Ricerca paranoica del tartufo bianco

La caccia al tartufo è un culto. La scorsa settimana, Nicolas Cage è andato al cinema maiale Alla ricerca del maiale al tartufo rubato, vai ora cacciatori di tartufi Antichi piatti italiani alla ricerca del tartufo bianco autunnale (Tuber magnatum) intorno alla capitale del tartufo di Alba.

Non è facile trovare i tartufi, come abbiamo visto prima nel documentario amore al tartufo, mentre i pescatori francesi martellavano delicatamente i rami nell’apparato radicale attorno a querce, castagni e nocciole. Dove volano le mosche, troverai il tartufo nero (Tuber Melanosporum). In altri luoghi vengono utilizzati i maiali, che hanno lo svantaggio di amare i tartufi. Questo non si applica ai cani da tartufo in lutto cacciatori di tartufi Gioca un ruolo da protagonista. A volte vengono avvelenati dai concorrenti; L’antico mestiere della caccia al tartufo è messo sotto pressione dalla ricerca del profitto e dalla crisi climatica.

seguaci fanatici

Gli americani Michael Dweck e Gregory Kershaw si aggirano per i boschi piemontesi con vecchi contadini e cani da tartufo: il loro film è un’incantevole elegia per una sottocultura in via di estinzione.

Chiunque abbia mai assaggiato tartufi tagliati sottili sopra un uovo sodo – non stiamo parlando degli avanzi di petrolchimici venduti qui come aroma di tartufo – sa perché questo fungo rende 400 o anche 4000 euro al chilo. Il suo profumo profondo e terroso regala al tartufo i suoi seguaci irriducibili.

Kershaw e Dweck ci hanno messo tre anni cacciatori di tartufi, come si dice durante una conversazione Zoom. Ne sono rimasti affascinati durante una vacanza nel nord Italia. Dweck: “Abbiamo sentito parlare di un culto misterioso e intrigante di famiglie di contadini che da generazioni conservano i registri dei siti di tartufi. Contadini che si addentrano nei boschi al buio senza torcia per paura di essere inseguiti e percorrono con cura i loro sentieri. ” Kershaw: “All’inizio nessuno voleva dirci chi fossero i tartufai locali. Ha parlato con il capo della trattoria, ho sentito. Ha detto: ‘Mio zio ne sa più di lei’. Zio: Vai dal prete. Il Reverendo: Parli con la trattoria.

READ  James Bond a Matera: "Non c'è tempo per morire"

Questa segretezza è anche la logica del mercato. Kershaw. I prezzi dei tartufi sono ridicolmente alti. Il mercato globale sta assistendo ad un enorme boom, in particolare il tartufo bianco d’Alba, difficile da coltivare nelle tartufaie, è un prodotto prestigioso. Allo stesso tempo, l’offerta sta diminuendo a causa del cambiamento climatico, delle tossine agricole e della deforestazione”. Dweck: “I cacciatori di tartufi si lamentano dei raccolti scarsi a causa delle minori precipitazioni e del troppo caldo. A dicembre e gennaio le montagne intorno ad Alba dovrebbero avere mezzo metro di neve. Non è più così”.

Leggi anche la recensione di “Love Truffle”: Un tartufo è anche un canarino in una miniera di carbone climatica

Per mettere piede nella porta, il duo si è trasferito a vivere con le famiglie locali per molto tempo. Kershaw: Tre generazioni sono sotto lo stesso tetto, quindi fai parte della routine domestica in pochissimo tempo. Abbiamo lasciato la macchina fotografica a casa per cinque o sei mesi. Dopo un po’ ci hanno presentato un cacciatore di tartufi locale. Quando il ghiaccio si ruppe con lui, ne seguirono altri.” Dweck: “Dopo molte chiacchiere, passeggiate, vino e caffè espresso, ci fu permesso di andare nei boschi per una notte.” Kershaw: “E dopo alcune notti buie e fredde, hanno capito che facevamo sul serio. Abbiamo anche immediatamente condiviso le nostre registrazioni con loro in modo che potessero vedere che volevamo presentare le loro tradizioni come qualcosa di significativo. Sanno che il loro stile di vita sta scomparendo”.

Registri Segreti

Ma dubitano di aver effettivamente visto i posti migliori in quelle escursioni – alla fine sono stati persino autorizzati a fornire ai cani da tartufo delle macchine fotografiche. Kershaw: “Sono registrati in registri segreti. In esso scrivono ai loro eredi esattamente dove e quando hanno trovato i tartufi, quale qualità e dimensione, temperatura e precipitazioni, se i fulmini hanno colpito. La convinzione è che i temporali aiutino i tartufi”.

Il commercio è ugualmente ambiguo. Una parte passa attraverso l’asta pubblica del tartufo ad Alba, dove si radunano il mondo culinario e il naso dittatoriale delle regole di Paolo per un leader di mercato. Un sacco di trading viene fatto anche nel cuore della notte. Ad esempio, il duo ha saputo di una strada in un villaggio di montagna dove c’era un commercio di tartufo nero ogni martedì e domenica intorno alle tre del mattino. Dweck: „C’erano dieci acquirenti disperati che aspettavano. Quando guidi un SUV Fiat Panda in strada, la porta sul retro si apre: l’odore ha riempito immediatamente l’intera strada. Hanno fatto irruzione in quella Fiat e hanno rubato pile di contanti dalle loro tasche interne. La voce dice! ”

Rivenditore di drogati

in un cacciatori di tartufi Vediamo lo chef tre stelle Enrico Crepa del ristorante Piazza Duomo ad Alba di notte ad aspettare in un vicolo come un drogato in attesa del suo spacciatore. Annusa eccitato la sua merce. “Sì, lo voglio. Andiamo!” “È costoso però…” “Non preoccuparti, dai!” Kershaw: “Abbiamo chiesto a Kripa perché non lo incontra nel suo ristorante durante il giorno. ‘No, no, è così che faceva mio padre, è così che lo faccio io.’ In effetti, il commercio è misterioso come il tartufo stesso , che si nasconde tra le radici degli alberi.”

Non romanticizzano un po’ il tartufo bianco d’Alba? Kershaw: “Onestamente, non so se sia davvero il miglior tartufo del mondo. Hanno la loro commercializzazione in ordine proprio lì ad Alba”. Dweck: “Per noi era più una questione di stile di vita. A proposito di Carlo, 88 anni senza TV né internet, che di notte si aggira nei boschi con il suo cane, irraggiungibile sotto la pioggia e la neve. E poi fa colazione e va a lavorare sul campo”.

Kershaw: “La caccia al tartufo va avanti senza di loro. Eravamo anche con i nostri piccoli cercatori di tartufi. Se ne trovano uno, lo fotografano con il loro iPhone e lo condividono in diretta sul forum. Fanno un’escursione sul fianco della montagna”.

Dweck: “È diverso”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24