Ricerca: Corona è più sensibile al bel tempo di quanto si pensasse in precedenza

Zandvoort si prepara per le calde giornate. In estate, il coronavirus deve affrontare la luce del sole, il caldo e l’elevata umidità.ANP .immagine

Questo è secondo nuovi account del virus dai ricercatori britannici. Gli scienziati hanno confrontato il corso dell’epidemia in 143 regioni e hanno utilizzato tecniche matematiche per rimuovere l’effetto delle misurazioni della corona. In conclusione: la differenza tra il pieno inverno e il massimo estivo consente di risparmiare circa il 40 percento delle infezioni, il doppio del 20 percento calcolato dal National Institute of Mental Health.

Quindi attenzione, ha avvertito gli inglesi, guidati dal matematico Jan Colvett dell’Università di Oxford. Un’inadeguata considerazione della stagionalità può portare a gravi errori politici o a prospettive eccessivamente rosee. Ad esempio, una diminuzione della trasmissione in estate potrebbe essere erroneamente interpretata come il risultato dell’immunità di gregge e quindi portare a una preparazione insufficiente per il recupero nei mesi più freddi.

“Con tutto ciò che va bene in estate, dobbiamo pensarci: c’è qualcosa da aggiungere in inverno”, dice Jacco Wallinga, Head of Modeling di RIVM, quando gli viene chiesto. Non è preoccupato che i modelli RIVM lo giudichino male: “Forse risulta un po’ più alto. Ma vedo questo soprattutto come una conferma di ciò che pensiamo anche dei Paesi Bassi. Le nostre stime non sono distanti.

da novembre a maggio

Il virus, come tutti i virus respiratori, è noto per cambiare con le stagioni: in estate le persone trascorrono più tempo all’aperto e il virus deve affrontare la luce del sole, il caldo e l’umidità elevata. ricerca precedente Abbiamo già notato che i coronavirus freddi sono altamente stagionali: quasi tutte le infezioni si verificano tra novembre e maggio.

Colvet sottolinea che questo non significa che non abbiamo nulla da temere da Corona in estate nella spiegazione. Sottolinea che “la sola stagione estiva non ottiene un valore R inferiore a 1”. Ciò significa che un focolaio in estate è ancora teoricamente possibile.

Secondo Kulveit, l’effetto stagionale spiega perché il virus è rimbalzato fortemente in tutta l’Europa occidentale dopo la scorsa estate. Quindi la crescente “marea” del numero di riproduzioni ha superato il valore soglia delle procedure, che era ancora sufficiente in estate. Ma in autunno e in inverno, erano sorprendentemente necessarie misure ancora più rigorose.

vaccinazione

Tuttavia, l’effetto dei vaccini non è stato codificato nei modelli. Questo indebolisce ancora una volta il valore R dell’epidemia, perché le persone vaccinate trasmettono meno il virus. Pertanto, gli scienziati in patria e all’estero stanno aspettando con ansia cosa accadrà il prossimo inverno: forse i vaccini terranno sotto controllo il virus e forse saranno nuovamente necessarie misure per la corona.

I nuovi calcoli sono in linea con i dati della Svezia, dove l’effetto stagionale è stato calcolato come il 50 percento della velocità di transito. Tuttavia, Walinga non è preoccupato che i suoi modelli lo stiano sottovalutando: “Certo, vedremo se ci manca ancora qualcosa. Ma ciò che mi dà fiducia è che abbiamo raggiunto il 20% usando lo stesso metodo di questo gruppo.

Wallinga spiega che l’effetto stagionale può variare leggermente da paese a paese, a causa delle differenze climatiche regionali, ad esempio, o delle usanze locali. “In un paese in cui le persone si siedono accanto ai condizionatori d’aria in estate, noterai un effetto leggermente diverso sulla diffusione del virus rispetto a un paese in cui tutti corrono fuori quando il tempo è bello”.

L'effetto stagionale del virus (viola) calcolato dall'Università di Oxford.  La linea mediana nera è il valore R. Le bande viola chiaro e scuro che circondano i margini di incertezza.  Il punto di partenza di R è la situazione del 1° aprile.  Le aree grigie indicano la durata di due studi precedenti.  Le misure Corona non sono incluse in questo grafico.  Statua di Tomáš Gavenciak et al
L’effetto stagionale del virus (viola) calcolato dall’Università di Oxford. La linea mediana nera è il valore R. Le bande viola chiaro e scuro che circondano i margini di incertezza. Il punto di partenza di R è la situazione del 1° aprile. Le aree grigie indicano la durata di due studi precedenti. Le misure Corona non sono incluse in questo grafico.Beeld Tomas Gavenciak e altri

READ  diretto | NS consente ai treni notturni di ripartire, uomo (21) con piena aura di coccole nel club dopo l'errore del risultato del test | Corona virus

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24