“Sono orgoglioso di aver giocato all’Orange O19, ma non dovrebbe finire qui”

Giovedì 12 agosto 2021 alle 00:15• Thijs Verhaar • Ultimo aggiornamento: 16:09

La divisione Kitchen Champion è stata utilizzata per decenni come incubatore di talenti nazionali e internazionali e anche in questa stagione diversi calciatori con potenziale stanno vagando per il secondo livello. Voetbalzone, media partner ufficiale della Kitchen Champion Division, mette in evidenza uno di questi talenti ogni settimana, questa volta concentrandosi su Jasper Dahlhaus, che spera di distinguersi come un diciannovenne “ragazzo con l’elastico” all’FC Eindhoven. .

di Thijs Verhaar

Sempre questa fascia per capelli. Puoi quasi sentire il giovane ala destra pensare quando il suo capo d’abbigliamento caratteristico appare durante l’intervista. All’inizio della sua carriera, “The Band” è stato discusso innumerevoli volte. Che lo indossi per distinguersi o per sembrare una persona? numero. È solo pratico impedirgli di avere gli occhi sudati con i suoi lunghi capelli mentre si allena. “Quando ero piccolo, a volte mi chiamavano scherzosamente Messi quando questa cosa era di nuovo sulla mia testa. Lo faceva ovviamente, ma in realtà non ha nulla a che fare con questo. Sono solo Jasper, con una fascia . Questo è tutto.”

Non si riflette necessariamente di fronte ad altri calciatori. Dahlhaus vuole solo fare passi da gigante, essere importante per la squadra e sfruttare al massimo il suo talento. “Ovviamente questo include guardare molte partite di calcio e ci sono già giocatori che mi piacciono, ma non significa che voglio assomigliare a nessuno di loro o a qualsiasi altra cosa”. Tuttavia, un nome viene subito in mente quando si tratta dei suoi giocatori. “Neymar. Quelle sue stranezze sono così belle da vedere. Mi piace anche dare promozioni che il pubblico possa apprezzare, quindi in un certo senso questa è un’ispirazione”.

Jasper Dahlhaus è andato subito in pista contro l’FC Volendam nel primo turno di venerdì.

Al contrario, la stella brasiliana del Paris Saint-Germain probabilmente non ha (ancora) idea dell’attaccante 19enne dell’Eindhoven, ma se dovesse vedere le foto della partita di venerdì scorso contro l’FC Volendam, probabilmente ce ne sarebbe una. . Neymar può anche apprezzare. Poco prima della fine del primo tempo, Dalhouse è apparso da solo nella squadra di Volendam, con due difensori davanti a lui e bloccando la strada per la porta. Dahlhaus ha aperto l’area dei trucchi, ha dribblato come Arjen Robben, ha trovato la gamba del difensore sulla sua traiettoria, è caduto a terra e ha guadagnato un rigore.

READ  Non puoi giocare a baseball senza senso

Alla fine è stato sparato da Joey Sligers, che ha anche segnato 2-2 nella rete delle corde poco prima della fine della partita. Di conseguenza, il PSV Eindhoven è stato sorprendentemente in grado di rubare un punto ai favoriti del titolo in casa, anche se l’unico portiere sostituto, il diciottenne Jurt Burgmanns, dovrebbe essere lodato per le sue numerose parate. Quindi non c’è un ruolo da eroe per Dahlhaus, ma questo non lo preoccupa. “I punti mi arrivano da tutto. Questa è una bella qualità per me. I tifosi possono aspettarsi che crei uno spettacolo con le mie azioni, cross e tiri, ma questo non è un obiettivo in sé. Il mio unico obiettivo è vincere la partita e se riesco a creare entusiasmo sugli spalti durante la mia partita, questo è un grande bonus”.

Tuttavia, senza dubbio penserà per un momento a cosa sarebbe successo se fosse caduto dietro la palla per il calcio di rigore. Dahlhaus vorrebbe affermarsi ora che il PSV Eindhoven lo ha preso definitivamente dal Willem II quest’estate, essendo stato ingaggiato da Tillberger la scorsa stagione. “Mi piace mettermi in mostra, sì. Certo. So che posso prendere un buon rigore, quindi alzerò sempre la mano quando l’allenatore chiede chi vuole prenderlo. L’ho fatto prima ed è andato bene” sottolinea con un understatement la prima apparizione, la sua con l’Orange Under 18 nel marzo 2019.

Dahlhaus ha fatto parte dell’Orange Under 19 nell’ultimo Youth International.

