RIVM cautamente positivo, ma ‘aspetta e vedi se cala ulteriormente’

Dopo diverse settimane di forte crescita, il numero di nuovi contagi da coronavirus è ora in calo. L’inasprimento delle misure sul coronavirus il 10 luglio sembra dare i suoi frutti, sebbene i tassi di infezione giornalieri rimangano elevati.

Nel frattempo, il numero di ricoveri ospedalieri è in aumento a causa di questo massiccio aumento nella prima metà di questo mese. Gli ospedali si aspettano che questa crescita continui per un po’.

Su questo argomento, sulle infezioni post-vaccinazione e sulla prevenzione dei vaccini, NOS ha parlato con Jaap van Diesel, direttore del Centro per il controllo delle malattie infettive presso RIVM, e Susan van den Hove, capo del Centro per l’epidemiologia e il controllo delle malattie infettive.

Il numero dei test positivi al coronavirus è diminuito da diversi giorni. Il rialzo si è già invertito?

Susan van den Hoof: “I dati recenti mostrano un calo rispetto alla scorsa settimana, ma non si può dire con certezza che continuerà. Il fatto è che il numero di test positivi è diminuito per quattro giorni consecutivi rispetto a una settimana fa, e “non stiamo assistendo a un aumento del numero di appuntamenti di prova in GGD di nuovo. Per questo motivo, il numero di risultati positivi al test non dovrebbe aumentare nuovamente a breve termine. Dobbiamo aspettare e vedere se diminuisce ulteriormente. “

Ci sono ancora molti test positivi ogni giorno.

Van den Hoof: “Il numero è ancora molto alto, ma è incoraggiante che stiamo assistendo a un calo in quasi tutte le regioni e fasce di età. Lo vediamo solo tra i più anziani, ma si tratta di numeri molto piccoli di infezioni”.

Jaap van Diesel: “La diminuzione nelle diverse fasce di età è probabilmente la più importante. Potremmo ovviamente vederla diminuire tra i giovani, ma è in aumento tra le fasce più anziane a causa del passaggio dai giovani alle altre fasce di età, ma in effetti, vediamo che attualmente sta diminuendo su tutta la linea gruppi di età ca.

READ  Il nuovo Test Drive Unlimited arriva su PC e console, incluso Switch - Gaming - News

Il numero di test positivi tra i residenti delle case di cura è in leggero aumento. Non c’è carenza nel gruppo più anziano per questo motivo?

Van Dissel: “I dipendenti delle case di cura sono spesso più giovani e il virus si è diffuso di nuovo all’interno di quel gruppo. Abbiamo già scoperto che se il virus si diffonde ulteriormente nella comunità, si avrà sempre una diffusione secondaria negli istituti di cura. Ma lo sappiamo. I non sono sicuro che questo spiegherebbe perché non c’è stata una riduzione del numero di infezioni in quel gruppo più anziano”.

Tenendo conto di tutto, puoi concludere che l’inasprimento delle misure Corona il 10 luglio funzionerà?

Van Diesel: “Abbiamo stabilito che il virus è più comune nel settore della ristorazione notturna, soprattutto nei fine settimana. La ristorazione quella sera sembra essersi costituita tempesta perfetta. Tutti i tipi di fattori di conversione si uniscono. Le persone ballano spalla a spalla, cantano o addirittura urlano e parlano ad alta voce a causa della musica ad alto volume e quando tutti si riuniscono, la ventilazione diventa molto difficile. Non vuoi che questa diffusione nel settore della ristorazione notturna continui a ripetersi. Le azioni del 10 luglio si basano in particolare su questa diffusione nel settore della ristorazione notturna. E in parte anche sul resto della ristorazione, adeguando gli orari di apertura. Abbiamo anche sottolineato l’importanza di continuare a seguire le procedure di base: mantenere una distanza di 1,5 metri, lavarsi le mani, stare a casa in caso di reclamo, test e ventilazione. Questo sembra essere un approccio vincente”.

Van den Hoof: “Certo che le vaccinazioni hanno aiutato. Hanno anche spiegato che il numero di contagi nelle case di cura, nonostante l’aumento, è ancora molto basso. E questo grazie al programma di vaccinazione”.

Van Dissel: “La situazione e il contesto dell’epidemia sono cambiati a causa della vaccinazione”.

