Sorpresa per i virologi: cervo dell’Ohio positivo al test

Bambi ha la corona. Più di un terzo dei cervi selvatici dalla coda bianca nello stato americano dell’Ohio è risultato positivo al SARS-CoV-2. Questo è ciò che hanno scritto i ricercatori americani Guidato dal veterinario Andrew Bowman poco prima di Natale sulla rivista scientifica temperamento natura.

Poiché ci sono anche indicazioni che gli animali trasmettano il virus tra loro, esiste il rischio di formare un serbatoio animale per SARS-CoV-2. Il virus può rimanere dormiente lì, portando di volta in volta a nuovi focolai tra le persone. Al momento non ci sono segni che ciò sia ancora accaduto.

visone in danimarca

L’epidemiologo veterinario Arjan Stegmann della Facoltà di medicina veterinaria dell’Università di Utrecht risponde: “È pericoloso? È così che vuoi pensarlo. Ma se un virus entra in un ospite diverso, ottieni un diverso tipo di selezione e vengono generate mutazioni. “

Questo non deve sempre finire male, dice Stegmann, riferendosi a una variante virale che ha avuto origine nei visoni in Danimarca nel 2020 e ha infettato le persone in seguito. “Dopo metà settembre nessuno vedeva più questo tipo di visone, sembrava morto da solo”.

Leggi anche: I danesi uccidono il visone “per salvare un vaccino”

Bowman e il suo team hanno raccolto campioni di muco nasale da 360 cervi catturati questa primavera in nove località nel nord-est dell’Ohio. 129 animali sono risultati positivi al coronavirus, in particolare dollari e animali più pesanti. La maggior parte dei campioni positivi proveniva da località con una densità di popolazione relativamente alta, il che indica che il contatto con l’uomo potrebbe aver causato la trasmissione del virus ai cervi.

READ  Omikron batte i record di inquinamento | Standard

L’analisi genetica dei virus in 14 campioni ha confermato questa opinione: appartengono a ceppi virali che in seguito circolarono tra gli esseri umani. La più numerosa era la variante B.1.2, che nelle settimane precedenti aveva provocato un’ondata di alone tra la popolazione.

A lungo termine, questo potrebbe spingere la lotta contro il Covid-19 nelle ruote

Andrew Bowman ricercatore

“La nostra analisi filogenetica mostra che il virus è più comunemente trasmesso dagli esseri umani ai cervi”, ha detto Bowman in una spiegazione via e-mail. “I virus SARS-CoV-2 che erano prevalenti in Ohio all’epoca si diffondevano indipendentemente dagli esseri umani nelle popolazioni di cervi in ​​almeno sei località diverse. Il successivo trasferimento da cervo a cervo visto in tre località indica che i cervi selvatici dalla coda bianca erano il potenziale per diventare il primo serbatoio non umano di SARS-CoV-2. Se ciò accade, potrebbe aiutare a lungo termine a combattere il Covid-19”.

Bowman ha scoperto cambiamenti genetici nei virus dei cervi che potrebbero indicare l’adattamento a un nuovo ospite. Di preoccupazione, contiene anche una mutazione che provoca un cambiamento di aminoacidi nella proteina spike, permettendo al virus di sfuggire agli anticorpi umani. È correlato alla mutazione E484D, una mutazione molto rara osservata solo 201 volte in tutto il mondo nella SARS-CoV-2, di cui 71 volte negli Stati Uniti. Tuttavia, è impossibile determinare se questa mutazione sia stata introdotta nella trasmissione umana o nei cervi o se abbia avuto origine nei cervi.

30 milioni di cervi dalla coda bianca

inizia quest’anno È già stata beta I cervi dalla coda bianca sono sensibili al SARS-CoV-2 e possono anche trasmetterlo tra loro. È stata una grande sorpresa, afferma Stegeman: “Molti scienziati pensavano che il virus potesse diffondersi a felini e gatti, ma pensavano che i cervi fossero strani”.

READ  Più violenza sessuale tra i giovani durante il coprifuoco

A novembre pubblicato I ricercatori dell’USDA hanno condotto uno studio che ha scoperto che il 40% dei cervi selvatici dalla coda bianca in quattro stati del nord degli Stati Uniti aveva anticorpi SARS-CoV-2 nel sangue. Circa 30 milioni di cervi dalla coda bianca (Odocoileus virginianus) nella natura selvaggia. Inoltre, ci sono anche centinaia di parchi di cervi dove vengono allevati esemplari di cervi addomesticati.

Come fa il virus a passare così facilmente dall’uomo al cervo? “È difficile da dire”, risponde Bowman. Nel temperamento naturaUn articolo, rileva che il virus era molto nelle fognature durante la pandemia. I cervi vagano anche per i cortili delle persone e possono mangiare rifiuti alimentari contaminati. Potrebbero anche, in teoria, contrarla dai cervi domestici, che, dopotutto, sono più strettamente imparentati con l’uomo perché accuditi. Ma Bowman rifiuta questo scenario: “Non ci sono allevamenti di cervi nell’area di studio”.

“Sono rimasto sorpreso dal fatto che ci fossero così tanti casi di corona tra questi cervi selvatici”, afferma Stegmann. Non aspettarti che il virus continui a diffondersi in specie animali che non vivono in grandi branchi, ma in piccoli gruppi. Ma è stato anche scoperto che questi cervi sono suscettibili alle infezioni malattia del deperimento, che è una malattia da prioni. Inoltre continua a diffondersi. Forse c’è qualcosa in questo host che lo rende possibile”.

Leoni, tigri e iene

Negli zoo, è stato dimostrato che SARS-CoV-2 si diffonde a molte specie animali diverse, tra cui leoni, tigri, iene e gorilla. I gatti e le grandi scimmie sono noti per essere sensibili a questo virus. Ma il virus ha fatto anche balzi inaspettati. All’inizio di questo mese, per esempio, è stato stabilito Due ippopotami allo zoo di Anversa hanno contratto il coronavirus.

READ  Weinig jonge vrouwen laten uitstrijkje maken, RIVM komt in actie

Gli animali che si avvicinano alle persone possono spesso catturarli, ma un serbatoio può formarsi solo quando più animali sono tenuti vicini l’uno all’altro, come nel caso del visone. Stegeman: “Abbiamo anche visto che i gatti domestici possono catturare SARS-CoV-2 e trasmetterselo tra loro se sono alloggiati insieme. Ma in pratica, questo non ha portato a un serbatoio animale, probabilmente perché i gatti vivono molto distanti , di solito con solo uno o due animali per famiglia. Quindi il virus non può vivere lì”.

Il fatto che la presenza dei cervi ora sembri controintuitiva è un motivo per cui dobbiamo prestare maggiore attenzione, anche nei Paesi Bassi. Il cervo dalla coda bianca è un lontano parente del capriolo, che si aggira molto in Olanda. Entrambi i tipi sono chiamati pseudodeer. SARS-CoV-2 non è stato rilevato nei cervi, ma Stegeman afferma che sarebbe saggio tenerlo d’occhio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24