Rotterdam punta all’inizio del Tour de France: ‘E’ una grande esperienza per i residenti’ | Festival del ciclismo di Rotterdam 2022

Rotterdam in biciclettaUna festa, il Rotterdam Cycling Festival il 16 e 17 luglio dovrebbe essere una “festa in bicicletta”, con molte giostre e competizioni. Non a caso il Tour de France vede Rotterdam come una delle città europee del ciclismo. Quindi la città è saldamente avviata verso il nuovo Grand Depart.

Le sopracciglia devono essersi sollevate brevemente al municipio di Rotterdam nel 2003. Potrebbe essere iniziato il Tour, la più grande gara ciclistica e uno dei più grandi eventi sportivi del mondo, seguito da non meno di 160 auto, 260 fotografi, 240 fotografi e 2.500 giornalisti? Hotel Grand Départ, davvero un’opzione per Rotterdam?

Sì, ha insistito il sindaco Obstelten. Sì, lo pensano anche gli altri. Tuttavia, a quanto pare nient’altro che una vista, il tour non visita l’Olanda da anni. L’ultimo inizio, a Den Bosch nel 1996, sembrava essere passato molto tempo. Da allora, il tour è diventato più grande e più popolare. Il potenziale premio per Rotterdam da parte dell’Amaury Sports Organization (ASO), che organizza il tour, dipende anche da molti fattori.

Ancora in sospeso, nel 2022. In questo senso non è cambiato nulla. Un fattore importante sono i soldi, ovviamente, i francesi all’epoca chiesero un compenso di circa 2,5 milioni di euro. Con quei soldi, l’ASO mantiene il tour finanziariamente sano. Ma ci sono più requisiti nel pacchetto. La città dovrebbe anche essere una città ciclabile, preferibilmente in un paese ciclabile. Si tiene conto dei modi, delle strutture, dell’attenzione, dell’entusiasmo dei residenti, della cura per questi residenti, della stabilità dell’organizzazione, di tutto.


citazioni

In quel momento ho capito subito che questo sarebbe stato un progetto a lungo termine

Evo Obstelten

Nel 2003 Rotterdam era meno avanzata di oggi. Suonava come un tiro lungo, un’ipotesi selvaggia. “Ho capito subito che questo sarebbe stato un progetto a lungo termine”, afferma l’ex sindaco Obstelten. , ma dovevamo farcela, pensai. Non dovremmo spendere meno. Grande opportunità. “Non ci sono eventi B”, ha detto Opstelten, se qualcuno ci ha suggerito di organizzare prima il Giro di Spagna o il Giro d’Italia. Ha pensato che sarebbe stato bello anche per Rotterdam, ma non per Rotterdam.

feroce lotta

Rotterdam ha dovuto fare il tour per iniziare a portare qualcosa in città, come ha concluso il team di progetto riunito in quel momento. È stato pianificato di dare lezioni di ciclismo ai residenti di Rotterdam che non sono ancora bravi in ​​bicicletta. Nel frattempo, Rotterdam è finita in una feroce battaglia con un’altra città olandese che voleva vincere il Tour, Utrecht. “La pazienza è sempre stata la parola magica”, ricorda il sindaco. I francesi non avevano fretta. Abbiamo continuato a visitare e mostrare di cosa eravamo capaci”.

Tour de France 2010, prima tappa Rotterdam © Kor Voss

Questo paga. Alla fine, lo stesso regista Christian Prudhomme, un uomo così apprezzato nel mondo del ciclismo internazionale, viene a dirci qual è il risultato. Finalmente il proiettile attraverso la chiesa. Sabato 3 luglio 2010, a quasi otto anni dal primo incontro, il tour inizierà a Rotterdam.

È un processo enorme. Il convoglio pubblicitario comprende 198 passeggeri e 200 auto. 2.500 agenti sono in attesa. I piloti saranno ospiti a Rotterdam per quattro giorni. Il sindaco Abu Talib, che ha appena ricoperto la carica di sindaco per un anno, può dare il via libera. “Un onore incredibile”, lo chiama in seguito, e un “momento magico”.

I numeri sono incredibili. Nel tour di 18 ore che sarà trasmesso in tutto il mondo da Rotterdam, è possibile visualizzare almeno 50 minuti di riprese aeree. Secondo le statistiche ufficiali, in città vengono effettuate 865.000 visite e attività commerciali e ristoranti guadagnano circa 30 milioni di euro.

