Richard Leakey, evangelista evoluzionista: “Se non smettiamo di essere arroganti, affronteremo l’estinzione di massa”

I bracconieri cacciano e bruciano l’avorio. Il conservatore Richard Leakey, 76 anni, ha perseguito una politica rigorosa in Kenya per proteggere gli animali selvatici. Ora ha un nuovo obiettivo: contribuire a rendere l’Africa più sostenibile e salvare il mondo dal cambiamento climatico.

Stai parlando del 2030 miei amici, alzarsi! Dobbiamo apportare modifiche ora. C’è stato un silenzio inquieto al Biodiversity Symposium in Naturales, Leiden, dove il curatore della natura Richard Leakey è stato un ospite recente, ma anche noto per la sua ferocia. Prima di lui, i dirigenti delle banche hanno parlato di come “mettere un prezzo all’agricoltura rinnovabile” e “cercare di coinvolgere le parti per pensare insieme alla sostenibilità”.

Leakey continua, “L’estinzione di massa è molto più estesa di quanto nessuno di voi abbia riferito oggi. E se non fermiamo immediatamente la nostra arroganza e la nostra negazione, l’Homo sapiens dovrà affrontare lo stesso triste destino”.

La sua voce inglese suona molto lontana data la sua condizione fisica. Leakey ha perso entrambi i reni per insufficienza renale e soffre di enfisema, costringendolo a riprendere fiato con una bombola di ossigeno dopo una breve corsa in taxi. Anche stare dietro al podio non è un’opzione: ha perso entrambe le gambe in un incidente aereo. Fino ad oggi, si dice che gli oppositori della sua dura politica abbiano sabotato il suo aereo, anche se questo non è mai stato spiegato.

Richard Leakey è nato in Kenya nel 1944 da famosi genitori paleontologi Louis e Mary Leakey. Le scoperte della coppia hanno contribuito notevolmente all’idea che l’evoluzione umana sia iniziata in Africa. Richard ha anche trascorso la maggior parte della sua vita come scienziato nei siti archeologici del continente africano.

Ha ricoperto anche le posizioni di direttore del museo, curatore della fauna selvatica e politico. Come capo del Kenya Wildlife Service, Leakey ha permesso ai ranger di sparare ai bracconieri. in un Documentario di Vice È accusato di aver ucciso abitanti del villaggio innocenti alla ricerca di bracconieri, ma Leakey lo nega: Secondo lui, le guardie hanno sparato solo quando erano sotto tiro.

READ  Gli scienziati brasiliani sono preoccupati per una possibile nuova variante Corona

Leakey ha svolto un ruolo chiave nell’applicazione del divieto sull’avorio, che ha imposto in gran parte bruciando un mucchio di avorio (ispirato alle pellicce che l’attrice e attivista Brigitte Bardot ha acceso per sensibilizzare sui diritti degli animali). Ora ha in mente un nuovo obiettivo: convincere l’Africa della teoria dell’evoluzione per fermare il cambiamento climatico.

Sei qui perché vuoi aprire un Museo sull’evoluzione umana con Naturalis nel 2026 a Nairobi, in Kenya. È importante per affrontare i grandi problemi di oggi?

Sì, un museo del genere è importante se vuoi anche convincere le persone in Africa quanto sia pericoloso il cambiamento climatico. La lezione che posso imparare dalla mia ricerca sugli esseri umani preistorici è che se non fermiamo il cambiamento climatico, non possiamo escludere la possibilità dell’estinzione dell’Homo sapiens a lungo termine. Penso che un museo grande e imponente sia il modo perfetto per trasmettere questo messaggio al grande pubblico. Fa anche capire al mondo che siamo un’unica umanità. Veniamo tutti dall’Africa. Capire chi siamo, da dove veniamo, dove siamo e dove conduce il nostro percorso è fondamentale per plasmare il nostro futuro.

Molti europei sono ormai consapevoli del fenomeno del cambiamento climatico e della sua pericolosità, ma in Africa la consapevolezza è appena iniziata. Dopo la colonizzazione in Africa da parte dei paesi europei, l’istruzione superiore nei paesi africani è stata in gran parte data alle scuole cristiane. Per ricevere l’istruzione, dovevi convertirti alla fede. Molte persone sono diventate credenti. E i messaggeri non erano molto istruiti: se fosse successo qualcosa, Dio l’avrebbe comandato. È tempo di convincere il mondo che non funziona così, che il clima non cambia perché Dio è arrabbiato, ma perché non ci prendiamo cura del pianeta.

