“Se manca la logica, è difficile seguire le regole della corona”

Abbiamo nuove misure dalla fine della scorsa settimana. Rispettare la copertura della bocca in luoghi pubblici e in altri luoghi in cui è necessario mostrare un pass di accesso Corona. La gente si atterrà?

“Onestamente non la penso così, anche se le misure stesse sono necessarie e utili. Alcune misure, come indossare le mascherine, hanno acquisito notorietà a causa del massiccio cambiamento che il governo ha preso. Non c’è logica dietro. dobbiamo indossare maschere nei corridoi, dove passiamo insieme velocemente, ma non nelle aule, dove stiamo seduti insieme per due ore. Scientificamente, non ha senso. La gente lo capisce. Quando le persone infrangono le regole, è non sempre una scelta consapevole A volte è proprio difficile seguire le regole quando manca Logic.

Matthias Wieser è professore di psicologia clinica presso la Erasmus School of Social and Behavioral Sciences e conduce ricerche su emozioni, dolore e paura. All’inizio della crisi del coronavirus, lui e Marta Andreta hanno indagato su come 4.100 studenti tedeschi avevano reagito alla crisi e cosa significasse nei loro rapporti con le regole del coronavirus.

Cosa avrebbe potuto fare il governo per aumentare le possibilità che le persone seguano le regole?

“Avrebbero potuto creare un senso di urgenza fin dall’inizio, che abbiamo tutti una responsabilità e sentiamo di poter contribuire a un obiettivo comune: recuperare la nostra libertà un po’ prima. Penso che altri paesi abbiano fatto meglio, come la Danimarca”.

Cosa hanno fatto meglio i danesi dopo?

“In Danimarca, la politica non riguardava il dire al governo che puoi fare qualcosa Dovrebbe Ma più di questo insieme, abbiamo un obiettivo, che è fermare la diffusione. E se funziona, possiamo annullare il procedimento prima. Il messaggio principale nei Paesi Bassi era: queste sono le regole. A quale scopo era meno chiaro. Il governo danese è stato anche più trasparente su ciò che la scienza può e non può determinare sul virus. Anche la nostra ricerca tra gli studenti in Germania mostra che questo aiuta. Se sei più trasparente e chiaro, le persone seguiranno le azioni meglio che se le gestisci in base alla paura. Questo è il punto cruciale della nostra conclusione”.

READ  Animali resuscitati nel permafrost dopo 24.000 anni

Circa il 10 per cento della popolazione non vuole essere vaccinato, e ora è probabilmente impossibile convincerli dal governo, con qualsiasi argomento. Questa percentuale potrebbe essere inferiore se la politica fosse stata più coerente?

Potrebbe essere ancora possibile persuadere alcuni gruppi che non hanno ancora ricevuto informazioni sufficienti. I veri oppositori, che non vogliono vaccinare troppo consapevolmente, non lo fanno. Ma non credo sia nemmeno questo il problema. Nel campo delle vaccinazioni siamo in una buona posizione, meglio ad esempio della Germania, ma ovviamente possiamo sempre fare meglio. Le misure aggiuntive e più leggere che dobbiamo adottare ora avranno più sostegno se il governo sarà più coerente”.

Come può il governo essere più coerente?

Le maschere per la bocca sono il miglior esempio di ciò che è andato storto nei Paesi Bassi. Questa politica è in costante movimento avanti e indietro. Il governo sta iniziando a pensare che non funzionino affatto. Ora sono commercializzate come una soluzione molto importante. Continuo a ricorda che una volta a Rotterdam avevamo una street One, dove le maschere erano obbligatorie per due settimane. Ma poi letteralmente solo da un lato della strada, dall’altro lato non era necessario. Nessuno pensava che una cosa del genere fosse utile misurare.

“Naturalmente le maschere per il viso hanno senso, ma se le rendi di nuovo obbligatorie, non credo che le persone abbiano l’idea che questa sia una buona misura con cui possiamo ridurre i tassi di infezione”.

