Ricercato: il sindaco ferma il declino di Roma

La battaglia del sindaco di Roma si concluderà domenica e lunedì. I romani in particolare speravano in un leader per porre fine al declino. “Gli autobus sono così vecchi che hanno preso fuoco”.

È mezzanotte passata a Prati, una delle zone residenziali più eleganti di Roma. Gli ultimi pedoni, che nel primo freddo autunno si precipitano lungo i viali lungo i platani, non guardano nemmeno ciò che vedono. La scena è ormai familiare: un grosso cinghiale, con alle calcagna un allegro branco di porcellini, fa il tifo per il cibo tra i rifiuti sparsi sul marciapiede.

I cinghiali che si sono insediati nella capitale sono così numerosi che sono diventati un problema nelle elezioni comunali. Sembra che “se c’è un partito del cinghiale, vincerà le elezioni a pieni voti”. I romani non persero il senso del ridicolo. Né li apprezzo.

Gli animali sono ovunque a Roma. Non solo cinghiali ma anche gabbiani, topi e volpi. Sono tutti attratti dai contenitori della spazzatura traboccanti. Sono diventati un simbolo della politica fallimentare del sindaco uscente Virginia Raggi. Tuttavia, il giovane ispiratore del Movimento Cinque Stelle ha ottenuto una clamorosa vittoria elettorale nel 2016, con il 67 per cento dei voti. Poi ha promesso di “pulire la città in meno di un mese”.

l’essenza

  • I rumeni si recheranno alle urne domenica e lunedì per eleggere il nuovo sindaco.
  • La battaglia tra il candidato di sinistra Roberto Gualtieri e il politico di destra Enrico Michetti.
  • Il vincitore sta aspettando un compito arduo. I problemi nella capitale italiana sono tanti: dai problemi dei rifiuti al caos dei cimiteri allo sfortunato trasporto pubblico.

Raji aveva sperato in un secondo mandato, ma è stato ucciso nel primo turno delle elezioni locali all’inizio di questo mese. Domenica e lunedì gli elettori decideranno la battaglia finale per il Campidoglio. In esso, Enrico Michetti, candidato di destra e di estrema destra, affronterà Roberto Gualtieri del Partito Democratico (PD) di centrosinistra. Entrambi si rendono conto di quale eredità riposi sulle loro spalle. Ecco perché hanno attenuato le loro promesse elettorali per essere al sicuro.

asi

“Roma non è una capitale che si può gestire come un’altra”, afferma l’architetto Umberta Canto. È una città molto complessa con ministeri e ambasciate, e teatro di continue manifestazioni. Roma è la sede del Vaticano e un patrimonio artistico unico al mondo.

Ma Roma è grattata di debiti e corruzione. Di conseguenza, il servizio fornito ai cittadini è scadente. Le strade sono piene di traffico e il sistema di raccolta dei rifiuti è così caotico che le autorità locali non riescono a trovare una soluzione.

Roma sta bruciando. In senso letterale e figurato. Alla vigilia del primo turno elettorale, un incendio è divampato sotto lo storico Ponte del Industria, costruito da una società belga nella seconda metà dell’Ottocento. Il giorno dopo, un deposito di autobus ha preso fuoco. Potrebbe essere coinvolto un intento dannoso. L’obiettivo era l’azienda di trasporto pubblico urbano Atac, che non gode di una buona reputazione.

le aurorities non riescono a trovare una soluzione per raccogliere la spazzatura.
© AFP

Roma è la capitale della maestosa bellezza, ma è anche birichina e indisciplinata. È una città complessa con molte forme e caratteri diversi che a prima vista sono inconciliabili. Dall’altro c’è l’elegante centro cittadino, con le sue eleganti boutique e un numero crescente di hotel di lusso. Inoltre, ci sono molti sobborghi fatiscenti. Sono tanti i romani che non riescono a farsi votare perché si sentono abbandonati dai politici.

Di fronte a questa “schizofrenia urbana”, Michetti e Gualtieri si impegnano a dare alla capitale e ai suoi abitanti un tempo delusi un senso dell’onore.