In che modo il cittadino medio apprende la storia scientifica corretta? Simile a come faceva la chiesa nell’alto medioevo: il clero costruiva cattedrali dove i non credenti si godevano la grande musica con la bocca aperta, guardando il cielo e pensando, ci deve essere qualcuno che vale tutti i soldi per fare qualcosa del genere. Ottimo per costruire. La scienza manca di tale persuasione e slancio. Non so se funzionerà, ma se Naturales e io possiamo costruire un museo del genere, possiamo fare la differenza.

Richard Leakey nel 2018.Foto ANP / AFP

In che modo la biodiversità dei nostri primi antenati differiva dalla biodiversità di oggi?

“I primi esseri umani in Africa due milioni di anni fa erano circondati da animali che vagano ancora oggi: elefanti, rinoceronti, bufali, antilopi, carnivori, solo che c’era un numero maggiore e più diversificato di specie. A quel tempo, la natura forniva cibo e altre necessità per fornire Tre diverse specie di ippopotami in un lago.

“In molti momenti della storia della Terra, ci sono state perturbazioni ambientali causate dai cambiamenti climatici: il livello del mare si è alzato e abbassato, si sono formate montagne, sono scoppiati vulcani, alcune specie sono sopravvissute e altre sono andate perdute. Non è mai stato stabile, ma i cambiamenti sono avvenuti nel lungo periodo.

“Come capo del Kenya Wildlife Service, ho visto con i miei occhi come il paese sta cambiando a passi da gigante. Quando altre persone hanno preso il mio posto 20 anni fa, il bracconaggio e i danni ambientali sono aumentati, sia per cattiva gestione che per altre idee. con conseguente sopravvivenza del 5 per cento Solo delle specie che vivevano nelle riserve di caccia durante il mio regno. Le foreste sono scomparse ei fiumi si sono prosciugati: la differenza è enorme.

“Se smettiamo di essere così stupidi ora, forse possiamo invertire la tendenza.”

La prossima primavera si terrà il Vertice delle Nazioni Unite sulla biodiversità. Quali sono le tue aspettative?

“Il fatto che stiano parlando è positivo. Il fatto che siano consapevoli del problema è positivo. Ma l’azione per il clima è indissolubilmente legata alla politica e all’economia. Se i paesi siano ideologicamente preparati a fare i compromessi necessari: non lo so”.

Un’idea sul tavolo del Vertice sulla biodiversità è la cosiddetta regola 30 per 30. In altre parole: garantire che il 30 percento del globo, sia terra che oceano, sia una riserva naturale entro il 2030. Il presidente degli Stati Uniti Biden, tra gli altri, sta abbracciando il piano.

Buona idea, ma poco pratica. Inoltre: si cancella con il rubinetto aperto. Puoi proteggere elefanti e mucche, ma ciò che sta causando il collasso degli ecosistemi in tutto il mondo è il riscaldamento della Terra. Il problema non sarà risolto se non si riducono le emissioni di gas serra.

Gli ingegneri aerospaziali lavoreranno su una teoria delle specie Ombrello per proteggere l’atmosfera dal riscaldamento globale. Solo fantascienza! Joe Biden ha ragione, ma pensa di essere troppo giovane: dobbiamo guardare in quella direzione.

Supponiamo di avere un budget illimitato e una potenza illimitata. Cosa farete per salvare la biodiversità?

A Nairobi, per esempio, ci sono molte macchine. I miei figli a volte mi chiedono: perché non guido un’auto elettrica? Lo farei, ma dove vivo non c’è elettricità per caricare una cosa del genere. Gran parte del mondo è in questa situazione. I paesi occidentali devono fare del loro meglio per coinvolgere questa parte del mondo nella lotta al cambiamento climatico.

Inizialmente, darò a un gran numero di paesi in Asia, Sud America e Africa un’enorme quantità di denaro per progetti sostenibili. Dopo la seconda guerra mondiale, l’Europa era corrotta come qualsiasi altra cosa e le sue infrastrutture andarono in frantumi. Gli americani hanno aiutato i paesi colpiti dalla guerra a rimettersi in piedi con il Piano Marshall. Questo è quello che dobbiamo fare anche noi: aiutarli. Se alcuni paesi dei continenti poveri si uniranno, i loro vicini seguiranno.

Le generazioni più giovani saranno le più colpite dai cambiamenti climatici e dalla perdita di biodiversità. Cosa gli consigliate?

“Stai attento e usa le tue conoscenze come un’arma, critica, vai avanti e apriti a nuove conoscenze. Ma si tratta anche di piccole cose: non sprecare nulla. Perché lasciare la luce accesa quando non c’è nessuno? Partire il rubinetto quando non lo usi?Ma qui in Olanda è meglio sprecare l’acqua: altrimenti affogherai.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24