Questo scienziato dice che la dislessia non è una malattia, ma una forza evolutiva

La sociologa Helen Taylor dice che la dislessia è una forza cognitiva. Secondo lei, ha reso possibile lo sviluppo di successo dell’uomo.

Willem shonen

Chi parla o scrive di dislessia di solito parla di una condizione o almeno di un problema. Ma non lo è affatto, come dice la sociologa britannica Helen Taylor: “Non è una malattia o un disturbo, ma una diversa forma di cognizione”.

“Questo può manifestarsi in difficoltà di lettura, ma la dislessia esiste da molto prima della prevalenza della lettura e della scrittura. È anche molto comune: dal 5 al 20 percento della popolazione è dislessica. Questo è il caso in tutto il mondo, come te lo vedi in tutto il mondo. culture. Inoltre, la dislessia è in gran parte ereditaria e quindi ereditaria. ”

Questi erano i motivi per cui Taylor considerava la dislessia con un occhio evolutivo. “Era chiaro che le persone dislessiche hanno talenti speciali. Troverai dislessia tra famosi scienziati, artisti, architetti e ingegneri. C’è una storia ben nota su un uomo, di nome Mark Roe, che ha superato a malapena gli esami, ma ha ottenuto una borsa di studio , e ora è un chirurgo Brillante. E perché è brillante? Perché prima dell’operazione immagina tutti i modi possibili per farlo. I dislessici sono abili in questo pensiero universale e nel vedere il quadro generale. ”

Helen Taylor: “Abbiamo un disperato bisogno di talenti dislessici”.

Chi è Helen Taylor?

Ha 41 anni Elena Taylor PhD all’Università di Cambridge sulla ricerca sull’origine della complessità sociale nelle società umane. Dopo la sua ricerca di dottorato, ha gettato le basi per la sua teoria dell’evoluzione umana la cui storia principale è: cognizione complementare† Taylor attinge a molte scienze per la sua ricerca, dall’economia e dalla biologia alle scienze organizzative e alla psicologia cognitiva. Questa diversità è evidente anche dalla sua vita accademica. Era affiliata al MacDonald Institute for Archaeological Research di Cambridge e continua a lavorarci. È anche ricercatrice presso l’Università di Strathclyde presso l’Hunter Center for Entrepreneurship. Taylor: “Non riesco a capire un problema in una sola disciplina scientifica”.

READ  Il club di basket Castors Braine dà il benvenuto al secondo giocatore ucraino: "Marito e padre avrebbero dovuto lasciarli indietro"

Esplora nuove possibilità

Questo è il potere cognitivo. Questo è compensato da un deterioramento cognitivo: un occhio per i dettagli, qui e ora, le linee sottili. La forza cognitiva contro la debolezza cognitiva, dice Taylor, è un modello di base in biologia. Lo chiamiamo equilibrio tra sfruttamento ed esplorazione, uso ed esplorazione. Ogni sistema vivente è alla ricerca di un partner, per il cibo, lo chiami, e deve sempre fare un compromesso tra lo sfruttamento di un’area familiare o l’esplorazione di qualcosa di nuovo. Questo vale anche per la memoria e la conoscenza: puoi basarti sulle conoscenze che già possiedi o cercare nuove idee. Questa comprensione di base della ricerca e del compromesso tra esplorazione e sfruttamento mi ha fornito un quadro per comprendere le differenze cognitive tra le persone”.

I dislessici sono abili nell’esplorare ed esplorare nuove possibilità. Hanno un’intuizione spaziale e possono pensare in modo astratto e fantasioso. Taylor: “Questi tratti sono stati visti, ma non sono riuniti in un buon rapporto. È una scala: ci sono organismi, animali o umani, che possono utilizzare un’area esistente in modo molto efficiente e trarne il massimo. Sono dall’altra parte della scala, sono pensatori locali. “I dislessici sono pensatori globali. Quasi tutti sono da qualche parte su quella scala tra gli estremi. Si potrebbe dire che i dislessici sono specializzati nell’esplorazione”.

divisione del lavoro

Taylor spiega che la dislessia non compare perché qualcosa è andato storto, ma perché era necessario qualcosa. Il periodo in cui gli esseri umani moderni hanno iniziato il loro sviluppo, circa 300.000 anni fa, è stato molto variabile. Così instabile che le persone che sono brave solo a sfruttare le terre familiari avranno difficoltà a sopravvivere. In circostanze mutevoli hai bisogno di talenti esplorativi. Non si può essere entrambi allo stesso tempo.

Taylor: “Le capacità del tuo cervello sono limitate e ti costa energia se come individuo devi passare costantemente da una strategia all’altra. Ad un certo punto, diventerà più economico scegliere una specialità particolare e iniziare a lavorare con specialisti in l’altro. La specializzazione e la collaborazione aumentano le capacità del tuo cervello prendendo una decisione. collettiva”.

Questo è ciò che Taylor chiama “lo sviluppo della cognizione complementare”. Una forma di divisione del lavoro. Vedete divisione del lavoro e specializzazione non solo negli esseri umani, ma anche, ad esempio, negli insetti socialmente viventi. Mentre una parte della comunità delle api si concentra sulla cura dell’alveare e della prole, un’altra parte va alla ricerca di (nuove) fonti di cibo. I biologi hanno stabilito che questi esploratori, questi professionisti dell’esplorazione, costituiscono dal 5 al 20 percento della popolazione di api. Per quanto affrontiamo la dislessia tra le persone.

Attaccamento al sistema educativo

C’era un impulso evolutivo per realizzare questa divisione del lavoro. Taylor: “Avevamo bisogno di quella varietà per sopravvivere alle mutevoli condizioni”.

E ancora, perché finora le condizioni stanno seriamente cambiando. Taylor ha già ricevuto risposte interessate da scienziati che lavorano sul cambiamento climatico. Le persone con una prospettiva globale possono pensare bene a sistemi complessi, come il clima. Sono bravi a prevedere e comprendere diversi scenari. Questo è molto importante per cambiare i regimi”.

Questo sembra logico, ma non è riconosciuto nella società odierna. Il sistema educativo è principalmente finalizzato allo sfruttamento, all’assimilazione delle conoscenze esistenti secondo regole stabilite e non all’esplorazione creativa di nuove possibilità.

Taylor: In linea di principio, non era affatto questo il punto, ma il sistema educativo è diventato così. È passato dalla parte dello sfruttamento della conoscenza. Ciò rende difficile per le persone con dislessia sfruttare appieno i propri talenti. Ti senti sempre l’ultimo, è brutto. Molte persone con dislessia hanno problemi. La dislessia è sovrarappresentata nelle carceri. Dobbiamo smettere di spingere le persone nella direzione sbagliata. per vedere i loro talenti. Ne abbiamo un disperato bisogno”.

Leggi anche:

Abbiamo bisogno del cervello dell’altro

Due ne sanno più di uno. Questa non è saggezza popolare, ma un fatto neurologico dimostrabile. È un processo mente collettiva

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24