Sempre di più vengono investiti nel calcio femminile. Ma con più soldi, improvvisamente compaiono nuovi interessi

Lieke Martens prova a superare la sua avversaria durante le qualificazioni ai Mondiali tra Olanda e Bielorussia (3-0) il 28 giugno.Immagine Getty Images

I biglietti per la finale del Campionato Europeo sono scomparsi in 43 minuti. Quasi 90.000 spettatori vedranno Wembley alla fine di luglio, il paese con il miglior calcio femminile d’Europa. Quando mercoledì i calciatori di Inghilterra e Austria apriranno il torneo a Manchester, anche l’Old Trafford sarà venduto.

Il calcio femminile si sta sviluppando rapidamente, secondo i numeri di questo tredicesimo Campionato Europeo: il torneo si è svolto per la prima volta nel 1984. Cinque anni fa, 247.041 persone hanno partecipato al Campionato Europeo in Olanda, un record per l’epoca. Il campionato in Inghilterra punta a più del doppio.

Il fatto che i templi del calcio a Manchester e Londra siano pieni è il culmine di una lunga lotta per la liberazione. “Peccato per l’erba”, era il grido non molto tempo fa quando le donne giocavano sui grandi campi. Ora i top club vantano record di visitatori: 91.548 hanno visto il Barcellona contro il Wolfsburg al Camp Nou.

modello maschile

Il mondo del calcio femminile sta cominciando a somigliare a quello maschile, soprattutto per quanto riguarda la crescente influenza del denaro. Ciò può comportare un grande divario tra la parte superiore e il resto. “C’è un rischio enorme che il modello maschile nel calcio femminile venga imitato”, ha detto Maurizio Valente, docente all’Università di Manchester. “Solo con maggiori differenze finanziarie e sportive”.

L’italiana da anni guarda al lato commerciale del calcio femminile e al coinvolgimento di club affermati. Per molto tempo, la maggior parte dei club non ha voluto avere nulla a che fare con il calcio femminile. Proprio come le federazioni calcistiche lo hanno bandito a titolo definitivo per molto tempo.

Quei giorni sono passati: sempre più club con una storia nel calcio maschile vedono un futuro nel calcio femminile. Sicuramente anche i big che dominano il calcio maschile europeo. Tutte le migliori giocatrici della Premier League hanno un ramo femminile, il Paris Saint-Germain ha recentemente attaccato Lieke Martens e il suo ex club, il Barcellona, ​​è stato un pioniere in Spagna. Ora che il club ha avuto successo, il Real Madrid non può e non sarà lasciato indietro.

Visione

È uno sviluppo in cui molti giocatori speravano e per cui lottavano. Erano loro stessi fan di uno di quei club e ora possono finalmente sognare di indossare la loro maglia preferita. Vivian Miedema ha recentemente prolungato il suo contratto con il club inglese Arsenal e gioca nella competizione più forte d’Europa, ma spera di giocare un giorno con il Feyenoord. Questo club si è unito la scorsa stagione per la prima volta nella Eredivisie Women’s League.

I grandi club offrono anche maggiore visibilità. Quindi più soldi. Non si tratta solo di fare accordi TV e ottenere più sponsor a bordo, ma sicuramente contribuisce a questo.

“Sembra che la forza del marchio costruito dagli uomini possa essere trasferita al ramo femminile”, spiega Valenti. Non un lusso inutile, perché c’è ancora un po’ di interesse per la maggior parte delle partite di competizioneAnche nella Premier League femminile il numero medio di spettatori non supera i 3mila.

Al contrario, ci sono anche opportunità per i club. Commerciale, anche se al momento è necessaria la maggior parte degli investimenti. Ma se vogliono rimanere rilevanti in una società in cui donne e uomini diventano più uguali, è meglio che tengano d’occhio la metà della popolazione a lungo trascurata. “Quando parlo con i piloti, lo dicono”, spiega Valenti. “Perdiamo soldi nel calcio femminile, ma non ci interessa perché stiamo facendo ciò che è giusto. Vedono il valore sociale e il calcio femminile può rispondere e trarne vantaggio.

motivi

Che siano in buona fede o per ragioni finanziarie, gli investimenti hanno ribaltato il calcio femminile europeo. Nei primi anni della Women’s Champions League, club come Umea IK e Turbine Potsdam si contendevano il titolo, e ora sono Barcellona, ​​​​Chelsea e Olympique Lyonnais. L’FFC Francoforte, la prima vincitrice della Coppa, non è più in grado di reggersi su due piedi: il club si è recentemente fuso con gli uomini dell’Eintracht Frankfurt.