Pregate con L’Aia

Ha sempre avuto un sapore migliore che mai. Ecco perché Rotterdam sta alzando di nuovo il dito. Con la cautela ancora in atto nel 2018, la nomination è stata ora formalmente preparata in dettaglio, insieme a L’Aia, che si è unita all’attuale offerta di Rotterdam. Come sa Lisette Egelsheim, project manager di Rotterdam per l’inizio del potenziale prossimo round, i numeri sono sbalorditivi. Cosa vede in cambio Rotterdam? Lo stiamo testando. Il Tour de France è uno dei più grandi eventi al mondo, se si guarda al numero di visitatori e all’esperienza. Questa è una grande esperienza per i residenti. Inoltre, sappiamo dal 2010 che l’inizio del tour ha un impatto significativo sull’economia. Soprattutto per il settore dell’ospitalità e del turismo”.

Su richiesta di un membro dell’allora Alderman Sports Council, Rotterdam Topsport ha guidato lo sviluppo del libro delle offerte ora presentato. Questo è uno scintillio lucido pieno di risultati, forme e bella immagine. Idea: Introduzione a Rotterdam, una prima fase da Rotterdam a L’Aia, forse una seconda da Rotterdam a Valkenburg.


citazioni

Un tour imperdibile per tutti i residenti di Rotterdam

“Dovrebbe essere un tour per tutta Rotterdam”, ha dichiarato Rotterdam in un video. L’Aia vuole anche che il tour attraversi i quartieri più vulnerabili. “Collegando il tour a questi quartieri, possiamo fare ogni sforzo per aumentare la qualità della vita e la connessione in quest’area”, afferma L’Aia, che prevede di stanziare dai sei ai sette milioni di euro.

La storia si ripete: ancora una volta aspettare il premio è una questione a lungo termine. Il tour inizia quest’estate a Copenaghen, e l’anno prossimo Bilbao sarà la città ospitante a Firenze nel 2024. Ci sono anche pirati sulla costa: le città inglesi, italiane e ovviamente francesi non vedono l’ora di partire.

Il registro delle offerte Rotterdam-L’Aia è ora nel Tour Desk per la revisione. Lo stesso direttore Christian Prudhomme lo ha ricevuto nel maggio 2021, al municipio di Rotterdam, dal sindaco Abu Talib e Van Zaanen. Ha rifiutato di commentare le opportunità. Ma ha detto che la fiducia era alta e “necessaria”. Prudhomme ha particolarmente elogiato le due città per la loro volontà di sviluppare l’uso della bicicletta per tutti.

Non erano solo parole. Oltre a Parigi, Rotterdam è ora l’unica città ad aver ricevuto il premio “Four Bikes” dall’organizzazione del Tour, il punteggio più alto che una città può ottenere in termini di ciclismo. Ottanta città sono state valutate, tra l’altro, in termini di traffico passeggeri, sicurezza e accessibilità dei ciclisti.

Città in bicicletta

La ciliegina sulla torta: “Città delle Biciclette”. Con questo titolo, Rotterdam accoglie una serie di eventi sportivi nazionali e internazionali legati al ciclismo. Non è nella natura della città aspettare, tutto accade prima dell’inizio del tour.

Un must per ogni evento sportivo importante che vogliamo organizzare ROI Almeno un fattore due e talvolta cinque o forse sei”, afferma Eggelsheim. In termini pratici, ciò significa che l’evento vinto deve essere pagato – e se ciò è possibile e come è stato calcolato in dettaglio da Rotterdam Topsport. Ma ciò che il tour di Rotterdam dovrebbe ottenere è molto più di una semplice spinta all’economia. Il tour dovrebbe ispirare e muovere la città.

Thijs Zonneveld, scrittore, ciclista e opinionista.
Thijs Zonneveld, scrittore, ciclista e opinionista. © Marco Ochhuizen

“Senza quell’ambizione, non vorresti organizzare un evento del genere”, ha detto il giornalista di ciclismo AD Thys Sonneveld. “Il ciclismo in sé sta attraversando un momento difficile. Ci sono molte persone che vanno in bicicletta, ma pochissime di loro si uniscono a un’associazione”. Come dice, dovrebbe essere incoraggiato. Crede che gli sport superiori incoraggino gli sport ricreativi. Questa realizzazione è viva anche nel municipio. Vogliamo usare la magia del tour, afferma Egelsheim, per migliorare il ciclismo e l’esercizio fisico. Crea un impatto sociale duraturo nella città”.

