“Solo il 29% della frutta consumata in Francia è coltivato anche in Francia”

Il gruppo francese “Sauvons les Fruits et Légumes” (“Conserviamo frutta e verdura”) ha preparato un rapporto sullo stato della coltivazione di frutta e verdura in Francia. Il rapporto discute i seguenti obiettivi: ridurre ed eliminare completamente l’uso di prodotti fitosanitari, sviluppare e attuare una strategia da fattoria a fattoria e porre fine all’uso di prodotti fitosanitari in modo programmato. Tutti questi obiettivi sono stati annunciati dal presidente francese Emmanuel Macron.

La Francia continua a ridurre l’uso di prodotti fitosanitari nel paese e nel territorio con l’aiuto dell’imminente inasprimento delle restrizioni alla loro vendita. Come affronteranno i frutticoltori le perdite di produzione e la concorrenza degli agricoltori dei paesi europei circostanti? Alla luce di questi problemi, il grado di indipendenza alimentare in Francia è messo in discussione poiché il 71% della frutta attualmente consumata in Francia è importato.

Maggiori restrizioni all’uso di prodotti fitosanitari
I frutticoltori francesi hanno sempre meno “spazio di manovra” quando si tratta di utilizzare prodotti fitosanitari. Secondo la Direzione Generale dell’Alimentazione francese, il 40% di questo utilizzo nei frutteti è una forma di utilizzo “orfano”, in quanto non esistono altre soluzioni protettive contro alcune malattie.

La combinazione di licenze di commercializzazione, spesso troppo complesse e restrittive, alla fine ha portato le aziende fitosanitarie a interrompere la produzione di determinate sostanze.

La scomparsa di alcuni prodotti crea problemi agli agricoltori, perché non riescono più a fermare alcuni parassiti e subiscono perdite di produzione. È il caso, ad esempio, delle bolle di cavalletta e pesca, alle quali oggi non c’è più una soluzione.

C’è un problema simile con il divieto del dimetoato sulle ciliegie il cui problema principale è la Suzuki Drosophila (Suzuki Drosophila) apparsa nel 2011/2012 per la quale non è stata ancora trovata una soluzione. Attualmente, i coltivatori di ciliegie hanno ancora accesso al prodotto Limidan Crop Protection, ma questo prodotto potrebbe scomparire entro il 2022/23 e l’uso ripetuto dello stesso prodotto potrebbe anche portare a una certa resistenza.

READ  Elena Ferrante parla della paura degli studenti universitari

Diverse risposte ai problemi menzionati sono attualmente allo studio. “L’industria delle ciliegie vuole offrire agli agricoltori una serie di soluzioni in grado di eliminare questo problema. Tuttavia, c’è il rischio di smarrimento dei pacchi a causa dei costi elevati e del fatto che alcune aziende agricole, soprattutto quelle le cui talee sono esposte al vento, non sarà in grado di utilizzare queste soluzioni, spiega Jean-Christophe Neron. Altre soluzioni come l’utilizzo di bug sono ancora in fase di ricerca.

“A questo punto sono in corso ricerche e sperimentazioni. È possibile che insetti sterili o insetti predatori forniscano una soluzione, ma c’è ancora molta incertezza, in particolare per quanto riguarda il finanziamento di tali progetti, l’efficacia del rilascio di insetti sterili che contengono grandi quantità di anche nel grado di protezione del frutteto dove si parla di un rendimento massimo di solo il 40%.”

“Per i frutteti di domani abbiamo bisogno di varietà resistenti alla ticchiolatura e protezione sotto forma di teloni”, afferma Jocelyn Saint-Raymond, direttore dell’Associazione nazionale francese di mele e pere. “Oltre a piantare un frutteto che un tempo costava 40 -50.000 euro, ora costa tra 100 e 120.000 euro. , che rappresenta un aumento del 50% dei costi di produzione relativi alla manodopera necessaria per aprire o chiudere il telo. Chiudere, a seconda delle condizioni meteorologiche. E nel momento in cui il costo del lavoro esplode, i prezzi per le mele sugli scaffali salgono dal 50 al 60% per mantenere la produzione nel Paese e nel Territorio”.