“Ovviamente è fantastico che l’investimento sia stato fatto”, afferma Leonie Blogis, l’agente di molti dei giocatori della nazionale olandese. “Ma ovunque si possano fare soldi, le persone si uniscono. Ora stiamo vedendo anche molti nuovi agenti. Non sono contrario ai nuovi colleghi, ma a volte mi chiedo da dove abbiano preso l’esperienza e sono curioso di conoscere le loro motivazioni.

Blokhuis era già attivo quando le donne guadagnavano poco o nulla dal calcio. È stata ridicolizzata ai compleanni, ha dovuto fare altri lavori per anni, ma ora ha un’azienda con due dipendenti. Elogia in particolare la professionalità, la sostiene da anni e va d’accordo anche con essa. All’inizio di quest’anno, ha venduto una partecipazione di minoranza nella sua società FlowSports a SEG, una grande società di gestione attiva da molto tempo nel calcio e in altri sport.

“Non è una brutta cosa che diventi più pratico”, dice. “Se investi è segno che lo sport è preso sul serio. Ma ha anche i suoi lati oscuri. Le differenze si stanno davvero allargando. C’è davvero qualcosa da guadagnare in Premier League, porta qualcosa ai giocatori, tutti vogliono per andare lì.”

Classe media

Questo è il caso del calcio maschile da decenni. I Big Five – Inghilterra, Spagna, Germania, Francia e Italia – guadagnano così tanto dai soldi della TV e dai contratti di sponsorizzazione che è quasi impossibile per i club dei campionati minori raggiungere la vetta assoluta.

Nel caso delle donne il rischio è maggiore perché la base è meno ampia. Ci sono relativamente meno buoni giocatori e anche meno classe media, quindi i club con i migliori giocatori stanno rapidamente emergendo. Anche gli stipendi sono molto più bassi, quindi è molto più facile fare la differenza con relativamente pochi soldi.

“Con una piccola percentuale dello stipendio di Cristiano Ronaldo puoi pagare un’intera squadra femminile”, dice Valenti. E se il Real Madrid si iscrive al talento, Turbine Potsdam, ovviamente, non ha possibilità”.

Il pericolo non è più così immaginario, i club delle grandi nazioni dominano la UEFA Women’s Champions League. Ci sono anche differenze significative all’interno di queste competizioni. In Spagna, il Barcellona ha vinto tutte e 30 le partite di quest’anno, con una differenza reti di 159 a favore e 11 contro. In Francia, Italia e Germania, due club si distinguono dagli altri. Solo in Inghilterra è il top su scala più ampia.

È una cattiva notizia per i club e i calciatori olandesi. Prima ancora che il calcio femminile prenda davvero terreno, c’è già la minaccia di un ruolo a margine dell’Eredivisie. Anche questo non va bene per la squadra olandese, perché i giovani talenti affrontano molta meno resistenza qui che all’estero. Soprattutto quando i migliori giocatori se ne vanno.

dolori crescenti

In uno scenario favorevole, lo sport è solo all’inizio e il calcio femminile si sta sviluppando su scala molto più ampia. Più club aderiscono, la competizione aumenta, così come l’offerta di buoni giocatori. Ciò potrebbe portare i grandi club a rubare tutto il talento lasciando solo un piccolo club d’élite. Non gioverà allo sport, perché la ricerca di Valente mostra che mentre il pubblico accoglie con favore l’arrivo di club famosi, vuole anche vedere partite emozionanti.

L’italiano teme: “Abbiamo un mercato libero, quindi non credo si possa rallentare”. In teoria, ad esempio, puoi ancora pensare a limiti salariali o budget cap, come nel caso dello sport negli Stati Uniti. “Ma non vedo come puoi farlo in un movimento che ha davvero bisogno dell’investimento”.

Blokhuis rimane principalmente positivo riguardo allo sviluppo del calcio femminile. Capisce anche che la crescita è accompagnata dal dolore, ma secondo lei è difficile fermarsi. «I campi di forza sono troppo grandi per quello. E i soldi possono comprare quasi tutto.

Quasi tutto, perché alla fine sono gli stessi giocatori a decidere se acconsentire o meno. Spesso consiglia loro di non farsi guidare solo dal denaro. “Alla fine, questa è la cosa più importante”, dice l’agente. Midema, uno dei suoi giocatori, recentemente è riuscita ad andare in due squadre che offrono di più, ma ha preferito restare all’Arsenal. “A volte devi prendere una piccola borsa di soldi perché è meglio.”

READ  Horner: "Verstappen era in un abbraccio molto riservato"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24