Sconfitta per Dow Jones, Big Tech tiene dritto il Nasdaq

Quando la Federal Reserve inizierà finalmente a ridurre gli acquisti di obbligazioni, i mercati azionari statunitensi non crolleranno, ma manterranno il loro slancio. Almeno questa è l’opinione di Barclays.

La Banca d’Inghilterra ha aumentato il suo obiettivo per l’indice S&P500 entro la fine di quest’anno da 4400 a 4600 punti. Un aggiustamento era imminente, perché venerdì l’indice generale statunitense ha registrato 4.535,43 punti. L’utile annuo è ora del 21 percento.

In termini di tapering, il team di strateghi di Barclays guidato da Manish Deshpande afferma che non dovremmo guardare troppo al tapering, alla reazione di panico e all’aumento dei tassi di interesse statunitensi dopo che gli investitori hanno appreso nel maggio 2013 che la Fed stava gradualmente ritirando l’allentamento quantitativo. (QE.) per eliminare gradualmente. E la cosa più importante, secondo loro, è stato l’inizio effettivo dell’eliminazione graduale, avvenuta nel dicembre di quell’anno. Prima della riunione sui tassi di interesse di dicembre, le azioni statunitensi sono scese del 2%, recuperando immediatamente.

Anche nel 2017, quando la Fed ha deciso di normalizzare la sua contrazione del bilancio non reinvestire le cedole, non c’è stata praticamente alcuna risposta del mercato, osservano gli strateghi di Barclays.

Ritengono che le aspettative sugli utili positivi e le recensioni degli analisti continueranno. Vedono due potenziali fonti di preoccupazione: valutazioni elevate e tapering più rapidi del previsto.

READ  La Juventus rifiuta di rinnovare l'interesse del Barcellona per il centro difensivo olandese

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24