Ricercatori olandesi hanno identificato il lago più grande di sempre

Il lago, che non esiste più, doveva contenere dieci volte più acqua di tutti i laghi moderni messi insieme.

Il lago si trovava nel cuore dell’Eurasia. È noto da tempo che un enorme specchio d’acqua potrebbe essere trovato qui circa 12 milioni di anni fa. I ricercatori gli hanno persino dato un nome precedente: Paratethys. Tuttavia, non era chiaro se il mare fosse interno (come il Mar Nero) o un lago interno (come il Mar Caspio). Perché sebbene molti organismi marini vivessero nell’acqua, si sono tutti evoluti in modo leggermente diverso dalle specie che vivevano nei mari allo stesso tempo. Nuovo studio – pubblicato sulla rivista Rapporti scientifici – Ora rivela che Paratethys era davvero un lago – e con ciò va direttamente ai libri come il più grande lago mai esistito. Inoltre, nello studio, i ricercatori, compresi gli scienziati dell’Università di Utrecht, hanno determinato con maggiore precisione le dimensioni di questo lago e il modo in cui si è deteriorato nel tempo.

lago enorme
Ad esempio, i ricercatori hanno scritto che il lago copriva circa 2,8 milioni di chilometri quadrati al suo apice. “Questo è più grande del Mediterraneo moderno”, ha detto il ricercatore Dan Palko. Il lago ospitava all’epoca circa 1,77 milioni di chilometri cubi di acqua salmastra. “Più di dieci volte l’acqua dolce e salata attualmente immagazzinata nei laghi”.

Esteso dal confine orientale dell’Austria moderna oltre i confini dell’Uzbekistan, il lago si è formato circa 12 milioni di anni fa. Un mare enorme si separò dall’oceano e divenne un lago. Gli animali marini, così come sono, sono rimasti intrappolati nel lago e hanno seguito la loro strada, evolutivamente parlando, avendo gradualmente meno in comune con le loro controparti in alto mare. Ad esempio, gli animali marini in un lago chiuso stanno diventando sempre più piccoli.

Confrontando le dimensioni del Lago Paratheis, tra le altre cose, con la calotta glaciale della Groenlandia. Foto: UU.

cambiano
Creature marine più piccole, tra cui le balene più piccole nella storia della Terra, inizialmente prosperavano nel lago Paratheis. Ma il lago non aveva la vita eterna. Nel loro studio, gli scienziati hanno descritto come il lago abbia attraversato diversi periodi di parziale siccità, con la perdita fino a un terzo della sua acqua. “Il livello dell’acqua nel lago è correlato a tre fattori: la quantità di evaporazione, la quantità di precipitazioni e l’approvvigionamento dei fiumi”, afferma il ricercatore Wout Krijgsman. Scientias. nl. “Poiché è diventato più secco in Europa, è probabile che meno acqua sia stata fornita dai fiumi”. Poiché l’acqua ha continuato ad evaporare come al solito, il livello dell’acqua è sceso drasticamente. fino a 250 metri.

READ  Aggiunte informazioni sulle varianti dei virus alla dashboard | notizia

Ambiente tossico
Deve aver avuto un grande impatto sugli animali che vivevano nel lago. “Il lago era pieno di acqua salata”, dice Krijgsman. “Mentre evapora, il volume diminuisce e la salinità aumenta, creando un ambiente cattivo o addirittura tossico per gran parte della vita in quel lago”. I ricercatori ritengono che la maggior parte delle forme di vita si sia estinta e che i sopravvissuti fossero malati e sfigurati. “Deve essere stato un orribile mondo preistorico, una versione umida e desolata di Mad Max.”

sedimento
Sebbene tutto ciò sia accaduto milioni di anni fa, i ricercatori sono ancora in grado di descriverlo in modo abbastanza accurato. È a causa del sedimento, dice Krijgsman. Abbiamo esaminato i fasci di sedimenti che si sono depositati sull’antico fondo lacustre. Questo antico suolo è stato sollevato dalla formazione di montagne (ad esempio il Caucaso e la Crimea) così che tutti i sedimenti del lago sono ora in superficie e formano le coste delle bellissime scogliere del Mar Nero. Usando i riflessi magnetici e i fossili trovati, siamo stati in grado di datare gli antichi sedimenti lacustri e determinare la profondità dei depositi.” Ad esempio, i ricercatori hanno inizialmente trovato fossili che indicavano una profondità di 200-250 metri e non lontano dai resti fossili. di organismi che vivevano vicino alla costa.” Da ciò, possiamo concludere che il lago è sceso di circa 200-250 metri nel livello dell’acqua.

Dov’è finita tutta quest’acqua?
Se il livello dell’acqua in un lago così grande scende tra i 200 ei 250 metri, si perderà un’enorme quantità d’acqua. Dov’è finita quell’acqua? Krijgsman crede: “Sarebbe diventato più umido in altre parti del mondo, così i laghi sono cresciuti lì”. “Altrimenti potresti anche scaricare quell’acqua nel mare. Se dividi quel volume per la superficie globale di mari e oceani, questo potrebbe darti una differenza di meno di un pollice”.

Non è chiaro quale sia stata la forza trainante dei grandi e drastici cambiamenti nel lago Paratheis. Richiede maggiori informazioni sulle temperature e sul loro effetto sul lago e sui fiumi che lo alimentano. Il fatto che l’enorme lago coprisse molte zone climatiche non aiuta. Ma Krijgsman spera che in futuro diventi chiaro perché il lago si è ridotto così tanto. “Ci stiamo lavorando ora. La nostra prossima storia riguarderà la ricostruzione della temperatura sia dell’acqua che della terra”.

READ  Già in India stanno emergendo migliaia di casi di funghi mortali ...

Laghi interni problematici
Pertanto, il lago Paratheis non è stato ancora lasciato ai ricercatori. C’è una ragione; È importante, secondo Kriegsman, spiegare come questo lago – e tutti coloro che lo abitavano – abbiano avuto successo. “Ad esempio, ci dice cosa succede alla vita acquatica quando le condizioni peggiorano”, dice. Questo è qualcosa che accade ancora oggi. “Gli esempi più estremi di laghi interni problematici oggi sono il Mar Morto in Israele, che ora è estremamente salino e inabitabile (perché le acque del fiume Giordano sono principalmente utilizzate per l’irrigazione) e arlzy In Kazakistan è quasi completamente scomparso.

Inoltre, i sedimenti dell’enorme lago possono essere utilizzati per ricostruire un periodo cruciale della storia d’Europa. “Nello stesso periodo si sono verificati cambiamenti drastici nella copertura vegetale: le foreste scompaiono dall’Europa e con queste foreste scompaiono anche le grandi scimmie. C’è una teoria abbastanza nuova che a causa della siccità in Europa (circa 8 milioni di anni fa), queste scimmie tutti migrarono in Africa dove si sono evoluti nei primi umani che sono tornati in Eurasia molto più tardi (il più antico fossile di ominidi fuori dall’Africa è datato ~ 1,8 milioni di anni fa in Georgia (Dmanisi), e quindi viveva ai margini del lago Parathetis’). i sedimenti lasciati da questo enorme lago interno non possono solo dirci di più su questo lago e sugli animali che lo abitavano, magari dandoci anche una visione più approfondita della nostra storia evolutiva.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24