Sessanta giorni di carcere per l’ex ministro danese per la separazione dei giovani coniugi immigrati | all’estero

L’ex ministro danese Inger Stojberg è stato condannato oggi a 60 giorni di carcere per la separazione dei coniugi immigrati che hanno chiesto asilo illegalmente nel Paese. Non può impugnare la sentenza e deve scontare la pena.




Stojberg è stato condannato per abuso d’ufficio. Il tribunale speciale, che sta esaminando il caso da settembre, ha affermato di aver fuorviato il parlamento sulle sue decisioni illegali. Stogberg è stato “sorpreso” che la condanna a morte sia arrivata in prigione. Più probabile una multa, secondo gli esperti. L’ex ministro dovrebbe essere assolto. Secondo lei, la politica è progettata per combattere i matrimoni precoci. “Non sono l’unico ad aver perso, abbiamo anche perso i valori danesi”, ha detto Stojberg in seguito. alla stampa fuori dal tribunale. accettare la sua punizione.

Nel 2016, l’ex ministro dell’Immigrazione ha ordinato 23 coppie separatesenza valutare i casi singolarmente. Secondo la corte, la politica di Stojberg è incoerente con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Pochi mesi dopo, la politica è stata rivista di nuovo. Una delle coppie che si sono separate erano i giovani siriani, Rimaz Al Kayyal (17 anni) e suo marito Al Nour Alwan (26 anni) a cui è stato permesso di riunirsi dopo una denuncia. Sono stati costretti a vivere separatamente per quattro mesi quando lei era incinta.

partito anti-immigrazione

Il motivo della separazione delle coppie era che le donne avevano meno di 18 anni, ma nella maggior parte dei casi le differenze di età con i loro partner erano piccole. Secondo Stojberg, separare i coniugi era “l’unica cosa politica e umana” che potesse fare contro il matrimonio infantile e forzato.

READ  Il giudice impedisce al gruppo anti-aborto di far rispettare la legge sull'aborto in Texas | All'estero

Dal 2015 al 2019, Stogberg è stato ministro responsabile delle rigidissime politiche sull’immigrazione dell’allora governo di centrodestra, sostenuto da un partito populista anti-immigrazione. Da allora ha lasciato il suo partito liberale, ma rimane un deputato. Non è chiaro se possa rimanere come membro del Parlamento.

I pubblici ministeri John Lauritzen e Ann-Birgit Gamlegord sono soddisfatti del verdetto, dicendo ai giornalisti: “È un caso storico”. È la prima volta dal 1995 che in Danimarca vengono varate le cosiddette misure di isolamento nei confronti di un membro o ex membro del governo e solo la sesta in 170 anni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24