READ  Se dipendesse dalla NASA, questa pietra su Marte presto non avrebbe più segreti per noi

Anche le politiche ultra-coerenti potrebbero non aver funzionato. Se Rutte ha detto a marzo 2020: introdurremo maschere per il viso in tutti i luoghi per il prossimo anno, non ci sarà nemmeno supporto per loro. Sarebbe molto coerente, ma probabilmente troppo.

“Esatto. Allo stesso tempo, avrebbe potuto fornire più supporto rispetto ai messaggi contrastanti che stavamo ricevendo ora. Se una volta hai detto che le maschere per il viso non funzionano, la prossima volta che funzioneranno, la prossima volta che vorranno essere nel room Solo ma non in aula, rovini l’intero messaggio.



fonte immagine:
Bas van der Schott

L’anno scorso, subito dopo l’inizio della crisi, ho indagato su come quattromila studenti tedeschi e olandesi hanno reagito alla crisi di Corona. Si scopre che gli studenti ben informati aderiscono alle regole di Corona meglio degli studenti che hanno reagito con paura a Corona. Come lo spieghi?

“Abbiamo chiesto loro quante volte guardavano la TV o seguivano le notizie sul Covid-19, come si sentivano. Poi abbiamo chiesto loro se seguivano le regole. Quindi all’inizio della crisi si parla di mantenere le distanze, lavarsi le mani e non visitare molte persone Fino a che punto Essere informati predice meglio quanto una persona segue le regole rispetto alle emozioni negative.

“Ad esempio, gli studenti informati si sono resi conto che potevano infettare i loro nonni. Ne consegue che il governo pone più enfasi sui media che sul suscitare emozioni negative o paure. Devo anche aggiungere che abbiamo esaminato solo gli studenti, che sono un gruppo altamente istruito. Quindi non possiamo dire con certezza che questo valga anche per altri gruppi”.

La ricerca ha mostrato una differenza tra il modo in cui gli studenti tedeschi e olandesi affrontano la crisi di Corona?

“No, è molto simile. Soprattutto se si considera lo stress e i problemi mentali. I sintomi depressivi dovuti all’isolamento o alle limitazioni sono aumentati in modo significativo in quei 18 mesi. Ma nell’ultimo mese il numero di denunce di depressione è nuovamente diminuito. Questo dimostra che più libertà e interviste Più persone hanno istantaneamente un effetto positivo sul tuo stato d’animo.”

Essendo stato profondamente depresso per quei 18 mesi, cosa significa questo per il futuro? Non c’è ancora nessuna chiusura, ma non si sa mai cosa accadrà dopo. Gli studenti, e la comunità più ampia nel suo insieme, possono gestire un’altra chiusura?

“Direi di no. Forse stiamo ancora risparmiando due settimane di lockdown, ma qualche mese? Dovremmo evitarlo a tutti i costi. Perché lo stress psicologico, soprattutto tra studenti e bambini, aumenta solo quando viviamo in isolamento. Quindi è è positivo che ora stiamo assistendo a misure più piccole Ma è efficace e non ci impedisce completamente di incontrarci.Naturalmente, questa crisi potrebbe anche significare che nei prossimi anni vedremo più persone con disturbi mentali e dovremo offrono i loro trattamenti.”


Il grido di paura del Corona virus

fonte immagine:
Bas van der Schott

Ruti e De Jong hanno agito nello spirito delle tue conclusioni?

“Penso spesso che sia stato fatto un appello emotivo, quando è meglio fornire un’informazione trasparente e sviluppare un senso di sinergia. Ovviamente ci hanno provato, ma non credo che abbiano avuto molto successo in questo. È anche difficile, perché fornire informazioni può creare anche paura, che non è completamente separata l’una dall’altra”.

em-oorlog Corona Leger Parade

Per saperne di più

“La politica olandese di Corona causa più sofferenza di quanto non prevenga”

Le azioni contro il coronavirus possono essere più mortali del virus stesso. “Il…

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24