materiali è molto costoso: Opzione più economica Attualmente è il Falcon Heavy di SpaceX, che può essere lanciato nello spazio per più di $ 1.500 per chilogrammo di carico.

Ma questo prezzo è per i voli in orbita terrestre bassa. Per trasportare merci fino a Marte, i costi aumentano esponenzialmente. Perseverando, la più recente sonda Marte della NASA, per il Pianeta Rosso, è stata di circa 2,5 miliardi di dollari, o circa 2,5 milioni per chilogrammo.

Colonie autosufficienti

Il professor Akbar Ramdani, autore principale dello studio che descrive il processo, ha dichiarato: Geometria interessante Meno materiale viene estratto dalla Terra, più economica diventerà una futura missione su Marte. “Se vuoi costruire qualcosa di grande su Marte senza dover pagare per lanciare tutto dalla Terra, potrebbe essere un processo molto prezioso”, ha detto il mondo.

READ  Se prendi la corona dopo la vaccinazione, ti dà una forte spinta?

La NASA prevede di far atterrare gli esseri umani sul Pianeta Rosso entro il 2030 per la prima volta nella storia. Pertanto, utilizzerà prima la luna come punto di partenza. Per tornare sulla luna, quest’estate inizierà il programma Artemis. Lo spera l’agenzia spaziale nel 2025 Riporta gli astronauti nel globo.

(kg)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24