All’epoca, gli furono concessi due minuti di anticipo contro i suoi compagni di squadra in Italia. L’arancione era passato in vantaggio quindici minuti prima e prima che Dahlhaus toccasse la palla, l’Olanda ha ricevuto un rigore. “Sapevo che come sostituto in ritardo avevo poco tempo per mettermi alla prova, quindi sono andato subito dietro la palla. I ragazzi hanno pensato che fosse tutto a posto e fortunatamente gli ho sparato”, ricorda l’ala destra. “È stato un grande momento per me. Non avevo paura di essere convocato di nuovo se avessi perso? No. Ho solo visto una grande opportunità per mettermi alla prova. Per fortuna in campo non sono ansioso e mi sento a suo agio tra i giocatori”. figli. “

READ  Virgil van Dijk vince con il Liverpool | calcio

La sua scommessa è stata vinta e Dahlhaus si è ritrovato sotto i 19 anni sei mesi dopo, in campo con Ryan Gravenberch, Ramon Hendricks, Joshua Zirkzee, Maxime Gullit e Brian Broby. “Certo che era un livello più alto di quello a cui ero abituato nel club, ma ho notato che potevo entrare. Credi. Se potessi giocare a calcio con questo tipo di giocatori, avanzerei automaticamente. Queste sono esperienze che considero davvero essere tra i momenti salienti della mia carriera”. “Sono orgoglioso di dire che ho giocato per l’Olanda, ma questo non dovrebbe rimanere il momento clou. Voglio provarlo più spesso in futuro, anche se non so se sarò ancora nella foto quando il calcio giovanile internazionale riprende. Devo fare bene a Eindhoven e poi vedrò”.

Dahlhaus ha iniziato giovanissimo in VIOD da Doetinchem ed è stato presto notato dai giovani scout di De Graafschap. Super agricoltori Tuttavia, ha cacciato da dietro la rete perché Feites è stato superato in astuzia da loro. “Mi sentivo meglio, quindi ho fatto il cambiamento quando avevo otto o nove anni. Da allora ho sempre sognato di diventare un professionista”, ha detto Dahlhaus, che ha ereditato la mentalità dell’atleta dai suoi genitori, “Ho anche lavorato sodo per la giornata fuori”. “Non appartengo a una famiglia calcistica, ma mia madre si è sempre occupata di hockey e mio padre giocava a pallamano ad alto livello. Mi hanno sempre lasciato libero di fare ciò che mi piace e mi hanno insegnato a farlo. Sono così grato a loro per tutto quello che hanno fatto e continuano a fare per me”.

Il diciannovenne ha anche reso omaggio ai suoi allenatori al Vitesse e poi al Willem II. Si è trasferito a Tilburg nell’estate del 2020, e ha già esordito tra i professionisti in Eredivisie nella prima partita della stagione. Al secondo turno ne è stato sostituito un altro, ma basta. “Alla fine della giornata, quell’anno non è andato così bene come avevo sperato”, ora si guarda indietro. “Forse potevo contare su questo, perché sentivo di poter competere bene sia fisicamente che nel calcio. Ora spero di dimostrarlo ad Eindhoven”. Lo hanno catturato in affitto durante la pausa invernale e questo ha portato a un gol in tredici partite. “In termini di statistiche, ovviamente non sono soddisfatto, ma ho sentito la fiducia del club e sono anche molto contento dei minuti che ottengo”.

READ  Un bambino va in bicicletta per la prima volta senza rotelle

Dahlhaus ha fatto il suo debutto in Eredivisie la scorsa stagione con il Willem II, ma non c’è stato più di un secondo sostituto per i Tilburgers.

Quindi Dahlhaus non ha dovuto esitare a lungo quando ha segnalato la sua nomina a Eindhoven come permanente quest’estate. Sebbene fosse in buona forma per la partita del Willem 2 con cinque gol in due partite di esibizione, sente ancora che avrà una seria occasione in Eredivisie. “Almeno non in fretta, mentre sapevo cosa avrei potuto ottenere a Eindhoven. Ecco perché ho deciso di lasciarmi alle spalle Movie 2, anche se mi sarebbe piaciuto molto la concorrenza. Tuttavia, penso che il passaggio intermedio sia l’opzione migliore perché ho bisogno di tempo per giocare. Ora è trattenuto qui da due anni, quindi devo usarlo per svilupparmi”.

L’ala destra “n. 10” si descrive come veloce e tecnico, mentre annovera i suoi buoni passaggi e la visione tra i suoi punti di forza. “Ho segnato facilmente anche in gioventù, ma prima devo dimostrarlo nella sezione Kitchen Champion. Tuttavia, so di averlo in me, quindi la fiducia è buona”. Allo stesso tempo, è anche consapevole delle sue aree di miglioramento. “Difensivamente devo fare di più se voglio arrivare in alto. Gli allenatori ci stanno bussando e fortunatamente sta andando nella giusta direzione”, conclude Dahlhaus, desideroso di aiutare il suo club nelle partite di spareggio. “Questo è un buon obiettivo per questa stagione, quindi farò del mio meglio per questo”.

Sostantivo: Jasper Dahlhaus
data di nascita: 27 novembre 2001
club: FC Eindhoven
posizione: ala destra
punto di forza: Velocità, intuito e determinazione

Voetbalzone è media partner ufficiale della divisione Kitchen Champion

Fai clic qui per interviste esclusive, talent scout, lavori attuali e il programma nella pagina della divisione Kitchen Champion.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24