Sembra che ho scritto Grand Hotel Europa per niente

Qualche settimana fa sono tornato a Venezia per la prima volta dopo il silenzio. Ho avuto l’onore di aprire il contributo olandese alla Biennale di Architettura durante un incontro a porte chiuse mercoledì 19 maggio alle 9:30. Dato che la Galleria Stella d’Arte di Genova non gode del solito arrangiamento, sono stato in grado di organizzarlo in modo relativamente semplice per consentirmi di partecipare. Domenica 16 maggio siamo partiti alle 07:05 con il Frecciarossa 9710 da Trenitalia da Genova Piazza Principe a Venezia Santa Lucia e siamo tornati il ​​pomeriggio dopo l’apertura alle 15:48 con il Frecciarossa 9744. Questo ci ha regalato quasi quattro giorni interi per esplorare il Purgatorio Mentre l’Italia era in un’ambigua transizione all’epoca dall’inferno del lockdown al tanto agognato ripristino della commissione di un giorno e del consumo illimitato.

Il premier italiano Mario Draghi aveva solennemente promesso durante una conferenza stampa martedì 4 maggio che tutto sarebbe andato bene. “Se solo un paese sopravvivesse al turismo”, così ha detto“Quindi è il nostro Paese. Il mondo intero vuole venire da noi. Purtroppo la pandemia ci ha costretto a chiudere temporaneamente. Ma siamo di nuovo pronti a ricevere il mondo. […] Il turismo in Italia tornerà forte come prima. Tornerai più forte di prima. […] Il settore turistico è al centro del nostro piano di ripresa economica nazionale”.

Ecco perché il governo italiano ha voluto accelerare corsia verde Attuazione non ancora pienamente realizzata, ma le intenzioni erano chiare. Insomma, Draghi ha concluso la sua conferenza stampa, è ora di prenotare la vostra vacanza in Italia. Non vediamo l’ora di darvi il benvenuto di nuovo.”

Ma non era ancora quella volta che abbiamo visitato Venezia. Il nostro hotel preferito segreto, come molti altri, deve ancora riaprire. Per una frazione del prezzo normale, siamo riusciti a prenotare una suite nel famoso Carlton con vista sul Canal Grande. Gli stand sono stati riaperti a malincuore, ma tutto era ancora complicato. Il coprifuoco era ancora in vigore. Solo dopo vari tentativi siamo riusciti a capire le modalità di visita alle Gallerie dell’Accademia, dove all’ingresso ci è stata rilevata la temperatura corporea e dove, pur essendo praticamente gli unici, sono state applicate rigide regole in materia di mascherine, disinfezione delle mani e la distanza obbligatoria tra i visitatori.

READ  Cosa significa essere europeo?

La città gemeva

La pistola era scarica. Non ho mai visto una città come questa prima. Consisteva in poco più di un’enorme quantità di storia, architettura, acqua dolce e ciuffi di nativi annoiati che avevano poco da fare se non spritz dalla colazione al coprifuoco. Qua e là qualcuno camminava per strada. Al maestoso Carlton Hotel, decine di ospiti sono stati serviti da altrettanti camerieri. Se volessimo arricchire le nostre vite con una maschera di carnevale, colorati oggetti in vetro di Murano o gondole in miniatura, potremmo negoziare un enorme sconto da un proprietario di un negozio di souvenir casuale che piange disperato.

Venezia era bella così, certo che era bella. Ma è stato anche tragico vederla così. La città gemeva come una vittima di soprusi lasciata con le sue ferite. Non c’erano trenta milioni di turisti a distrarci dal fatto che non c’era più nessuno che abitava lì. Speravamo di trovare una città temporaneamente restituita alla sua originalità, ma nell’incantevole rovina ci è apparso dolorosamente chiaro che la città era diventata da tempo uno sfondo e senza che le masse venissero a fotografarsi in quello sfondo. La città era inutile. La pistola era priva di significato. Giaceva in tutto il suo fragile splendore come un museo a cielo aperto su un pianeta inaccessibile o come le rovine di Atlantide, che sarebbe un’attrazione indimenticabile se lo scoprissimo davvero.

