Ritorno extra su buone notizie

Gran parte della letteratura psicologica e manageriale si occupa di problem solving. Ma cosa fai quando le cose vanno bene? Questa domanda è più importante di quanto pensi. In genere ci piace raccontare agli altri le nostre esperienze positive. In questo modo otteniamo, per così dire, un ulteriore ritorno sulle cose buone che sperimentiamo. Gli psicologi chiamano questo comportamento “sfruttando” le esperienze positive.

Tale capitalizzazione può portare a tutti i tipi di effetti benefici, come l’aumento del benessere. Se ciò accade effettivamente dipende in gran parte dalla reazione dell’altra persona.

La psicologa Shelley Gabel dell’Università della CaliforniaQuesto fenomeno è stato studiato per quasi vent’anni. Secondo lei, è importante per le nostre relazioni private e professionali che miglioriamo nel celebrare ciò che sta andando bene.

Il timpano è il nome stesso della matrice timpano, un modello semplice in cui le reazioni delle persone alle buone notizie provenienti da altri sono classificate secondo due assi: l’asse attivo-passivo e l’asse costruttivo-distruttivo.

Esempio: il tuo partner torna a casa dal lavoro e ti dice molto male che ha ricevuto una grande promozione oggi. Puoi quindi rispondere approssimativamente in quattro modi.

Eccitato: questa è una grande notizia! Te lo meriti davvero. Cosa farai esattamente? (costruzione attiva);

– Sorride e dice: “Va bene per te, mia cara.” (passivo).

– Sottovaluti la buona notizia: “Non so se è troppo carino. Sei già troppo occupato. Lo penso di nuovo. (attivo distruttivo);

– Ignora la buona notizia e chiede: “Cosa c’è per cena stasera?” (negativo-distruttivo).

È chiaro quale reazione porta alla massima capitalizzazione. Quando rispondiamo in modo efficace e costruttivo alla buona notizia degli altri, questo porta a sentimenti positivi, maggiore fiducia in se stessi e maggiore benessere in loro. Inoltre, apprezzeranno ancora di più la relazione con te.

È importante che le relazioni private e aziendali migliorino nel celebrare ciò che sta andando bene

Secondo Gabel, una risposta costruttiva alle buone notizie è importante anche per i manager. In questo modo, i successi dei dipendenti vengono utilizzati per costruire sulla relazione reciproca. Secondo Gabel, questo è necessario quando devi correggere qualcuno in un secondo momento, ad esempio.

READ  Disturbi tra gli utilizzatori di dispositivi per l'apnea: 'Non posso vivere senza di loro'

Buono a sapersi: una reazione costruttiva efficace è costituita da diversi componenti. Dovresti dimostrare non solo che apprezzi le buone notizie (“Fantastico, promozione”), ma anche che tieni all’altra persona come persona (“Te lo meriti davvero. Ti piace?”).

Inoltre, non si tratta solo del contenuto, ma anche di segnali non verbali, come il sorriso e il contatto visivo.

Tutto aiuto. Ma qual è la reazione più devastante che puoi dare alla buona notizia? All’inizio ho pensato: un cacciatorpediniere attivo. Ma secondo Gabel e colleghi, la risposta distruttiva negativa è peggiore.

Cosa c’è che non va? Una persona che interagisce attivamente in modo distruttivo è comunque ancora in conversazione con l’altro. C’è ancora una relazione. Ma quando reagisci negativamente – in modo distruttivo alla buona notizia di un’altra persona, in realtà stai dicendo: non trovo la tua storia e sei interessante.

Ben Tegellar Scrive settimanalmente sulla leadership personale, sul lavoro e sulla gestione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24