“Raji sente di aver fatto del suo meglio per risolvere i problemi, ma purtroppo nella pratica non è cambiato nulla. Guardate la cattiva gestione dei rifiuti. Sappiamo che non ci sono abbastanza impianti di lavorazione nella zona, ma non capiamo perché sia difficile liberarsi di questo problema una volta per tutte”, come afferma il geometra Saverio Galazzo. “Il Movimento Cinque Stelle ci ha promesso il cambiamento e ci ha dato speranza. Ma il partito, come gli altri, è caduto nella trappola del compromesso e dell’intrigo politico. Quando è arrivata la spinta, non ci ha lasciato nulla di positivo.


Una volta piantata una pala nel terreno in questa città, incontrerai i resti della Roma preistorica, imperiale o medievale.

Umberto Canto

Architetto Italiano

Eliminare il problema dei rifiuti è una sfida importante. Ci sono falle interne ad Ama, l’azienda che si occupa della gestione dei rifiuti. Gli inceneritori disponibili sono sovrasaturi, e fallisce anche il trasporto di tonnellate di rifiuti verso altre regioni italiane – e anche all’estero.

Gualtieri ha proposto un piano ambizioso basato sui principi del riciclo e dell’economia circolare. Secondo il candidato di sinistra, 18 mesi saranno sufficienti per salvare la capitale dalla sua difficile situazione. Rival Mishti si affida alla reputazione di un uomo: Guido Bertolaso, ex direttore della Protezione civile italiana. Il candidato di destra si è impegnato a nominare Bertolaso ​​alla carica di “Commissario straordinario per il paesaggio urbano” in caso di vittoria delle elezioni a sindaco.

caos del cimitero

Oltre al “caos della spazzatura”, c’è anche il “caos delle tombe” a Roma. È una vecchia piaga che è stata esacerbata dai numerosi decessi durante l’epidemia di Corona. Il motivo principale è la diffusa burocrazia. Ciò si spiega con l’eccessiva burocrazia, ma anche con la sovrapposizione di responsabilità tra il consiglio comunale e il consiglio di Ama, che è anche responsabile della manutenzione tecnica delle tombe.

Anche il trasporto pubblico lascia molto a desiderare nella capitale italiana. Gli autobus sono affollati nelle ore di punta. Spesso devi aspettare molto tempo per trovare un posto. Inoltre, a volte gli autobus sono a brandelli”, afferma Krishani Fernando, un giovane srilankese che vive a Roma. Di recente ho notato che il pulsante di richiesta di arresto era difettoso. Tutti quelli che volevano uscire dovevano urlare. Ieri le porte di un altro autobus sono state chiuse e nessuno è riuscito a entrare o uscire.


È tempo che Roma torni a funzionare come dovrebbe.

Roberto Gualtieri

Candidato di sinistra sindaco di Roma

Quando a Gualtieri è stato chiesto dello stato dei trasporti locali durante la campagna, non si è battuto la palpebra. È tempo che Roma torni a funzionare come dovrebbe. Ci sono molti vecchi autobus lungo la strada. alcune mosche anche in fiamme. Non solo dobbiamo rinnovare l’intero parco mezzi, ma dobbiamo anche rinnovare l’intera rete.

Entrambi i candidati concordano sul fatto che il rilancio della capitale italiana è possibile solo con traffico ridotto, meno veicoli privati ​​e, di conseguenza, gas di scarico ridotti. Le nuove linee della metropolitana dovrebbero occuparsene. “Ma una volta che scavi una pala nel terreno in questa città, ti imbatterai in resti di Roma preistorica, imperiale o medievale”, afferma l’architetto Canto.

ultima possibilità

Quel ricco passato è sia una benedizione che un peso. È la forza e la debolezza della città. Roma sogna la modernità, ma affronta il passato, volenti o nolenti.

La battaglia della fascia del sindaco romano in Italia viene talvolta definita la “madre di tutte le battaglie politiche”. Allo stesso tempo, questa è l’ultima possibilità per i romani di porre fine al declino della loro città.

Il vincitore sa cosa ci aspetta: un labirinto di regolamenti, regole obsolete, cose da fare e da non fare e una burocrazia soffocante. Soprattutto, sappiate che la corsa al Campidoglio è stata una estenuante maratona, ma la vera opera titanica deve ancora iniziare.

READ  Griglia di Formula 1 2022: Il campo sta lentamente prendendo forma, possibilità per De Vries

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24