No, dice fermamente. L’inizio del tour non è un evento per pochi felici. Ho visto nei primi giorni della lingua olandese che sta con le parole, ma questo è molto promettente. ”

Festival

Molti visitatori, di tutte le età (vedi riquadro sulle attività per i giovani), verranno al Rotterdam Cycling Festival quest’estate. Si tratta di un nuovo evento, anche in vista dell’inizio di un possibile nuovo round. Uno dei componenti è la prima edizione di L’Étape Rotterdam del Tour de France. Si tratta di una serie di nuove gite giornaliere ufficiali su varie distanze e aperte a tutti. Rotterdam è la prima città olandese a detenere una licenza da L’Étape del Tour de France, afferma Lisette Egelsheim. Fa parte del festival anche il Wendy & Leontien Ladies Ride, che è un ciclismo su più distanze per donne. “Vogliamo far muovere le donne e dimostrare che il ciclismo è divertente, anche se ovviamente anche gli uomini sono i benvenuti”.

Opstelten, che non è sindaco dal 2009, pensa che tutto sia fantastico. Ricorda tristemente l’arrivo del Grand Départ, un’enorme acrobazia all’epoca. Nessuno se lo aspettava da noi, ma ce lo meritavamo. È stato ripagato. Era uno degli anelli di interesse che in quegli anni attrasse la nostra città”.

I numeri mostrano come il ciclismo sia cresciuto da allora. Dal 2010, il numero di ciclisti a Rotterdam è aumentato del 45%. Più di 200.000 residenti usano la bicicletta ogni giorno per spostarsi da A a B. La politica ciclistica specifica alimenta questo. Il comune sta migliorando e ampliando le piste ciclabili e ora sta dando la priorità ai ciclisti ai semafori. Secondo il consiglio comunale, i residenti di Rotterdam dovrebbero potersi muovere per la città più spesso, più sicuri e più divertenti. Le ambizioni sono grandi: sono state incluse in “Bike Race 2025”, un documento politico pieno di ambizioni.

Queste ambizioni sono state alimentate dal primo Grand Depart e ora di nuovo dal potenziale secondo. “Sì”, ha detto l’ex sindaco. Ne abbiamo davvero beneficiato. Sicuramente lo rifaremo”.

Questo articolo proviene dall’ADR Nieuwsmedia Supplement in collaborazione con il Rotterdam Cycling Festival.

Dietro le quinte, non si tratta solo di pubblicare un libro di offerte. Partecipa al programma scolastico di Rotterdam Cycling in Tour, iniziato nel 2021. “Andiamo nelle scuole con un camion e quasi i giovani possono pedalare per la città in quell’autobus”, afferma Lisette Egelsheim, project manager di Rotterdam per avviare il potenziale successivo tour. Con questo sono già stati raggiunti 3.500 studenti del primo anno. Si scopre che alcuni non hanno mai guidato una bicicletta. Perché non ci sono soldi in casa per comprare una bicicletta, o semplicemente perché non hanno mai imparato ad andare in bicicletta. Stiamo facendo muovere questi ragazzi, letteralmente e figurativamente. “Questa è una testimonianza del valore di un tale evento, afferma Eggelsheim. “Non è bello?”

Poi c’è un altro trucco intelligente: l’adolescente di talento viene immediatamente attaccato allo scout. Un aspirante talento per il ciclismo lavora qui? È difficile per questo tipo di talento trovare la sua strada nel mondo del ciclismo a Rotterdam in questi giorni, la crescita del ciclismo organizzato è minima. Alla RWC Ahoy, la federazione ciclistica cittadina, sono pronti per questo a braccia aperte. “Vorrei che potessimo incoraggiare lo streaming”, afferma Egelsheim. Speriamo anche di formare una squadra di talento a Rotterdam, dove potremo formare nuovi ciclisti professionisti a Rotterdam. ”



READ  La consistenza degli agrumi fornisce vitamine per l'industria della moda

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24