Sei agenti sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco nel nord del Messico

Sei agenti sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco nel nord del Messico. Sono caduti in un’imboscata nel cuore della notte da un gruppo di uomini pesantemente armati a bordo di una dozzina di camion blindati, secondo il Ministero della Sicurezza nello stato di Nuevo Leon. Poi gli hanno sparato.

Il ministero ha confermato in un comunicato stampa che gli agenti hanno combattuto “con eroismo”. Quattro agenti sono rimasti feriti nell’attacco.

Violenza di gruppo

Il Messico si occupa da anni di bande di sangue e violenza della droga, pur non evitando attacchi alla polizia. Altri quattro agenti sono stati uccisi la scorsa settimana dopo essere stati attirati con false pretese in una casa a El Salto, Jalisco. 12 persone sono state uccise nel fuoco incrociato.

Anche i giornalisti che scrivono di criminalità organizzata, ad esempio, non sono sicuri della loro vita nel paese. All’inizio di febbraio torna la città costiera di Salina Cruz Quinto Un giornalista è stato assassinato quest’anno in Messico.

Inoltre, la scorsa settimana, due sacerdoti sono stati assassinati in una chiesa nello stato settentrionale di Coahuila de Zaragoza. A quel tempo, stavano cercando di proteggere una guida turistica da una banda di narcotrafficanti. Anche la guida è fotografata. Papa Francesco ha condannato l’uccisione di sacerdoti.

READ  Il governo britannico si scusa per il razzismo in ricordo delle vittime di guerra

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24