Sembra che la pace sia tornata alle Isole Salomone dopo i disordini, dove tre persone sono state trovate morte

Dopo tre giorni di violenti disordini, sembra che la calma sia tornata alle Isole Salomone. La capitale dell’arcipelago del Pacifico era turbolenta a causa dell’insoddisfazione nei confronti del primo ministro Manasseh Sogavari. Su richiesta dell’arcipelago, Australia e Papua Nuova Guinea Sono stati inviati agenti e diplomatici per ripristinare il sistema.

I manifestanti si sentono privati ​​del diritto di voto dal governo. C’è anche rabbia per il riavvicinamento tra l’arcipelago e la Cina. Il primo ministro Sugavara ha interrotto i rapporti con Taiwan a favore della Cina.

Negli ultimi giorni sono stati dati alle fiamme quasi 60 edifici, tra cui diversi negozi e una stazione di polizia. Anche il palazzo del Parlamento è stato dato alle fiamme. I negozi sono stati saccheggiati, soprattutto a Chinatown.

Ieri sono stati trovati tre corpi in un edificio in fiamme a Chinatown. I media australiani hanno riferito che la loro morte sembrava essere collegata alle proteste degli ultimi giorni.

Coprifuoco e arresti

Con il sostegno delle forze di sicurezza australiane e della Papua Nuova Guinea, le autorità delle Isole Salomone sono state in grado di stroncare i disordini sul nascere. A Huinara è stato imposto il coprifuoco. Più di 100 rivoltosi e manifestanti sono stati arrestati. Il danno è stimato a 227 milioni di dollari, scrive Stella di Salomone.

I danni nella capitale possono essere visti dall’alto:

READ  diretto | La dashboard indica anche le varianti più popolari, milioni di certificati di vaccinazione nell'app CoronaCheck | interni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24