READ  Sony: PlayStation 5 ha venduto dieci milioni di copie dal suo lancio - Giochi - Notizie

Tra tutti i test positivi appena riportati in La settimana fino al 21 luglio Il 9% era completamente vaccinato. È molto o poco?

Van den Hoof: “Questo numero non riguarda solo l’efficacia dei vaccini. Supponiamo che l’intera popolazione sia stata vaccinata, il 100% di tutte le infezioni si verifica ancora tra le persone che sono state vaccinate. Il 9% è principalmente dovuto a in larga misura. La maggior parte delle infezioni si verifica tra i giovani che non sono stati vaccinati. Più persone vengono vaccinate, più persone risultano positive, più ci si può aspettare che vengano vaccinate. “

Ma questo non dice nulla sul fatto che il 9% sia poco o molto.

Van Dissel: “Non puoi dirlo, perché non sappiamo quante persone sono state completamente vaccinate che sono state esposte al virus e poi no”.

Van den Hoof: “Bisogna guardare quante persone su 100 non sono vaccinate e quante su 100 sono completamente vaccinate. In ogni caso, la serie completa di vaccinazioni protegge molto bene da malattie gravi, ospedalizzazione e morte, sia di cui sono nella variante alfa e delta. Sappiamo principalmente dall’Inghilterra, ma ora possiamo indagare su questo nei Paesi Bassi perché ora la maggior parte delle infezioni sono causate dalla variante delta. Diventerà anche chiaro fino a che punto i vaccini hanno meno protezione contro il delta -forma infezione.”

Van Dissel: “Da qui la richiesta per tutti di farsi le due vaccinazioni”.

Lo stato di vaccinazione dei pazienti COVID-19 ospedalizzati (sono stati vaccinati e se sì) è importante. Tuttavia, non è stato registrato sistematicamente.

Van den Hoof: “Attualmente stiamo arricchendo i dati sui ricoveri ospedalieri dal NICE con i dati del sistema CIMS del RIVM, dove tutti i vaccini sono registrati da persone che non hanno obiezioni. L’aumento dei ricoveri ospedalieri sta diventando sempre più urgente. Tecnicamente questo non è difficile, ma ci vorranno alcune settimane per gli aspetti legali e di privacy”.

READ  I creatori di XCOM mostrano filmati di gameplay del gioco di ruolo tattico di Marvel's Midnight Suns - Giochi - Notizie

È possibile contare quante persone sono completamente vaccinate, infette e trasmettono il virus? Numero R assegnato ai vaccini?

Van den Hoof: “L’efficacia di un vaccino esprime la minore probabilità che una persona vaccinata venga infettata rispetto a una persona che non è stata vaccinata. R dipende principalmente dal numero totale di infezioni. Il numero di infezioni in una non può essere determinato dal numero R. È causato dalle persone vaccinate, perché R si muove con il numero totale di infezioni.Ma in generale, se l’efficacia dei vaccini è dell’80%, la R dei vaccinati è dell’80% inferiore a quella dei non vaccinati. “

Van Dissel: “La ricerca mostra che un paziente indice vaccinato all’interno della famiglia (il paziente portatore di virus, ndr) infetta l’11% dei membri della famiglia e un paziente indice non vaccinato infetta il 31%. C’è anche un secondo effetto. Se si ottiene vaccinato, è molto più basso che se non fossi vaccinato. E se ciò accade, anche la possibilità di trasmettere il virus sarà molto più bassa. “

Relativamente parlando, molte persone che hanno contratto il lieve coronavirus l’anno scorso hanno avuto lamentele a lungo termine. Qual è l’effetto delle vaccinazioni? covid lungo?

Van Dissel: “Non lo sappiamo ancora. È certo che la stragrande maggioranza dei malati di Covid non è mai stata ricoverata. Adesso si indaga covid lungo nei pazienti covid dei medici di medicina generale. All’UMC Amsterdam, la ricerca si svolge principalmente sui pazienti ospedalieri. Stiamo anche esaminando se c’è effettivamente un effetto della prima iniezione in pazienti con questo covid lungoMa questa indagine è ancora in corso”.

Jaco Walinga era assente. La prossima intervista della serie apparirà il 14 agosto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24