Scienziati europei al lavoro su un’astronave autopulente

Durante il loro volo, gli astronauti incontrano un gran numero di microrganismi che possono causare problemi alla salute degli astronauti e persino all’integrità strutturale del veicolo spaziale. Per affrontare questi colli di bottiglia, gli scienziati dell’Agenzia spaziale europea (ESA) stanno sviluppando un rivestimento in grado di uccidere i microbi nelle astronavi.

Secondo i ricercatori, la tecnologia può Particolarmente importante per i lunghi voli spaziali Girare. Dopotutto, in queste condizioni i problemi di salute possono portare a una grande minaccia.

batteri e funghi

“Un’indagine a bordo della Stazione Spaziale Internazionale ha rivelato la presenza di dozzine di batteri e funghi”, conferma la leader dello studio Malgorzata Holinska, esperta di materiali presso Agenzia spaziale europea

Sono stati trovati anche numerosi agenti patogeni dannosi, che possono causare, tra le altre cose, irritazione della pelle, infezioni polmonari e intossicazione alimentare. Questi batteri possono mettere in pericolo l’astronave. Dopotutto, possono produrre un biofilm, una specie di placca che può eventualmente erodere metallo, vetro, plastica e gomma. “

Questo problema è noto da molto tempo. Colonie di batteri che hanno distrutto tute spaziali, cavi e persino guarnizioni di finestre potrebbero essere rilevate durante l’ultima fase della vita della stazione spaziale russa Mir.

“Questo deve essere preso in considerazione Il sistema immunitario degli astronauti Sopprimilo per microgravità. È quindi chiaro che gli assiemi microbiologici devono essere rigorosamente controllati durante i voli spaziali a lungo raggio”.

Nell’affrontare i colli di bottiglia, l’Agenzia spaziale europea ha collaborato con l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova. Il team italiano è partito alla ricerca dell’ossido di titanio (Titania), che viene utilizzato sulla Terra per l’autopulizia del vetro e delle superfici sanitarie.

READ  I prezzi dell'energia stanno aumentando a causa di anni di assenza di politica

“Quando l’ossido di titanio viene esposto alla luce ultravioletta, rompe il vapore acqueo nell’aria in radicali liberi dell’ossigeno, che mangiano tutto sulla sua superficie, comprese le membrane batteriche”, spiega Mirco Prato, scienziato dei materiali presso l’Istituto Italiano di Tecnologia. “Questi radicali generano stress ossidativo che distruggerà i batteri”.

La scelta dell’ossido di titanio è stata motivata da precedenti ricerche sui rivestimenti antimicrobici per gli ospedali. Si sta ora cercando un modo per aumentare la sensibilità del materiale alla parte visibile dello spettro luminoso.

d’argento

“I rivestimenti antimicrobici sulla Terra usano spesso l’argento”, osserva Holinska. “Ma questo non è appropriato nello spazio. Il problema è che nell’ambiente confinato di un veicolo spaziale, l’esposizione a lungo termine all’argento Effetti negativi sulla salute degli astronauti può possedere».

“Non vogliamo alcun accumulo di metalli pesanti nell’acqua a bordo delle astronavi, tra le altre cose. Ciò può causare irritazione agli occhi e alla pelle e può portare a un cambiamento del colore della pelle a dosi molto elevate”.

Gli scienziati sottolineano anche che anche l’ossido di titanio sembra mantenere la sua stabilità a lungo termine, anche se ritengono che sarà necessario fare ulteriori ricerche.

Infine, va notato che il rivestimento rimane il più sottile possibile, in modo che le proprietà meccaniche dei materiali di base vengano il meno possibile alterate. Il suo spessore dovrebbe variare tra i cinquanta ei cento nanometri.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24