Prodotti fitosanitari e discussione generale
Secondo il politologo Eddie Fouger, il contesto è stato influenzato dall’uso di antidetergenti sin dagli anni 2000. La questione dell’uso dei pesticidi è diventata un dibattito pubblico, principalmente a causa dell’avvento di trasmissioni televisive sull’argomento. “La visione del controllo dei parassiti ha avuto un effetto (sintetico contro controllo naturale…) e ciò che viene avanzato è l’affermazione che la crescita organica è più pulita della crescita convenzionale.

READ  Sembra che ho scritto Grand Hotel Europa per niente

“Con i programmi di ricerca sui canali pubblici francesi, la ricerca sull’uso degli agrofarmaci si è diffusa online creando un contesto in cui politici e attori economici, come la grande distribuzione, stanno cercando di adattarsi per stare al passo con i tempi e non essere accusato di essere dalla parte sbagliata”.

Posizione competitiva rispetto alla strategia europea farm-to-board
Il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato che durante la presidenza francese dell’Unione europea, ridurre ed eventualmente vietare l’uso di prodotti fitosanitari sarà una priorità. Ma che dire del divario tra gli strumenti a disposizione degli agricoltori francesi e quelli utilizzati dagli agricoltori dei vari paesi europei confinanti con la Francia?

“Siamo in uno spazio economico aperto e quindi affrontiamo la concorrenza diretta di agricoltori stranieri che hanno strumenti e prodotti più economici di noi. Solo il 29% è cresciuto in Francia”.

Per quasi 20 anni, il consumo francese di pesche e nettarine è stato di circa 400.000 tonnellate (400.000 tonnellate prodotte e 400.000 tonnellate consumate). Oggi la produzione francese non supera le 200.000 tonnellate. Uno dei motivi del dimezzamento della produzione francese è l’aumento di 5 volte della produzione spagnola. “La Spagna è il nostro principale concorrente per il core fruit. Anche l’Italia è un grande produttore, ma è meno competitiva perché il Paese esporta principalmente frutta nell’Europa dell’Est”.

Inoltre, la Francia implementa sempre le misure europee molto rapidamente, ma questo non è il caso di altri paesi europei come la Spagna, che ha molti altri vantaggi, inclusa la manodopera a basso costo. Inoltre, i frutticoltori francesi devono pagare le tasse sugli ingredienti attivi che non si trovano in altri Stati membri.

READ  La Grecia è la campionessa del mondo a sostenere lo stato

Mentre la Francia era il primo esportatore globale nei primi anni 2000, esportando quasi 700.000 ton all’anno sui mercati internazionali, il paese ora sta lottando per esportare solo 400.000 ton. “La produzione agroecologica non ha importanza per i mercati mondiali. Agli acquirenti non interessano le condizioni di produzione. Quello che vogliono sapere è quante mele possono ottenere per un dollaro. Oggigiorno, puoi comprare solo una mela francese per $ 1,20, ma tu si possono anche acquistare due mele italiane o 4 mele polacche nella stessa quantità. È una questione di prezzo competitivo. Se una mela francese viene messa in un contenitore per alimentare il mercato cinese o tailandese, sarà rovinata all’arrivo perché la muffa si sviluppa durante trasporto senza protezione dai fungicidi.Quindi gli acquirenti non sono più disposti a pagare di più per una mela francese. Sanno che ci saranno perdite e problemi di qualità. Abbiamo perso tra le 200.000 e le 300.000 tonnellate di esportazioni di mele francesi negli ultimi cinque anni, pari a 200 milioni di euro. Purtroppo, questo significa inevitabilmente per alcuni agricoltori la bancarotta “, spiega Jocelyn St. Raymond.

Relatori: Jocelyn Saint-Raymond, Direttore della Lega Nazionale Pomés-Poires; Patrice Volpean, produttore di pesche, nettarine e albicocche a Saint-Martin-de-Crau; Jean-Christophe Neron, presidente di AOP Cerises de France e produttore a Malemort-du-Comtat, Vaucluse; Eddie Fougere, politologo, autore di Malaise à la Ferme.

per maggiori informazioni:
Collectif che conserva frutta e verdura in Francia
sauvonslesfruitsetlegumes.fr

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24