Sonoda: miglioramento dopo trasloco: “L’Italia è troppo pigra”

Yuki Sunoda ha avuto una prima stagione mista. Il giapponese ha iniziato molto bene in Bahrain, ma poi è sceso sempre di più, diventando più noto per i suoi discorsi radiofonici di bordo che per le sue abilità lungo la strada. L’autista dell’AlphaTauri sembra aver fatto dei progressi da quando è emigrato in Italia, e Sunoda si chiede perché questa mossa lo abbia aiutato.

A colloquio con gli italiani Autosprint Il 21enne giapponese spiega perché il suo trasferimento ad interim lo ha aiutato a ottenere risultati migliori. “Questa mossa mi ha aiutato nella mia preparazione. Prima di andare in Italia ero molto pigro. Sono tornato subito a casa dopo l’allenamento, ho acceso la mia PlayStation 5 e ho cercato di giocare tutto il giorno e divertirmi”.

Ha iniziato la sua produzione quando Sunoda si è messo in mezzo. Prima di allora non aveva fatto quasi nulla, quindi ha volato in fretta durante il fine settimana. “Ecco perché quando ho iniziato una gara del fine settimana mi sono sentito come se fossi nel panico. Ho appena iniziato a prepararmi per la gara a quel punto e penso che sia troppo tardi.

Richiede un prodotto diverso

Ha capito che ha bisogno di un prodotto diverso rispetto agli uomini che guidano da un po’ di tempo nella classe reale. “Quando ho iniziato a confrontarmi con altri piloti, ho iniziato a pensarci e a prepararmi. Ero un nuovo giocatore, avevo bisogno di più preparazione rispetto a piloti esperti, e poi penso di aver fatto alcune cose significative.

I cambiamenti che ha fatto sembrano dare i suoi frutti. I risultati di Sonoda sono migliorati e anche lei si sente meglio. “Alcune funzionalità sono migliorate da quando mi sono trasferito in Italia. Dopo la gara, siamo tornati in fabbrica per analizzare le gare e capire quali fossero i problemi, e questo approccio ha fatto la differenza.

READ  La Coppa di Roma non garantisce crescita economica in Italia

Ritorno in Giappone in vacanza

Dopo una prima stagione difficile tra alti e bassi, i giapponesi scelgono di tornare in patria. Non ha potuto tornare lì dall’inizio della stagione. ‘Prima andrò in Giappone per ricaricare la batteria. Non vado in Giappone da febbraio e mi manca così tanto il cibo giapponese, quindi mi raggiungerò prima.

“Ma allo stesso tempo ho bisogno di migliorarmi, soprattutto in termini di forma fisica. Quindi ovviamente continuerò a migliorarmi e a partire bene nella prima gara in Bahrain nel 2022. Riguarda quello che ho intenzione di fare fare in bassa stagione. Mi piace rilassarmi e bere birra. Sarà una bassa stagione dura, ma devo migliorare su queste cose per iniziare bene “, ha concluso.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24