Resti umani trovati durante la ricerca di giornalista e compagno di viaggio britannico | Attualmente

Resti umani sono stati trovati durante la ricerca del giornalista britannico scomparso Dom Phillips e del ricercatore brasiliano Bruno Pereira nella foresta amazzonica. Lo ha annunciato giovedì la polizia federale brasiliana in una conferenza stampa. La polizia lavorerà con l’Interpol per identificare i corpi.

Mercoledì, la polizia ha arrestato un altro sospetto nel caso. È imparentato con i due fratelli Amarildo e Osini da Costa. La polizia ha detto che uno di loro aveva confessato di aver ucciso Phillips e Pereira. Non escludono il coinvolgimento di più persone nel duplice omicidio.

Il sospetto ha condotto la polizia al luogo di sepoltura, dove sono stati poi ritrovati resti umani. Si dice che Phillips e Pereira siano morti fotografando la pesca illegale nella foresta pluviale.

Da giorni c’è incertezza sul destino dei due scomparsi da più di una settimana. Lunedì, la moglie di Phillips ha detto che i due uomini erano stati trovati morti nella foresta amazzonica, ma le autorità lo hanno negato. Il presidente Jair Bolsonaro ha detto che sono stati trovati resti umani, ma il team di ricerca in seguito ha negato ciò.

Phillips scrive per il quotidiano britannico The Guardian e Pereira lavora per l’agenzia del governo brasiliano per gli affari indigeni. I due erano in spedizione insieme nella valle di Javari, lungo il confine con il Perù. Si dice che stiano intervistando per un libro sulla conservazione nell’area che è teatro di caccia illegale, disboscamento, estrazione mineraria e contrabbando di droga.

READ  La polizia tedesca indaga sulla vendita di barche per impedire il contrabbando di persone attraverso la Manica

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24