Raffaele Imperiale: Da spacciatore di acqua minerale a spacciatore internazionale

Foto non datata di Raffaele Imperiale.AP . immagine

La prima volta che il boss della mafia italiana Raffaele Imperial ha fatto notizia a livello mondiale è stato nel 2016. La polizia italiana ha trovato due dipinti di Van Gogh rubati ad Amsterdam nel 2002 in una cassaforte in una piccola casa vicino a Napoli. La casa appartiene a Imperial. La scorsa settimana, il secondo gangster più ricercato d’Italia è stato arrestato a Dubai e ha fatto di nuovo notizia dal mondo.

Raffaele Imperial, 46 anni, è nella lista dei criminali più ricercati per traffico internazionale di droga su larga scala dal 2106. Due anni dopo, era ancora disperso, ma è stato condannato in contumacia a 18 anni di carcere in Italia. Dopo l’arresto della scorsa settimana, il ministero dell’Interno italiano ha elogiato la cooperazione internazionale nel rintracciare e arrestare questo boss mafioso. Non è chiaro se i Paesi Bassi abbiano avuto un ruolo in questo.

Imperial ha posto le basi di un impero criminale ad Amsterdam a metà degli anni ’90. Come molti criminali, lo ha fatto sotto copertura legale. Nella Camera di Commercio si può ancora trovare che nel 1996 gestiva il “bar sandwich shop” Rock-Land, in Raadhuisstraat. Aveva sequestrato quella tenda a suo fratello Sami, morto quell’anno, secondo i media italiani. È ancora presente anche l’indirizzo della sua ex casa, un condominio poco appariscente nel quartiere Osdorp di Amsterdam.

commercio di acqua minerale

nel loro libro paradiso mafioso Dal 2017, i giornalisti Koen Voskuil e Stan de Jong hanno descritto come Imperial sia lentamente entrato nell’ambiente criminale e sia diventato uno dei principali attori della cocaina. Figlio di un imprenditore edile di Castellammare di Stabia, si è avvicinato prima al commercio del vino e delle acque minerali prima di finire nel traffico di droga. Oltre al caffè, Imperial ha, secondo il cliché, un ristorante italiano ad Amsterdam, dove viene servita anche la qualità. Nel 2002, la tenda ha ricevuto 9 dall’allora critico culinario Johannes Van Damme.

Puoi leggere nel libro come Imperial ad Amsterdam stabilisce rapporti d’affari con altri criminali e finisce così nel commercio di ecstasy e cocaina. Dopo i Paesi Bassi, si è trasferito in Spagna, per fare di Dubai la sua base operativa.

Quando la magistratura italiana ha intensificato la ricerca di Imperial nel 2016, hanno trovato due dipinti di Van Gogh rubati nel 2002 durante un raid nella sua città natale. Nell’agosto di quell’anno, Imperial scrisse una confessione a sei facce attraverso il suo avvocato alla magistratura, sperando di indebolire le indagini e le successive richieste criminali. Lo scrive il quotidiano italiano nella lettera Repubblica Nell’ottobre 2016 ha confessato il traffico di cocaina e ha regalato ogni genere di cose che ha guadagnato a beneficio della società: tredici ville qui, dieci là, una montagna con una fattoria ed esattamente dieci auto di lusso, per combattere la criminalità organizzata’.

Circa due dipinti trovati – Vista sul mare a Scheveningen dal 1882 e Lasciare la Chiesa Riformata a Nuenen Dal 1884 al 1985 – L’avvocato di Imperial ha scritto che il boss mafioso ha pagato un totale di cinque milioni di euro per questo, in cinque parti.

Con la famiglia a Dubai

Sebbene si sia dichiarato colpevole, Imperial non finisce in prigione. Lui e la sua famiglia si trovano a Dubai, verso la quale l’Italia non ha attualmente un accordo di estradizione. All’inizio di quest’anno ha detto in un’intervista a un quotidiano napoletano di non avere nulla a che fare con il furto dei quadri. Ha semplicemente ricevuto l’offerta direttamente da un ladro olandese di acquistare quei dipinti. Aveva incontrato quel ladro, Henk B, nella sua caffetteria (trovato nel libro paradiso mafioso) di cui B. Era un visitatore abituale. Imperial dice in una rara intervista che come “amante dell’arte” con tasche profonde, ha accettato con entusiasmo l’offerta.

Nel 2019, la polizia olandese ha annunciato di sospettare che Imperial avesse stretto nuovi rapporti d’affari a Dubai, con Ridouan T. e Richard R., meglio conosciuto come Rico de Chileen. La collaborazione apparirà, tra le altre cose, dai messaggi PGP decifrati. In esso si discuteva, tra l’altro, del prezzo della cocaina e dei trasporti. La polizia olandese ha anche ricevuto informazioni statunitensi nel 2019 sul matrimonio di un famigerato gangster irlandese a Dubai, dove il criminale imperiale e bosniaco Eden Ge, cresciuto nel Brabante, è stato avvistato mentre partecipava alle feste, ha scritto. anno Domini.

Ma in quell’anno, l’atteggiamento di Dubai nei confronti dei criminali è cambiato. Per anni hanno potuto svolgere i loro affari quasi indisturbati nel principato e credevano di essere intoccabili. Estradizione? In realtà Dubai lo ha fatto. Fino a quando T. è stato arrestato nel dicembre 2019, maltrattato e imbarcato rapidamente su un aereo per i Paesi Bassi. Questo succede a molti criminali.

La scorsa settimana è stata la volta di Rafael Imperial. È ancora intrappolato nella città del deserto, in attesa della sua estradizione in Italia.

READ  8 cose che non sapevi sulla regina Maxima

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24