Sii aperto, ma non troppo estroverso e altri quattro consigli contro l’ansia sul lavoro

Paura del capo, paura del fallimento, paura di essere se stessi: molti dipendenti sono frenati dalla paura a un certo punto. Come lo affronti? per il libro Non aver mai più paura di lavorare di nuovo Lo psicologo e giornalista Julien de Roig ha raccolto quaranta storie personali e ha chiesto soluzioni agli esperti. Usando le storie del libro, condivide lezioni chiave: “Sembra che tutti stiano andando bene, ma stiamo sopportando”.

1 Il corpo spesso sa più della mente

Naturalmente, i dipendenti ansiosi che condividono le loro esperienze nel libro di De Rooij soffrono principalmente di disturbi mentali. Tuttavia, spesso finiscono con un esaurimento fisico, dice. “Postura a scatti, respiro irregolare, mal di testa, affaticamento: il corpo avvisa quando qualcosa non va sul lavoro. Alcune persone si abituano allo stress o ignorano i segnali, consciamente o inconsciamente”.

In una delle testimonianze più toccanti del libro, una ricercatrice di un’università ha affermato di essere diventata “stanca di cane” a causa delle molestie sessuali da parte di un professore universitario. Per molto tempo ha ignorato la sua cattiva condotta, cercando di concentrarsi sulla sua realizzazione. Ciò divenne impossibile quando l’uomo, il suo supervisore, iniziò a dubitare apertamente della qualità del suo lavoro. Quando ho parlato della situazione, le cose sono peggiorate. Ad esempio, ho chiesto al direttore della ricerca se amava segretamente lo stesso professore. De Roig: “La donna voleva a tutti i costi rispettare il suo contratto e ha iniziato a prendere steroidi contro la fatica”.

L’avvocato appena insediato soffriva di palpitazioni cardiache sul lavoro a causa del carico di lavoro. Aveva paura della frustrazione dei suoi colleghi esperti e non osava rifiutare nuovi casi. Inoltre, aveva paura di perdere una causa, perché c’era tanto in gioco per i suoi clienti che lavoravano su di lei. Alla fine della giornata, si sentiva come se avesse “fatto una maratona”. Aveva 23 anni.

L’autore osserva che “molte persone stanno facendo il loro dovere con coraggio”. “Il nostro corpo può sempre adattarsi a un livello maggiore di stress, ad esempio producendo più cortisolo. Il dolore e lo stress vengono soppressi. Ma se non prendi sul serio questi segnali, potrebbero improvvisamente crollare in seguito”.

READ  Parte di un pixel: sognare la grandezza del nostro universo

2 Guarda le tue condizioni di lavoro prima di incolpare te stesso

Coloro che sono trattenuti dalla paura possono cercare la causa dentro di sé. Ma il libro insegna che la fonte dell’ansia e dello stress risiede spesso nell’organizzazione. De Rooij: “Allora è meglio cambiare le tue condizioni di lavoro – datore di lavoro, posizione, numero di ore – che te stesso”.

Ad esempio, il carico di lavoro può essere troppo pesante, i dipendenti hanno poca autonomia, sorgono conflitti sul posto di lavoro o c’è troppo poco apprezzamento. In altri casi, l’organizzazione si comporta in modo non etico, costringendo i dipendenti a fare cose che non supportano.

Una veterinaria devota è rimasta schiacciata quando ha visto la sua “clinica piccola e accogliente” fondersi con una grande istituzione. Improvvisamente, fu concessa solo una consultazione di dieci minuti, mentre lei era molto felice di prendersi il tempo per calmare gli animali spesso ansiosi. Le sue idee per migliorare la pratica non sono state prese sul serio. Divenne esausta e non tornò al lavoro fino a sei mesi dopo, con meno ore.

Secondo De Rooij, accade anche che il datore di lavoro non presti una protezione adeguata ai propri dipendenti. Merrill, l’ufficiale municipale per i reclami, ha raccontato al telefono come i cittadini arrabbiati si infuriassero regolarmente contro di lei: “Trott, non capisci, vero, con lo stipendio di un dipendente pubblico”.

De Roig: “Secondo l’esperta di conflitti e aggressioni Carolyn Kotsenreuter, ex ricercatrice dell’Università di Leiden, questi tipi di dipendenti ricevono pochissimo supporto. Il 90% dei conflitti non riguarda i contenuti, ma sono causati da sentimenti di ingiustizia, insicurezza e dipendenza. Lavora per questo, non sai se vuoi pacificare un chiamante del genere o stabilire limiti severi”.

