Sfilate delle arance in Irlanda del Nord: un festival folk molto emozionante quest’anno

Oggi, le tradizionali sfilate delle arance nell’Irlanda del Nord hanno raggiunto il loro culmine. Grandi gruppi di manifestanti prendono parte alle manifestazioni del cosiddetto Orange Day. Una sfilata colorata con berretti da bowling, tamburi e flauti. Sembrano allegri, ma i cartelli e gli striscioni sono pieni di simboli controversi e slogan politici.

Le sfilate fanno parte delle tradizionali celebrazioni di luglio in Irlanda del Nord, poiché gli unionisti filo-britannici commemorano l’anno 1690, il re protestante Guglielmo III d’Orange che sconfigge il re cattolico Giacomo II. I festeggiamenti hanno lo scopo di dimostrare che il protestantesimo esiste ancora ed è considerato un’espressione della cultura e dell’identità protestante. Ma molti cattolici nell’Irlanda del Nord trovano il festival provocatorio.

Più di 200 torce e proteste sono state accese durante il fine settimana. In alcuni punti sono state bruciate anche bandiere irlandesi.

Le tensioni per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea

Quasi ogni anno, le manifestazioni portano a tensioni tra gli unionisti protestanti, che vogliono che l’Irlanda del Nord rimanga con il Regno Unito, e i repubblicani cattolici, che sostengono un’Irlanda unita.

C’è molto da fare in background quest’anno. Cresce la frustrazione per il protocollo Brexit. I manifestanti in Irlanda del Nord si sentono ingannati dal primo ministro britannico Johnson, che ha promesso che non ci saranno frontiere doganali nel Mare d’Irlanda.

Ma è arrivato comunque. In pratica, l’accordo commerciale sulla Brexit separa sempre più l’Irlanda del Nord dal Regno Unito. Questo è un problema che tocca il cuore dell’identità protestante.

Instabilità politica

La frustrazione per la Brexit sta prendendo di mira non solo il governo britannico a Londra, ma anche il più grande partito politico sindacale, il Democratic Unionist Party, che guida il governo dell’Irlanda del Nord. Questo partito protestante è stato accusato di non aver superato le barriere commerciali tra l’Irlanda del Nord e la Gran Bretagna. C’è la sensazione che l’Irlanda del Nord sia stata “sacrificata” in modo che i politici possano andare avanti con il suo accordo sulla Brexit con l’Unione europea.

READ  Dubbi sulle donazioni Viral Truth, OM indaga sul comportamento di Willem Engel | interni

Il calo del sostegno al Partito Democratico Unionista sta alimentando una nuova instabilità politica nell’Irlanda del Nord. Due leader di partito si sono dimessi negli ultimi mesi.

turbolenza

La sfiducia nei confronti dei leader politici e un sentimento di “tradimento” stanno riaccendendo l’antica rivalità tra protestanti e cattolici. Ad aprile sono scoppiati disordini, con rocce e bottiglie molotov che volavano avanti e indietro sul cosiddetto “muro della pace” di Belfast. Più di cinquanta agenti sono rimasti feriti.

I disordini nelle strade ricordano a molti i cosiddetti I problemiLa guerra civile che ha travolto l’Irlanda del Nord per decenni e ha causato migliaia di vittime.

ritardo

Negli ultimi mesi, il popolo dell’Irlanda del Nord ha regolarmente protestato contro il protocollo Brexit e le frontiere commerciali nel Mare d’Irlanda. Nel frattempo, c’è disaccordo tra il Regno Unito e l’UE su come dovrebbe essere implementato esattamente questo protocollo e sulle tariffe ad esso associate. Di volta in volta, l’attuazione del protocollo viene ritardata, lasciando l’Irlanda del Nord in uno stato di incertezza e le tensioni che continuano.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24