“Solo la solidarietà tra piloti e team può aumentare la sicurezza”

Sospensione

simbiosi Questo è un concetto difficile da trovare nel ciclismo da decenni. Sulle bici attuali, persiste ancora l’idea che la morte di qualcuno sia un altro pane. Dopo la fine della terza tappa a Pontivy, molti dei team manager e dei corridori hanno sospirato di nuovo. Si dice che il corso sia molto pericoloso e che i ciclisti vengano abusati da organizzatori come artisti circensi. Ancora nessuno si rende conto che è meglio sollevare questo panico prima di iniziare. Se i protagonisti del gioco pensano davvero che gli ultimi chilometri siano troppo pericolosi, stringiamo i pugni.

Sui social media sono arrivate notizie infuriate sugli ultimi chilometri della terza tappa attraverso la Bretagna. I punti interrogativi possono sicuramente essere messi dietro al sentiero stretto e tortuoso, che ha portato alla caduta di Arnaud Démare e Jack Haig, tra gli altri, a sette chilometri dal traguardo. Che sia stato un quarto di giro a 150 metri dove sono caduti Caleb Ewan e Peter Sagan è ironico. Anche se Ewan è caduto perché ha colpito la ruota posteriore di Tim Merler. Tuttavia, la conclusione generale era irresponsabile e pericolosa per la vita. Diversi indici sono stati puntati contro il tour operator ASO e l’UCI.

Anche il mio Whatsapp emette costantemente un segnale acustico al termine. E c’erano molti ex corridori e corridori che mi hanno detto in prima persona che il percorso non era così assurdamente pericoloso come alcuni sostenevano. Questi tipi di metodi sono ricercati anche in quasi tutte le altre competizioni. Puoi concludere che le strade D in Bretagna sono molto strette, ma molti ciclisti mi hanno già fatto notare che le strade larghe stanno causando più pressione.

Primus Roglic e Stephen Kruesvik si scontrano violentemente nella terza tappa del Tour – Foto: Kor Vos

Enorme pressione
La prima settimana rotonda ha visto un numero assurdo di cadute per decenni. C’è una ragione importante per questo: l’enorme pressione a cui i piloti sono sottoposti dalle squadre. Il Tour è più importante di qualsiasi altra gara al punto che vincere la Grande Boucle, finire tra i primi 10 o anche correre nella foto conta come mai prima d’ora. In questi 23 giorni in Francia, gli sponsor vogliono recuperare il loro investimento che è chiaramente di milioni. Ogni secondo dell’immagine viene registrato sul cronometro. Così i corridori, preferibilmente raggruppati per squadra, hanno urlato a gran voce i veicoli di supporto.

READ  Van der Sar risponde al file difficile dell'Ajax: buon contatto con Andre

Il vincitore di tappa Tim Merlier è stato chiarissimo dopo la cerimonia: “Non la pista, ma i corridori la rendono pericolosa. Da 70 chilometri all’arrivo, sta letteralmente lottando di nuovo per la tua posizione. Vedi i piloti davanti che non sono abituati per guidare in quella posizione. E poi all’improvviso frenano.” portando a situazioni pericolose per la vita.

Su questo ha in parte ragione la veloce belga Alpecin-Fenix. Ovviamente tutti hanno il diritto di guidare in testa al gruppo. Tuttavia, stranamente, alcune squadre vogliono ancora essere in vantaggio con un intero battaglione di servitori in alcune finali. Puoi anche chiederti se alcuni corridori non dimenticano di correre in gruppo pedalando solo in montagna per mesi? Dovrebbe volerci un po’ di tempo per abituarti dopo mesi di allenamento da solo, quando improvvisamente devi spremere e schizzare per farti andare come un matto. Tuttavia, se vuoi vincere il round, anche lo sterzo è un aspetto che devi padroneggiare.

fermati una volta
Non c’è dubbio che lo stress è la causa principale di tutta la miseria delle cadute. La grande domanda è: come allentare la tensione al Tour de France? La concorrenza diventerà solo più importante nel mondo in evoluzione dei media e dei paradigmi sportivi. L’unica soluzione che posso offrire è che nelle tappe di puro sprint, dove gli ultimi dieci chilometri delle finali sono pianeggianti, il tempo di classifica ai box è fissato molto prima. L’ora di ogni persona è per la valutazione, ad esempio, a dieci chilometri dalla fine.

Caleb Ewan e Peter Sagan cadono a Pontife – Foto: Kor Vos

Questo ovviamente non è possibile se c’è ancora una salita di terza o quarta categoria in quella finale. Gli aggressori dovrebbero anche essere in grado di ottenere ricompense per essersi posizionati lì. Perché se tecnicamente non succede nulla, avremo di nuovo il problema che la maggior parte dei media e del pubblico affermano che il ciclo induce il sonno. Per imparare il giro dalle meravigliose finali del Giro d’Italia e della Vuelta a Espana. Quegli ultimi chilometri in Italia e Spagna sono spesso molto più pericolosi di quanto non fossero al Tour, ma a causa della minore tensione nel gruppo, sembra molto più sicuro.

