Scoperta una cometa gigante nel sistema solare esterno che si avvicinerà al sole nel 2031

Le immagini DES dal 2014 al 2018 non hanno mostrato quel tipico coma. Tuttavia, entro un giorno dall’annuncio della scoperta da parte degli astronomi attraverso il Minor Planet Center, gli astronomi dell’Osservatorio di Las Cumbres hanno scattato nuove immagini dell’oggetto che mostravano che era stato in coma negli ultimi tre anni: la cometa Bernardinelli-Bernstein. colpevole.

Il suo attuale viaggio all’interno del sistema solare è iniziato a una distanza di oltre 40.000 unità astronomiche dal sole, 40.000 volte più del sole dalla Terra, dopotutto, un’unità astronomica è la distanza media tra la Terra e il sole. Si tratta di circa 6 trilioni di chilometri e, in confronto, è un settimo della distanza dalla stella più vicina, e Plutone – un oggetto trans-Nettuno – dista in media 39 UA dal Sole.

Ciò significa che la cometa Bernardinelli-Bernstein discende dalla nuvola di Oort, un’ipotetica nuvola gigante di miliardi di oggetti espulsi dal Sistema Solare nella storia del primo Sistema Solare. La cometa potrebbe essere il più grande oggetto nube di Oort mai scoperto e la prima cometa in orbita attorno al sistema solare scoperta finora.

La cometa è ora molto più vicina al sole. È stato visto per la prima volta da DES nel 2014 a una distanza di 29 AU – 4 miliardi di km o all’incirca la distanza tra Nettuno e il Sole – e nel giugno 2021 era a 20 AU dal Sole – 3 miliardi di km o la distanza tra Urano e il Sole.

L’orbita della cometa Bernardinelli-Bernstein è perpendicolare al piano del sistema solare e la cometa raggiungerà il perielio – il punto più vicino al Sole dalla sua orbita – nel 2031. Quindi sarà a circa 11 UA in più dal Sole. 1,6 miliardi di chilometri o poco più della distanza di Saturno dal Sole.

READ  Ricerca: ``La differenza di genere rimane spesso a rischio nella ricerca del corona''

Nonostante le grandi dimensioni della cometa, attualmente si prevede che sarà visibile solo con un grande telescopio amatoriale, anche quando è allo zenit.

“Siamo fortunati di aver scoperto forse la cometa più grande che abbiamo mai visto – o almeno una cometa più grande di qualsiasi cometa ben studiata – e di averla catturata abbastanza presto da consentire alle persone di osservarla evolvere mentre si avvicinava”. “Non visita il sistema solare da più di 3 milioni di anni”, ha detto Gary Bernstein.

(Leggi di più sotto l’illustrazione)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24