E i turisti verranno, perché devono riposare dalla quiete per un anno e mezzo

L’ingresso olandese alla Biennale di Architettura definisce il rapporto di Venezia con il turismo di massa. Installazione architettonica città di polvereProgettato da Studio LA per questa 17a Biennale su invito del curatore Hashem Sarkis, è costituito da un grande pavimento in terrazzo che raffigura una mappa di Venezia per l’ingresso dei visitatori. Il pavimento è progettato in modo tale che ogni passo di ogni visitatore abbia il potenziale per creare linee di faglia nelle piastrelle. Ogni passaggio è il confronto fisico di ogni visitatore con il suo impatto potenzialmente dannoso sull’ambiente in cui è ospite temporaneo. Durante la Biennale il pavimento continuerà a sgretolarsi e crollare. L’impatto del singolo visitatore può sembrare insignificante, ma nel tempo diventa chiaro come il potere collettivo di tutti i visitatori insieme schiaccia la città. Le crepe nel pavimento su cui è raffigurata la città formano una sorta di crepitio come un vecchio dipinto ad olio, a indicare che della città rimane solo il suo passato. Ho capito che mi hanno invitato ad aprire l’installazione e hanno dato un calcio alle prime crepe nelle piastrelle con serietà e rispetto, perché non potevo immaginare un modo migliore per essere più di cinquecento pagine del mio romanzo. Hotel Grand Europa Si può riassumere su una superficie di 132 mq.

READ  A che ora iniziano le qualifiche per il Gran Premio di Francia? (2021)

Lo prendo come un po’ di consolazione, perché mi assomiglia Hotel Grand Europa Scritto per niente. Dobbiamo ancora sperare che l’anno e mezzo di stallo a cui ci ha costretto il virus sia servito per riflettere. Il blocco ci ha dato l’opportunità di pensare più intensamente se vogliamo davvero riportare tutto come era prima della pandemia il prima possibile o se ci sono alcuni aspetti delle nostre vecchie vite che dovremmo fare meglio. Ad esempio, il turismo di massa.

Il fucile abbandonato che ho potuto vedere a maggio mostra il mistero del caso. Venezia non sarebbe stata così bella senza i turisti per almeno un secolo, ma allo stesso tempo, senza i turisti, Venezia non ha possibilità di sopravvivere. Il destino del turismo di massa a cui la città si è arresa così disperatamente, completamente e irrevocabilmente, è la morte di Venezia, perché i turisti ne calpestano l’anima, ma allo stesso tempo è condannata dai turisti, perché tutto ciò che la rendeva un tempo prospera, città vivace, sorprendente e reale è stata sacrificata alla monocultura turistica.

navi da crociera

Tutto ciò indica che una politica ben ponderata è indispensabile. Purtroppo non c’è traccia di una simile riflessione sul turismo in Italia. I responsabili politici e i politici non hanno sviluppato negli ultimi mesi altra visione che un pieno impegno per una rapida e completa ripresa dal buon vecchio turismo di massa di prima della pandemia. Il turismo dovrebbe tornare più forte di prima e tornerà. La mancanza di immaginazione è spaventosa.

Questo è quello che è successo. Con un certo ritardo, la promessa di Draghi si è avverata. Nonostante la promessa del governo che le navi da crociera non attraccassero nella laguna veneziana, le prime navi da crociera attraccavano lì. Mantengono segrete le date di arrivo e partenza nel tentativo di impedire ai loro poveri viaggiatori ipersensibili di affrontare le proteste. Gli italiani vengono premiati per andare in vacanza nel loro paese. Io e Stella non possiamo andare al mare quest’estate, perché tutte le spiagge della Liguria sono già al completo per tutta l’estate. E il comune di Genova organizza una strepitosa staffetta di eventi estivi indimenticabili, tra cui un teatro all’aperto sotto casa nostra, per attirare ancora più turisti. È un cliché in Italia Tigre a partire dal Giuseppe Tommasi di Lampedusa Citare e dire che tutto deve cambiare se vogliamo che tutto rimanga uguale e non vale nemmeno in questo caso. Qui, dopo essere rimasto fermo per un po’, l’acceleratore extra forte viene portato a un punto morto.

La Guardia di Finanza (FIOD italiana) e la Procura Generale di Genova Prove raccolte Per il fatto che siamo orgogliosi del Booking.com olandese abusando del “meccanismo”carica inversaSolo in Italia sono state evase centinaia di milioni e forse miliardi di tasse e c’è ancora la cieca convinzione che il turismo giovi al bene comune.

Goditi il ​​vecchio stile

E i Paesi Bassi? Il 10 giugno il ministero degli Esteri olandese ha cambiato il codice colore dell’Italia da arancione a giallo. Trovo molto divertente che le autorità olandesi abbiano deciso che l’Italia era al sicuro, mentre quel giorno c’erano ancora quasi il triplo dei contagi nei Paesi Bassi rispetto all’Italia (nei Paesi Bassi una media di 1.729 al giorno su base settimanale su una popolazione di 17 milioni e in Italia (2.101 su una popolazione totale di 60 milioni) e gli stessi olandesi sono a rischio, ma l’Italia non se ne farà caso, quindi niente impedisce di godersi il all’antica. Piazza. E verranno, perché devono riposarsi terribilmente dallo stare seduti a casa per un anno e mezzo, e le vacanze estive sono sacre. Tra poche settimane sarà come se non ci fosse mai stata un’epidemia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24