Questo giapponese-americano si lamentò nel 1944 contro il suo arresto negli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale | National Geographic

Ma Korematsu aveva i suoi piani. La sua ragazza Ida Boitano era italo-americana e se Korematsu fosse rimasto con i suoi genitori e fratelli e si fosse presentato in un centro di raccolta, lui e Boitano sapevano che sarebbero stati separati. Così hanno deciso di fuggire dalla costa occidentale.

Korematsu ha persino preso accordi per sottoporsi a un intervento di chirurgia plastica per alterare i suoi tratti giapponesi, sperando che ciò riducesse il rischio che venisse arrestato dopo la loro fuga. Nel marzo 1942 pagò cento dollari a un medico per una correzione delle palpebre e del naso. Quando la famiglia Korematsu riferì al centro di raccolta di Tanforan di essere stata “evacuata”, Farid non era presente.

Ha detto ai suoi genitori che è in Nevada. Ma in realtà, Korematsu era ancora ad Auckland, svolgeva vari lavori, trascorreva del tempo con Boitano, risparmiando soldi per il suo viaggio. Alla fine di maggio, tre settimane dopo l’entrata in vigore dell’ordine, la coppia stava camminando per la strada nella vicina San Leandro quando la polizia ha arrestato Korematsu. Poiché forniva un nome falso, portava documenti d’identità falsi e negava di essere un giapponese americano, fu accusato di spionaggio per conto del Giappone e condannato al carcere.

visita inaspettata

Mentre era in prigione a San Francisco, Korematsu ricevette la visita di qualcuno che non conosceva: Ernest Bessig, presidente della sezione della California settentrionale dell’American Civil Liberties Union (ACLU). Besig aveva letto dell’arresto di Korematsu sul giornale locale e voleva sapere se il giovane fosse disposto ad avviare un processo contro la costituzionalità del decreto presidenziale.

Korematsu acconsentì e presto fu messo in atto un piano. Nel 1942 fu dichiarato colpevole da un tribunale federale di disobbedienza a un ordine militare e gli fu data la libertà su cauzione. Sebbene Besig abbia pagato la cauzione, Korematsu è stato arrestato dopo la sua condanna e mandato al campo di concentramento di Tanforan, dove si è riunito alla sua famiglia. Fu quindi trasferito in un altro campo di concentramento a Topaz, nello Utah.

READ  Berlusconi ha ragione a bandirlo come maggiore azionista della banca

Nel frattempo, Boitano ha scritto a Besig che mentre credeva che Korematsu non avesse fatto nulla di sbagliato, avrebbe dovuto smettere di chiamarla. “Devi capire che sono italiana e questa è una guerra, quindi dobbiamo stare attenti”, ha scritto. Non solo l’Italia e il Giappone erano alleati in guerra, ma gli italoamericani furono monitorati negli Stati Uniti e, a volte, furono internati durante la guerra. Korematsu e Boitano non si rivedranno mai più.

Alcuni detenuti hanno accusato Korematsu di eludere gli embarghi militari e quindi di aver dato ai giapponesi americani un nome peggiore. La sua causa ha causato divisioni anche all’interno dell’ACLU; L’organizzazione nazionale ha chiesto ripetutamente a Besig di porre fine all’ordine, ma Besig e Korematsu erano entrambi determinati a portare avanti la causa.

Causa pionieristica

Dopo che la Corte d’Appello della California ha confermato la condanna, Korematsu vs. Gli Stati Uniti nell’ottobre 1944 davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti, dove Korematsu rappresentava gli avvocati della Civil Liberties Union. Quel giorno, la corte ha anche ascoltato le argomentazioni nel caso portato da un altro detenuto del centro di Topaz, Mitsui Endo, che ha citato in giudizio gli Stati Uniti per aver violato il principio dell’habeas corpus della Costituzione degli Stati Uniti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24