Scioperi e manifestazioni in Sudan e le forze di sicurezza lanciano gas lacrimogeni

Le forze di sicurezza in Sudan hanno lanciato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti. Centinaia di manifestanti sono scesi in piazza in diverse città per protestare contro questo L’ultimo colpo di stato Comandante dell’esercito Al Burhan.

Sono stati utilizzati anche gas lacrimogeni mentre gli insegnanti protestavano mentre erano seduti. Hanno manifestato davanti al ministero dell’Istruzione a Khartoum contro la presa del potere da parte dell’esercito. Più di 100 persone sono state arrestate durante il sit-in.

I manifestanti hanno partecipato a una campagna di disobbedienza civile di due giorni. Le organizzazioni di protesta hanno annunciato che nel 2019 ha condotto manifestazioni di massa che alla fine hanno portato alle dimissioni del dittatore al-Bashir.

senza internet

I sudanesi pro-democrazia stanno dimostrando in tutti i modi di non approvare il golpe militare del 25 ottobre. Ad esempio, questo fine settimana sono stati istituiti posti di blocco a Khartoum; Alcuni negozi hanno tenuto le porte chiuse come parte dello sciopero annunciato.

A causa dell’interruzione di Internet dal colpo di stato, è difficile per le organizzazioni di protesta raggiungere pienamente i propri sostenitori. Questo è il motivo per cui ora stanno lavorando con i messaggi di testo per informare gli attivisti.

Dai un’occhiata agli stati abbandonati di Khartoum qui:

READ  "Building Back Better" di Biden arriva strillando e stridendo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24