READ  FC Groningen spende molto nel mercato | calcio

È chiaro che la caduta di molti è contro la pubblicità del ciclismo. Non c’è discussione a riguardo. In questo modo, lo sport è come la lotteria. Il pericolo dietro ogni curva è uno dei motivi per cui molti giovani non scelgono mai di andare in bicicletta. Anche se nessuno sponsor è felice di svolgere un ruolo di primo piano sul campo di battaglia ogni giorno.

Suonò il campanello
Posso solo dare un consiglio a tutte le bande e fantini: mettete insieme le teste, invece di cantare lamenti quando il proverbiale vitello affondò per la prima volta. Oggi, i giochi sono esplorati in grande dettaglio. Tutte le squadre ottengono le finali da sole o le studiano più volte tramite Google Earth e Veloviewer. Prima di partire, le foto nei bus della squadra vengono mostrate nuovamente ai corridori. Se ci sono percorsi non possibili nel percorso, intervieni? Allora hai suonato il campanello?

Il capo server Tim DeClerk dei Deceuninck-Quick-Step Spurs a Pontivy ha detto a tutti che sapevano che si trattava di una finale seria. “I corridori avevano chiesto alla giuria della competizione di segnare un tempo entro otto chilometri dal traguardo, ma non è stato accettato”. E poi colpisci i pedali e ti schianti a 70 chilometri orari su strade adatte solo a un traffico fino a 60 chilometri orari?

Per Jack Haig, il tour termina anche in Bretagna – Foto: Cor Vos

Mark Madiot, Team Manager Groupema-FDJ, è uno dei ragazzi che simpatizza con i suoi piloti. Il suo leader, Arnaud Demarie, è stato tra le principali vittime dell’incidente, avvenuto negli ultimi dieci chilometri. Ecco perché alla fine era più che arrabbiato: “Sono papà e non voglio che mio figlio diventi un ciclista professionista dopo aver visto questo. Questo non è più il ciclismo. Qualcosa deve cambiare, non sta andando bene . Se non lo facciamo, ci saranno morti Non vale la pena andare in bicicletta”.

L’anno scorso, la squadra di Madiot ha scoperto il Col de Plan Bois di 1.299 metri poco prima del Delfinato. Una salita di prima classe, proprio come in Alta Savoia. Thibaut Pinot e alcuni dei suoi colleghi sono rimasti scioccati quando si sono tuffati nel pianerottolo. C’erano buchi nella strada delle dimensioni di buche. La loro conclusione è stata pericolosa per la vita. “Scandilux”, gridarono all’unisono.

READ  Nadal felice di esaurirsi a Barcellona in preparazione per il Roland Garros | proprio adesso

urla interiori
All’epoca, invece di agire, c’erano ancora delle grida interiori da parte dei ragazzi di Groupama-FDJ. Non c’è nessuna notifica sui social media. Nessun avvertimento per le altre squadre in vista e durante il Delfinato. Nemmeno una domanda fastidiosa al regolatore. Anche durante il Delfinato non c’erano campanelli d’allarme per avvertire gli altri. Qui sta il problema. Tutti urlano, ma non fanno niente.

L’anno scorso ho sottolineato che la sicurezza è un problema così comune e difficile sulle strade pubbliche che è fin troppo facile dare la colpa all’UCI e ai regolatori. Questo è un problema che deve essere affrontato congiuntamente da tutte le parti interessate.

All’inizio del Tour dello scorso anno a Nizza, Jumbo-Visma, Dekoninc-Kwikstep, Ineos Grenadiers e Team Sunweb hanno dato il via a una riunione per incaricare specialisti esterni della sicurezza delle corse, che hanno guadagnato la loro serie in sport come MotoGP e Formula 1. Un professionista azienda di sicurezza. Non ne abbiamo più sentito parlare in seguito, quindi possiamo anche mettere questa iniziativa sotto il titolo decorazione della finestra.

Caleb Ewan ricoverato in ospedale – Foto: Cor Vos

Gruppo di applicazioni
A quel tempo, ho proposto l’idea che tutte le squadre dovrebbero avere un rappresentante (team leader) in una suite di applicazioni comune, dove sarebbero state segnalate le corsie pericolose incontrate dai loro corridori durante un sondaggio. Potresti dire che creare una suite di applicazioni di sicurezza è la cosa più semplice che puoi fare. All’epoca, ho ricevuto feedback da alcune squadre, il che è stata sicuramente una buona idea. Tuttavia, questo non è ancora il caso.

E così il ciclismo pontificio torna a leccarsi le ferite. Ora tutti urleranno che è ora di prendere misure e che non si può continuare così. Lascia che tutti quelli che gridano questo si guardino in privato e si chiedano cosa stanno facendo realmente. Questo non è un problema di una parte, è un problema di tutte le parti interessate nel ciclismo. Ora bisogna dimostrare solidarietà.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24