Dopo l’addestramento, l’addetto ai reclami è stato in grado di commentare i chiamanti frustrati: “Ho sentito che mi stavi dando della puttana. Lo trovo spiacevole. Se continui con questo, interromperò la chiamata”. Ora la maggior parte dei chiamanti è limitata o addirittura si scusa.

READ  Nature ritratta per la seconda volta un articolo di ricercatori quantistici di Delft

Leggi anche: Preoccupazione? Un capo arrabbiato è solo una parte del problema

3 Mettiti nei panni di qualcun altro (e conosci te stesso)

La paura a volte nasce da un malinteso. Ad esempio, i clienti del giovane avvocato nel libro a volte si arrabbiavano con lei, chiedendosi ad alta voce su chi fosse.

L’avvocato ha sottovalutato i sentimenti di questi clienti, convinto del loro diritto alla questione legale. Quando ho iniziato a prendermi il tempo per assunzioneConversazioni, migliora il loro stato. I clienti hanno potuto licenziarsi e i loro avvocati hanno promesso di fare del loro meglio, senza dare alcuna garanzia sull’esito.

De Roig: “Ora i clienti le sono grati, anche se perde la causa. Si sono resi conto che almeno i loro avvocati avrebbero potuto limitare i danni”.

Altre volte, la paura dell’altro è dovuta a differenze di personalità, secondo il racconto di un consulente politico introverso che aveva paura di incontrare nei corridoi colleghi più estroversi. Hanno posto domande relative al lavoro e volevano risposte immediate. E agli incontri, la donna non ha risposto ai loro commenti critici, non importa quanto bene abbia pensato al suo consiglio.

De Rooij: „Quando la persona più introversa vuole considerare tutti i fatti e le opzioni prima di trovare qualcosa, il dipendente più introverso parla pensando. Quando sono venuta a conoscenza di queste dinamiche, la consulente politica è stata in grado di prepararsi per gli scenari di cui aveva più paura”.

Se capiamo come relazionarci con gli altri, dice de Roig, possiamo cambiare la nostra situazione.

4 Sii aperto, ma non troppo

Secondo il Ministero della Salute, quasi la metà degli olandesi soffre di disturbi psicologici, come un disturbo d’ansia. La consapevolezza collettiva di questi fardelli mentali sta crescendo. Ma anche uscire al lavoro sarebbe più facile? De Roig dubita: “Penso che più datori di lavoro oggigiorno vorrebbero sentirlo e apprezzerebbero questa apertura”.

Il dipendente Martin racconta come ha nascosto gli attacchi di panico sul lavoro per vent’anni. Poi, lentamente e silenziosamente, lascia la riunione. Dopo di che ha mentito dicendo che doveva andare in bagno, e poi nessuno glielo ha chiesto. Successivamente, ha ammesso apertamente i suoi attacchi di panico ed è diventato un punto di contatto con i suoi colleghi malati di mente.

READ  Gli uomini dovrebbero piangere di più? Mostrare i sentimenti non è una debolezza

Per il libro, de Roig ha chiesto consiglio alla professoressa di psicologia della Tilburg University Evelyn Brewers. Avvertenze: non dire tutto a tutti, soprattutto durante un colloquio di lavoro. Pensa a cosa vuoi condividere e con chi. De Roig: “L’apertura comporta dei rischi, come lo stigma e la discriminazione, ma chi non può essere se stesso sul lavoro non raggiungerà mai il massimo delle proprie capacità”.

5 A volte semplicemente non funziona (completamente)

De Roig sa che il fatto che le persone possano imparare a gestire meglio la paura non significa che scompaia del tutto. Ad esempio, ha intervistato un marketer per paura della contaminazione. Il trattamento e il sostegno dei compagni di sventura hanno in gran parte controllato la paura della contaminazione, ma la paura, stringendo la mano, quando si visitava il bagno, è rimasta. Allo stesso tempo, la donna si chiedeva se avrebbe potuto ottenere più lavoro.

“A volte le cose non vanno bene, almeno non del tutto”, conclude de Roig. “Una donna transgender che ho intervistato ha continuato a temere il 10 percento dell’umanità che si sarebbe “comportata in modo strano” una volta scoperto che era trans”. Dopo che era una donna Fuori Sparato all’improvviso. Ora lavora in un posto dove non ha mai detto a nessuno chi è e non vuole dirlo più a nessuno.

De Roig: La paura è umana, ci protegge. Ma non dire che l’ansia sul lavoro ti aiuta o che ti fa lavorare meglio. È un segno che stai facendo qualcosa che non ti fa bene, o che stai lavorando in un ambiente che non ti fa bene. Se temi qualcosa, dai un’occhiata più da vicino”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24